All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

Gabriele Mitelli European Quartet alla Camera del Lavoro

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Gabriele Mitelli European Quartet—Urto
Atelier Musicale—XXV Edizione
Auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro
Milano
10.11.2018

Nella settimana in cui tutta l'attenzione degli appassionati milanesi era focalizzata sul festival JazzMI, il concerto dello European Quartet del trombettista Gabriele Mitelli (qui anche in veste di sax-sopranista dai vaghi sentori di Roscoe Mitchell e Evan Parker) in compagnia di Alexander Hawkins al pianoforte, John Edwards al contrabbasso e Mark Sanders alla batteria, rischiava di passare inosservato. Ma fortunatamente, dopo venticinque anni di attività, anche la rassegna Atelier Musicale può contare su un pubblico affezionato che segue con attenzione ciò che i direttori artistici Maurizio Franco e Giuseppe Garbarino propongono.

Nello specifico, un concerto che ha visto salire sul palco alcuni dei migliori talenti del jazz europeo. Una collaborazione, quella tra Mitelli e Hawkins, ben consolidata. Memorabile un concerto cui abbiamo assistito in quel formidabile crogiolo di incontri e avanguardie che è il festival Ai Confini Tra Sardegna e Jazz.

In programma, alcuni brani del trombettista: Karma, Mariangela, Astral Line in the Sky, Mamaka. In realtà, una lunga suite di libera improvvisazione in cui i frammenti e gli spunti tematici fungevano da pre-testo per imprimere svolte e nuove direzioni alla musica. Una prassi che risale agli anni '60 e che qui ci è sembrata richiamare in particolar modo Don Cherry. Non a caso, a posteriori abbiamo sentito qualcuno dei presenti definire questo concerto come "datato" per impostazione e tipologia.

Verissimo!

E tuttavia, la classe dei musicisti sul palco, l'energia e la sincera adesione a questo modello improvvisativo, la qualità dell'interplay, hanno dato vita ad un concerto godibilissimo, ricco di squarci illuminanti. Tra ribolliture magmatiche, torride esplosioni, momenti di delicatezza melodica in cui la musica rientrava nell'alveo dell'improvvisazione idiomatica, in un gioco di dinamiche e tensioni non facile ma decisamente appagante.

Foto di repertorio.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Jazzdor Berlin 2019 Live Reviews
Jazzdor Berlin 2019
By Henning Bolte
June 15, 2019
Read Eric Clapton at Wiener Stadthalle Live Reviews
Eric Clapton at Wiener Stadthalle
By Nenad Georgievski
June 15, 2019
Read Philip Glass & Philip Glass Ensemble at Malmo Live Konserthus,  Sweden Live Reviews
Philip Glass & Philip Glass Ensemble at Malmo Live Konserthus, Sweden
By Nenad Georgievski
June 15, 2019
Read Burlington Discover Jazz Festival 2019 Live Reviews
Burlington Discover Jazz Festival 2019
By Doug Collette
June 14, 2019
Read Marici Saxes at the London Saxophone Festival Live Reviews
Marici Saxes at the London Saxophone Festival
By Martin McFie
June 14, 2019
Read Remi Toulon With Gilles Rea At Chez Papa Live Reviews
Remi Toulon With Gilles Rea At Chez Papa
By Martin McFie
June 11, 2019
Read Sting at the City Stadium in Macedonia Live Reviews
Sting at the City Stadium in Macedonia
By Nenad Georgievski
June 9, 2019