Learn How

We need your help in 2018

Support All About Jazz All About Jazz is looking for 1,000 backers to help fund our 2018 projects that directly support jazz. You can make this happen by purchasing ad space or by making a donation to our fund drive. In addition to completing every project (listed here), we'll also hide all Google ads and present exclusive content for a full year!

2

Gunhild Seim “Story Water"

Luca Vitali By

Sign in to view read count
Nasjonal Jazzscene
Oslo (Norvegia)
06.03.2014

Story Water deve la sua nascita al festival Vossajazz (Voss—Norvegia) che per l'edizione 2012 ha commissionato un lavoro originale alla trombettista e compositrice Gunhild Seim. Per i musicisti norvegesi l'annuale commissione del Vossajazz rappresenta un vero onore. Gunhild ha deciso di cogliere questa opportunità facendo le cose in grande. Il progetto segna una svolta nel suo cammino, un'emancipazione dalle atmosfere della scena di Stavanger e dei precedenti lavori realizzati con la sua band Time Jungle, con la Kitchen Orchestra e anche con Marilyn Crispell (Elephant Wings, 2012), proiettandola in una dimensione del tutto nuova, a fianco a musicisti giovani e poco conosciuti, originari della costa orientale (Stavanger, Voss e Bergen).

La band vede la Seim cimentarsi con due sax baritoni, due chitarre elettriche, batteria e voce, con un cuore pulsante rappresentato da Petter Frost Fadnes (sax), Vidar Schanche (chitarra) e Ståle Birkeland (batteria): musicalmente cresciuti, tutti e tre, a Leeds (UK). Petter Frost Fadnes è senza dubbio l'elemento di spicco e con lui si fa notare la pronuncia stilistica del batterista Ståle Birkeland: autentico motore ritmico della band. Impreziosiscono il lavoro la voce di Trym Bjønnes—che si cimenta con i poemi sufi di Jalal ad-din Rumi, testi della cantautrice canadese Sienna Dahlen e versi di Edgar Allan Poe—e le creazioni dell'artista visuale Birk Nygaard—che utilizza le sorgenti musicali per dar vita a quello che lui stesso definisce "light-organ." Un progetto dal filo narrativo preciso e appassionante, che si basa su melodie semplici contrapposte a momenti di grande tensione e che narra di sogni e morte aprendo gli orizzonti jazzistici della leader a influenze pop-rock, folk e progressive con sfumature noise-metal, ma senza eccessi.

L'inizio è grintoso, i sax baritono trainano la band e scandiscono il ritmo incalzante dei riff graffianti della suite iniziale. Poi il fare pulsante si stempera e si traduce in paesaggi onirici basati su melodie di grande semplicità in cui prevalgono le sonorità acustiche di tromba e sax in dialogo con la voce di Bjønnes. Due anime che si giustappongono: sono i sax a tracciare le linee di demarcazione tra i momenti sognanti e le sonorità più caustiche e abrasive, caratterizzate da un ritmo deciso e incalzante senza mai perdere però coesione.

La forza del lavoro sta nell'originalità visionaria della scrittura di Gunhild, che lascia molto spazio a questo manipolo di giovani, ottimi strumentisti e improvvisatori. Quanto a lei, ha un bel suono, levigato e cristallino, ma quasi mai si pone in primo piano. Le atmosfere a tratti ricordano l'ensemble tedesco dei Tied & Tickled Trio.

Al Nasjonal Jazzscene di Oslo la band si è esibita per la quarta data del tour e ha dimostrato un buon affiatamento, unico appunto va alla chiusura dei brani, che spesso sembrano dissolversi senza una precisa intenzione. Il suono, come spesso accade in Norvegia, è impeccabile, nonostante il livello sonoro e la gamma dinamica messa in campo.

Un buon lavoro, in larga parte composto, che deve molto della sua riuscita alla componente drammaturgica e all'imperturbabile teatralità, che lascia molto spazio all'iniziativa dei singoli. Il festival di Vossajazz si mostra ancora una volta vincente e di stimolo per i giovani artisti norvegesi, spingendo Gunhild Seim a comporre un concept dai contorni definiti e confermando l'importanza dell'opera commissionata, che in oltre quarant'anni di storia ha reso possibili autentici capolavori—come Magnetic North Orchestra di Jon Balke (con "Il Cenone" nel 1992) o Khmer di Nils Petter Molvaer (con "Labyrinter" nel 1996).

Foto
Luca Vitali.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read We Jazz: Moveable Feast Fest Theory Live Reviews We Jazz: Moveable Feast Fest Theory
by Josef Woodard
Published: December 16, 2017
Read We Jazz Festival 2017 Live Reviews We Jazz Festival 2017
by Anthony Shaw
Published: December 16, 2017
Read Anat Cohen Tentet at SFJAZZ Live Reviews Anat Cohen Tentet at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: December 16, 2017
Read Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy 2017 Live Reviews Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy 2017
by Victor L. Schermer
Published: December 15, 2017
Read Jazztopad Festival 2017 Live Reviews Jazztopad Festival 2017
by Henning Bolte
Published: December 13, 2017
Read Vivian Reed at Feinstein's/54 Below Live Reviews Vivian Reed at Feinstein's/54 Below
by Tyran Grillo
Published: December 12, 2017
Read "Pittsburgh JazzLive International Festival 2017" Live Reviews Pittsburgh JazzLive International Festival 2017
by C. Andrew Hovan
Published: June 24, 2017
Read "Wayne Shorter Quartet at SFJAZZ" Live Reviews Wayne Shorter Quartet at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: May 2, 2017
Read "Penang Island Jazz Festival 2016" Live Reviews Penang Island Jazz Festival 2016
by Ian Patterson
Published: December 23, 2016
Read "Gary Peacock Trio at Jazz Standard" Live Reviews Gary Peacock Trio at Jazz Standard
by Tyran Grillo
Published: November 9, 2017
Read "The Donny McCaslin Group at The Arden Gild Hall" Live Reviews The Donny McCaslin Group at The Arden Gild Hall
by Mike Jacobs
Published: January 25, 2017

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!