All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Lee Konitz: Frescalalto

Luca Canini By

Sign in to view read count
Lo sfizio del primo disco su Impulse! se l'è tolto alla soglia dei novanta, ennesima tappa di una carriera che per raccontarla non basterebbero due Treccani con relative appendici. Una vita in jazz come poche ce ne sono state, e come mai più (forse) ce ne saranno, quella di Lee Konitz.

Dagli esordi alla corte di Lennie Tristano al leggendario Birth of the Cool di Miles, da Claude Tornhill e Stan Kenton al sodalizio fraterno con Warne Marsh, dalle luccicanti meraviglie disseminate tra anni Cinquanta e Sessanta (mettete mani e orecchi almeno su Motion, in trio con Elvin Jones e Sonny Dallas) all'infinita serie di collaborazioni che tra Settanta e Ottanta ne hanno decretato lo status di gigante assoluto (Satori e Duplicity, pubblicato dall'italiana Horo, gli imprescindibili). Fino ad arrivare ai giorni nostri, all'ECM Angel Song, con Kenny Wheeler, Bill Frisell e Dave Holland, alla doppietta Blue Note, Alone Together ed Another Shade of Blue, al gigantesco Live at Birdland, con Brad Mehldau, Charlie Haden e Paul Motian, e al recentissimo Costumes Are Mandatory, dato alle stampe grazie ad Ethan Iverson, il signor Bad Plus.

Mancava giusto un Impulse! per completare l'inestimabile collezione. Lacuna finalmente colmata grazie al batterista Kenny Washington, che producendo Frescalalto ha in qualche modo saldato un debito contratto nel lontano 1977, quando Konitz lo volle per il suo nonetto spalancandogli per la prima volta le porte di uno studio di registrazione. Quattro decenni dopo i due sono di nuovo insieme, con Peter Washington (nessuna parentela) e il mai meno che ottimo Kenny Barron a completare il quartetto. Gregari di lusso per un delizioso condensato del Konitz-pensiero.

Strutturato attorno al solito pugno di standard ("Stella By Starlight," "Darn That Dream," "Cherokee") e soprattutto al suono caldo e sinuoso del sassofono, a quell'inconfondibile pronuncia che il tempo ha reso ancora più umana, vera e ammaliante. D'accordo, non siamo dalle parti del Live at Birdland, e la sezione ritmica a volte pensa solo a tirare dritto senza accorgersi che ci sarebbe bisogno di ben altre attenzioni, di maggiore sensibilità. Ma per diamine! Konitz basta e avanza. Quando suona (ascoltare prego la gioiosa rilettura di "Out of Nowhere") e persino quando improvvisa canticchiando, con l'affettuoso e approssimativo incedere di chi nella vita le ha viste più o meno tutte.

Altri cento di questi dischi signor Konitz!

Track Listing: Stella By Starlight; Thingin; Darn That Dream; Kary's Trance; Out Of Nowhere; Gundula; Invitation; Cherokee.

Personnel: Lee Konitz: alto saxophone, vocals; Kenny Barron: piano; Peter Washington: double bass; Kenny Washington: drums.

Title: Frescalalto | Year Released: 2017 | Record Label: Impulse!

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read New York Trio Album Reviews
New York Trio
By Troy Dostert
July 18, 2019
Read Invincible Nimbus Album Reviews
Invincible Nimbus
By Jerome Wilson
July 18, 2019
Read Syzygy Album Reviews
Syzygy
By Don Phipps
July 18, 2019
Read Visions Album Reviews
Visions
By Friedrich Kunzmann
July 18, 2019
Read Shafted Album Reviews
Shafted
By Edward Blanco
July 17, 2019
Read Live at the Bird’s Eye Jazz Club Album Reviews
Live at the Bird’s Eye Jazz Club
By Don Phipps
July 17, 2019
Read New Year Album Reviews
New Year
By Dan Bilawsky
July 17, 2019