All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Huw Warren: Hermeto +

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Huw Warren è un pianista gallese già noto anche alle nostre latitudini per l'importante recente collaborazione accanto a Maria Pia De Vito in un progetto dedicato ai linguaggi etno-musicali planetari chiamato Diálektos (Parco della Musica Records).

Curioso ed onnivoro, il suo nuovo lavoro è un omaggio al grande Hermeto Pascoal, fisarmonicista, pianista, sassofonista, chitarrista, cantante fra i più conosciuti e apprezzati degli ultimi 50 anni di musica brasiliana.

La strabiliante forza creativa di Pascoal, sicuramente evidente più dal punto di vista dell'arrangiamento che da quello dello stile, ha colpito con regolarità l'attenzione di diversi protagonisti della musica moderna. Nelle note di copertina, Warren sentenzia di avere scoperto Pascoal un quarto di secolo fa e di essere rimasto sempre invischiato nelle composite architetture di quelle composizioni fatte di mielose ballate o di classici up-tempo post bossa nova, intrecciati con rumoristici interventi para-sperimentali di innovativa tendenza modernista.

Sposando il ben noto motto del "tutto è musica," il grande merito di Pascoal è stato quello di attingere all'essenza della musica popolare nordestina, trovando poi il modo di modernizzare il tutto rendendolo fluido e fruibile per il mercato extra-brasiliano, utilizzando a piene mani il sapere dello swing, del jazz più libero e calando infine il tutto in una sorta di nuova ecumenica fusion.

Ritmo e melodia sono ovviamente iperpresenti in ogni secondo della musica di Pascoal. Warren incensa l'idea, dandone piena dimostrazione in perfetta similitudine sonora, scegliendo di dividere il lavoro al 50% fra composizioni di Pascoal e originali firmati di proprio pugno. Una sorta di operazione didattica che omaggia da una parte la grandezza del brasiliano e che dall'altra dimostra come il suo lavoro possa essere perpretato nel futuro.

Il risultato, anche grazie ad un buon interplay con Peter Herbert al contrabbasso e Martin France alle percussioni, è sostanzialmente positivo, confinando comunque il tutto entro i ben sicuri steccati di una sorta di mainstream capace di strizzare l'occhio al "grande pubblico".

Il disco inizia e termina con un divertente gioco escheriano fra un "The End Is Also the Beginning" di partenza e un finale "The Beginning Is also the End". In mezzo a questi due manici, la pentola del suono offre molto del calore e della gioia delle classiche composizioni marcate Pascoal ma, come detto, anche degli intelligenti alter-ego firmati dal titolare del progetto.

Il suono è impeccabile, curato e le sorprese migliori vengono forse proprio dai brani di Warren, molto curati dal punto di vista del "tempo," altra grande e particolare lezione del padre brasiliano, già dai tempi di Live-Evil accanto a Miles. Musica ricca ma semplice, melodica e ricca di talvolta curiose armonizzazioni che potrebbe colpire l'ascoltatore eclettico in amore verso gli esotismi sonori di una terra musicalmente sacra.


Track Listing: The End Is Also the Beginning; Santo Antonio; DP & C; Harmonia sem Chronologia; Desencontro Certo; Cowbois and Shepherds; Santa Caterina; Jegue; All is Sound; Briguinha de Musicos Malacos; Nos da Good Knight; All Is Music; All Is Life; Frevo en Maceio; The Beginning Is Also the End.

Personnel: Huw Warren: piano, accordion, keyboards; Peter Herbert: double bass; Martin France: drums, Simmons drums.

Title: Hermeto + | Year Released: 2009 | Record Label: Basho Records

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read with whom you can be who you are CD/LP/Track Review
with whom you can be who you are
by Dan McClenaghan
Published: September 21, 2018
Read Inner Core CD/LP/Track Review
Inner Core
by Troy Dostert
Published: September 21, 2018
Read Dirigo Rataplan II CD/LP/Track Review
Dirigo Rataplan II
by Jerome Wilson
Published: September 21, 2018
Read The Window CD/LP/Track Review
The Window
by Chris Mosey
Published: September 21, 2018
Read Mønk CD/LP/Track Review
Mønk
by Chris May
Published: September 20, 2018
Read The Music of Gary Lindsay / Are We Still Dreaming CD/LP/Track Review
The Music of Gary Lindsay / Are We Still Dreaming
by Jack Bowers
Published: September 20, 2018
Read "Contrast" CD/LP/Track Review Contrast
by David A. Orthmann
Published: April 1, 2018
Read "Pickin'" CD/LP/Track Review Pickin'
by Matt Hooke
Published: September 1, 2018
Read "Dexter Gordon Quartet Tokyo 1975" CD/LP/Track Review Dexter Gordon Quartet Tokyo 1975
by Mike Jurkovic
Published: August 6, 2018
Read "Man No Longer Me" CD/LP/Track Review Man No Longer Me
by Matt Hooke
Published: December 25, 2017
Read "A Sky You Could Strike a Match On" CD/LP/Track Review A Sky You Could Strike a Match On
by Patrick Burnette
Published: January 15, 2018
Read "Beethoven – Missa Solemnis" CD/LP/Track Review Beethoven – Missa Solemnis
by C. Michael Bailey
Published: March 17, 2018