All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Grande improvvisazione ad Angelica

Grande improvvisazione ad Angelica
Libero Farnè By

Sign in to view read count
Angelica Festival
Bologna
Teatro San Leonardo 21-22.05.2016

All'interno di un festival che programmaticamente non privilegia nessun genere musicale, ma che dà spazio ad autori delle più svariate provenienze e alle modalità più disparate del fare musica, è possibile imbattersi in alcune esperienze significative dell'improvvisazione assoluta. È quello che è capitato nell'edizione in corso, la ventiseiesima, di Angelica "momento maggio," apertasi il 5 maggio con la prima italiana della sorprendente Ellen Fullman alle prese con il suo lungo strumento a corde, che attraversava tutta la sala del Teatro San Leonardo, per poi snodarsi fra protagonisti di spicco e produzioni originali fino al 28 maggio.

In particolare è emersa l'alta qualità dell'improvvisazione collettiva di due formazioni europee, entrambe paritarie, entrambe attive da circa un ventennio: da un lato il trio anglo-tedesco Konk Pack, che riunisce la chitarra, l'elettronica e il clarinetto di Tim Hodgkingson (co-fondatore degli Henry Cow), il sintetizzatore analogico di Thomas Lehn e la batteria di Roger Turner; dall'altro Spunk, quartetto norvegese tutto al femminile, in cui la voce e l'elettronica di Maja S.K. Ratkje sono affiancate da Hild Sofie Tafjord, al corno francese ed elettronica, Lene Grenager, al violoncello, e Kristin Andersen, alla tromba e flauti dolci. Vale la pena di mettere a confronto le loro notevoli performance, succedutesi in due serate consecutive.

Ciò che ha caratterizzato l'apparizione bolognese di Honk Pack è stata la gestualità degli interpreti, il loro insopprimibile rapporto fisico con gli strumenti. Quest'atteggiamento ha generato coerentemente la musica; il movimento ha costantemente preceduto e accompagnato il suono che ne è risultato. Questo tipo di empatia istantanea con lo strumento azionato lo si è riscontrato soprattutto nelle movenze sfrenate di Thomas Lehn, che seduto al centro della scena sembrava fare lo sforzo di un timoniere per governare la barca in una tempesta; una sorta di confronto/scontro dialettico ingaggiato con il proprio sintetizzatore analogico per sedurlo, accarezzarlo, oppure violentarlo e sopraffarlo, ottenendo un imprevedibile, scosceso percorso sonoro. Una modalità creativa ed esecutiva assai diversa rispetto ad altre esperienze di musica elettronica in cui gli interpreti rimangono imperturbabili e immobili di fronte alle loro tastiere anche quando ottengono squassanti moti tellurici.
Altrettanto imprevedibile e inventivo il lavoro svolto da Hodgkingson, che all'elettronica ha escogitato effetti minuti e intriganti, mentre al clarinetto con la respirazione circolare, nella seconda delle due lunghe improvvisazioni tramate dal trio, ha emesso soffi, glissando e microtoni, intessendo una sequenza melodica smorzata, di misteriosa ascendenza ancestrale. L'azione asciutta e concentrata di Turner infine, ripiegato sulla sua batteria, ha prodotto un drumming scabro, anomalo, nervoso. Dal loro serrato interplay è scaturita una musica improvvisata estremamente vitale e concreta, sussultoria, dai mutevoli e sorprendenti equilibri o contrasti dinamici e timbrici, perfettamente leggibile negli ingredienti complementari immessi nell'insieme dai tre comprimari.

Tags

comments powered by Disqus

Live Reviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
 

Light

Unknown label
2011

buy
Kantarell

Kantarell

Rune Grammofon
2009

buy
En Aldeles Forferdelig Sykdom

En Aldeles...

Rune Grammofon
2006

buy
 

En Aldeles...

Rune Grammofon
2005

buy

Related Articles

Read Detroit Jazz Festival 2018 Live Reviews
Detroit Jazz Festival 2018
by C. Andrew Hovan
Published: September 19, 2018
Read Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner Live Reviews
Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: September 18, 2018
Read Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia 2018 Live Reviews
Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia...
by Nenad Georgievski
Published: September 16, 2018
Read Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood Vampires, Black Asteroids & Paul Lamb Live Reviews
Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood...
by Martin Longley
Published: September 16, 2018
Read Binker & Moses At London's Jazz Cafe Live Reviews
Binker & Moses At London's Jazz Cafe
by Chris May
Published: September 15, 2018
Read 12 Points 2018 Live Reviews
12 Points 2018
by Ian Patterson
Published: September 14, 2018
Read "David Lyttle & Joseph Leighton at Keady Clachan" Live Reviews David Lyttle & Joseph Leighton at Keady Clachan
by Ian Patterson
Published: September 10, 2018
Read "Jazztopad Festival 2017" Live Reviews Jazztopad Festival 2017
by Henning Bolte
Published: December 13, 2017
Read "Nice Jazz Festival 2018" Live Reviews Nice Jazz Festival 2018
by Martin McFie
Published: August 1, 2018