All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

“Harlem 1958” - Celebrazione di un evento irripetibile

Gaetano Fiore By

Sign in to view read count
Una foto, semplicemente una "foto," non uno scatto veloce, affrettato o rassicurante come per il "digitale," bensì qualcosa di tangibile, quasi materico, che fa pensare a quanta fatica e desiderio siano stati spesi per generare un'immagine tanto bella e significativa. Sì, un'immagine poi diventata manifesto emblematico nonché straordinaria celebrazione di un evento irripetibile. Appassionati, conoscitori, esperti di jazz hanno saputo interiorizzarla, metabolizzarla da quel fatidico giorno di una lontana e calda estate. Era il 12 agosto del 1958.

"Harlem 1958" è l'icona del jazz, il giorno per eccellenza del jazz. Lo è anche per chi come me, un po' di anni dopo quello scatto (ne avevo esattamente diciotto, ricordo), apriva lo sguardo attento e pieno di meraviglia su quel mondo. Desideravo ardentemente conoscere e/o riconoscere in quella foto proprio i volti dei grandi maestri, la sublime musica dei quali, negli anni seguenti, ho avuto la fortuna di scoprire, approfondire e soprattutto apprezzare.

Quella per me davvero epifanica iniziazione ebbe luogo a Lucca, nella casa di un caro amico, il sensibile ed intenditore Rudy Rabassini, mentre curiosavo tra gli innumerevoli ritratti di jazzisti che adornavano le pareti del suo studio, personaggi che lui aveva conosciuto personalmente e dei quali soleva raccontare aneddoti ed episodi inediti. Ebbene, a me che ero estasiato ad ammirare la sterminata raccolta di LP, riviste jazz, libri, lettere e documenti vari, Rudy mostrò l'immagine realizzata da Art Kane (credo fosse la rivista Esquire). Ne fui subito colpito: uno scatto, sicuramente preceduto da tanti altri fatti quel giorno, e il fuoriclasse Art Kane sa animare quel gruppo di musicisti, non propriamente in posa, alquanto indisciplinati, incuranti dell'obiettivo della macchina. C'è chi guarda altrove, chi chiacchiera, chi addirittura fa le linguacce come Dizzy. Intuii subito quale caparbia volontà ci fosse da parte dell'autore e con quanta efficacia egli si fosse adoperato a testimoniare il jazz di quegli anni e la sua gloriosa storia.

L'operazione editoriale voluta dal figlio di Art, Jonathan Kane, e concretizzata di fatto dal grande fotografo italiano Guido Harari per la Wall of Sound Gallery, restituisce con vigore il memorabile evento di quel giorno a Harlem dopo 60 anni.

Gli scatti (tutti i frame appaiono nell'edizione) di Kane ci fanno vivere il pathos, le gioie dei quei leoni del jazz, così come le ansie e l'imbarazzo dei più giovani. Sono scatti felici, amabili, c'è aria di festa; si avverte anche quella frenetica routine della città in cui carri e auto alacremente sfrecciano tra la 17th e 126th Street, tra la 5th e la Madison Avenue, davanti al grande gruppo sulle scale di quella casa in pietra marrone "brownstone" tipica di Harlem, insieme a quei vivacissimi bambini ritratti dall'ormai rassegnato Kane ad eternarli ai piedi della composizione.

C'è gioia sui volti dei musicisti, molti di loro sorridono. Si colgono le espressioni più goffe e quelle simpatiche, ma si avverte nei loro sguardi pure la volontà di riscattarsi da un periodo difficile, buio e fortemente discriminante, quello di un'America contro i "negri," di un'America che esercitava un paralizzante controllo su quasi tutto il mondo moderno di allora, tanto per sintetizzare le parole di LeRoi Jones, estratte da uno dei suoi testi più interessanti "Sempre più nero" del 1961.

Liberi, forse un po' stanchi per aver suonato di notte fino all'alba, stremati da quella routine alla quale si erano sottoposti, eccoli i musicisti pian piano presentarsi al mattino per quell'evento che li vede tutti insieme e non solo per quella foto. Un incontro speciale in cui i giovani musicisti (le nuove leve che daranno origine a una nuova musica) verranno immortalati accanto a Dizzy Gillespie, Art Blakey, a un elegante Thelonius Monk, al padre del sax tenore Coleman Hawkins che campeggia al centro della foto, e ad altri assi del calibro di Lester Young, Charles Mingus, Gerry Mulligan, Count Basie.

Un libro davvero prezioso per questi 58 giganti del jazz.

Foto: Art Kane

Tags

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles