0

Helga Plankensteiner e Miki Loesch – Direttori Artistici di Lana Meets Jazz

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Cerchiamo di avvicinare la montagna a Maometto


Giunto alla sua sesta edizione, Lana Meets Jazz è un festival che si svolge nella prima settimana di maggio a Lana, in provincia di Bolzano. Tratto caratterizzante e significativo della manifestazione è la presenza degli allievi della locale scuola di musica, che troviamo non solo seduti tra il pubblico (e già questa sarebbe una felice novità), ma anche sul palco a suonare e condividere musica con stelle del jazz internazionale.

Ne abbiamo parlato con i due ideatori della rassegna, la sassofonista Helga Plankensteiner ed il pianista Miki Loesch


All About Jazz: Come è nato Lana Meets Jazz?

Helga Plankensteiner e Miki Loesch: Nella scuola di musica da parecchi anni ci sono dei corsi di jazz. Abbiamo pensato di far sentire agli allievi come si suona veramente e abbiamo iniziato con una rassegna di concerti nella scuola. In seguito abbiamo deciso di concentrare i concerti in un festival, pensando che sarebbe stato meno impegnativo dal punto di vista dell'organizzazione. Invece, che sorpresa, il lavoro è raddoppiato ... Ma anche la soddisfazione

AAJ: Come si differenzia Lana Meets Jazz rispetto alle altre proposte musicali presenti nel territorio?

HP, ML: Al centro dell'attenzione del festival ci sono sempre i giovani studenti di musica che si esibiscono accanto ai grandi del jazz internazionale, per cui si incontrano diverse generazioni di musicisti e questo risulta essere molto stimolante.

AAJ: Quali obiettivi vi ponete quando iniziate a lavorare sulla programmazione?

HP, ML: Cerchiamo di non essere restrittivi e di offrire una vasta gamma di stili diversi, anche contrastanti.

AAJ: Che criteri adottate nella scelta dei musicisti?

HP, ML: Di solito i musicisti vengono scelti in base alle esigenze dei giovani della scuola di musica. Musicisti che fanno workshop o che comunque hanno un rapporto positivo con l'educazione musicale e che comprendono lo spirito del festival.

AAJ: Come selezionate gli spazi a vostra disposizione per abbinarli con i musicisti adatti?

HP, ML: Non abbiamo una vera e propria sala da concerto e quindi i concerti li facciamo in luoghi che hanno una forte connotazione come castelli, musei, chiese, birrerie, centrali elettriche, centri giovanili, hotel, biblioteche, case di riposo, o luoghi all'aperto, e per ogni posto cerchiamo la musica che si adatta all'acustica, alla scenografia ed al pubblico previsto.

AAJ: Come vi relazionate con il territorio?

HP, ML: Cerchiamo di avvicinare la montagna a Maometto.

AAJ: Qual è il segno più tangibile che il festival lascia sul territorio?

HP, ML: Se ci sono dei giovani che si abituano ad andare ai concerti e ad ascoltare del jazz, e ci portano parenti ed amici, allora il festival lascia un segno.

AAJ: Quali sono le maggiori difficoltà con cui vi dovete confrontare nell'organizzazione del festival?

HP, ML: La crescente diversificazione della comunicazione. Ci sono sempre più canali mediatici da seguire e quindi aumenta il lavoro su stampa, media e internet.

AAJ: Indicativamente, che budget ha Lana Meets Jazz? E che percentuale è allocata direttamente ai musicisti?

HP, ML: Tra i trenta e i quarantamila euro, di cui circa la metà è destinata ai musicisti.

AAJ: Riguardo ai partner organizzativi e finanziari, istituzioni pubbliche o sponsor privati, cosa è cambiato nel tempo?

HP, ML: Notiamo una reazione generalmente più positiva al festival, in concomitanza però con una tendenza al risparmio.

AAJ: Ci raccontate un episodio particolare accaduto nelle passate edizioni?

HP, ML: Franco Ambrosetti, che ha sentito i giovani allievi suonare prima di lui, e dopo il suo concerto (che era a ingresso libero) ha lasciato il suo obolo nella scatola delle offerte.

AAJ: Quali sono i festival, nazionali o internazionali, che ammirate?

HP, ML: Senza fare nomi, ci piacciono i festival che presentano produzioni originali e che, oltre ai concerti, riescono anche a creare una certa atmosfera da festival.

AAJ: Una volta iniziato il festival, riuscite a godervi i concerti che avete organizzato come degli spettatori comuni?

HP, ML: Visto che abbiamo un festival piccolo e dobbiamo pensare un po' a tutto: con un'occhio ed un orecchio sì!

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Craig Taborn and his multiple motion Interview Craig Taborn and his multiple motion
by Giuseppe Segala
Published: August 7, 2017
Read Richie Cole: Blue Collar Bebopper Interview Richie Cole: Blue Collar Bebopper
by Rob Rosenblum
Published: August 1, 2017
Read Charles Lloyd: The Winds Of Grace Interview Charles Lloyd: The Winds Of Grace
by Ian Patterson
Published: July 14, 2017
Read Randy Weston: Music of The Earth Interview Randy Weston: Music of The Earth
by R.J. DeLuke
Published: June 28, 2017
Read Nicole Johänntgen: Henry And The Free Bird Interview Nicole Johänntgen: Henry And The Free Bird
by Ian Patterson
Published: June 27, 2017
Read "Aaron Parks: Rising To The Challenge" Interview Aaron Parks: Rising To The Challenge
by R.J. DeLuke
Published: June 21, 2017
Read "Richie Cole: Blue Collar Bebopper" Interview Richie Cole: Blue Collar Bebopper
by Rob Rosenblum
Published: August 1, 2017
Read "Bill Cunliffe: A Day In the Life" Interview Bill Cunliffe: A Day In the Life
by Tish Oney
Published: November 3, 2016
Read "Jeff Parker: Reinventing Tradition" Interview Jeff Parker: Reinventing Tradition
by Jakob Baekgaard
Published: September 20, 2016

Sponsor: JANA PROJECT | LEARN MORE  

Support our sponsor

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.