All About Jazz

Home » Articoli » What I'm Listening to Now

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Frank Martino

Frank Martino
Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
1. Dawn of Midi, Dysnomia, (Erased Tapes Records, 2015).

Il piano trio più particolare che abbia sentito negli ultimi tempi: il disco è un flusso continuo e ossessivo di frasi ripetute ciclicamente e sezioni che si sovrappongono. Difficile definirlo in modo chiaro. Sembra di ascoltare la musica di Jon Hopkins suonata in formazione acustica (?).

2. Julian Bream, Italian and Spanish Guitar Music, (Heritage Records, 2013).

Bream è uno dei miei interpreti preferiti sulla chitarra classica e questa raccolta contiene, oltre a brani chitarristici di autori spagnoli, esecuzioni di trascrizioni per chitarra di composizioni italiane; da Frescobaldi a Scarlatti e Cimarosa. Basta sentire le prime note dell'Aria in apertura per rendersi conto della grandezza di questo artista.

3. Craig Taborn, Junk Magic, (Thirsty Ear, 2004).

Craig Taborn è un gigante contemporaneo; questo disco per me è un faro nella notte che ci ricorda quanto sia importante continuare ad evolvere il linguaggio jazzistico, in barba a qualsiasi tentativo di imbrigliamento didattico ed istituzionale. Se per caso non lo conoscete, rimediate immediatamente!!

4. Burial, Street Halo Ep, (Hyperdub, 2011).

Un Ep di soli tre brani molto intensi, poco conosciuto rispetto agli album mainstream. La musica è costruita con pochissimi elementi e loops ossessivi, con la classica eleganza minimale che contraddistingue Burial. Armonie super dark, voci riverberate e destrutturate. L'ascolto in cuffia o in ottimo impianto audio è raccomandato!

5. Tipper, Forward Escape, (Tippermusic, 2014).

Dave Tipper è un compositore/producer molto eclettico e imprevedibile che ho seguito tanto da quando mi sono dedicato alla musica elettronica. Ho macinato quasi tutta la sua produzione, ma di recente ho ripreso ad ascoltare questo disco che mischia sonorità ambient, campionamenti, dubstep, temi elaborati e strutture armoniche spesso articolate. Il controllo dei minimi dettagli nella produzione e nel sound design lo rende particolarmente valido anche dal punto di vista prettamente tecnico.

6. TNGHT, TNGHT, (Warp Records, 2012).

Due importantissimi producer danno vita a questo unico Ep. Lo faccio sempre ascoltare a chi mi chiede cosa sia veramente la musica trap.

7. Jeremy Warmsley, Moment, (Jeremy Warmsley, 2018).

Quasi nove minuti di spazio e suono tra parti strumentali e linee vocali sussurrate. Consiglio l'ascolto al buio e possibilmente con delle buone cuffie.

8. Donny McCaslin, Beyond Now, (Motèma Music, 2016).

L'alchimia che si crea nel quartetto è molto interessante e questo disco rappresenta un ottimo contenitore di influenze e generi sviluppatisi negli ultimi vent'anni. Il sound complessivo è spesso un muro sonoro basato su ritmiche e ostinati che si sviluppano lentamente aggiungendo strati. Di frequente il suono del sassofono è privo di effetti ed in contrasto con tutto il restante "mondo elettronico"; questa scelta mi sembra funzioni particolarmente bene e non è affatto scontata.

9. Pat Martino, The Visit, (32 Records, 1972).

Pat Martino è il chitarrista che mi ha influenzato maggiormente nell'approccio jazzistico e la visione dello strumento; questo disco precede di due anni il capolavoro Consciousness e contiene all'interno interessanti versioni di ”Alone Together” e ”What Are You Doing the Rest of Your Life”. Quest'ultima in particolare svela un alto carattere di lirismo che spesso viene trascurato nell'analisi dello stile di Pat Martino.

10. Daughter, Not To Disappear, (4AD, 2016).

Questo è il secondo disco del trio londinese di stampo indie-rock, caratterizzato da linee vocali essenziali, chitarre taglienti ed armonie molto semplici. Il sound complessivo è molto dark e gli inserti elettronici lo rendono una via di mezzo tra i Blonde Redhead, gli XX ed i Radiohead.

Foto: Damiano Xodo.

Tags

comments powered by Disqus

Upcoming Shows

Date Detail Price
Mar22Fri
Rosa Brunello Y Los Fermontos
Kulturfabrik Kufstein
Kufstein, Austria
€18,00

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

What I'm Listening to Now
Michael League
By Michael League
January 6, 2019
What I'm Listening to Now
Jeroen Kimman
By Vincenzo Roggero
December 15, 2018
What I'm Listening to Now
Otis Sandsjö
By Vincenzo Roggero
November 8, 2018
What I'm Listening to Now
Nick Millevoi
By Vincenzo Roggero
August 2, 2017
What I'm Listening to Now
Mick Rossi
By Vincenzo Roggero
July 13, 2017
What I'm Listening to Now
Mats Gustafsson
By Vincenzo Roggero
June 15, 2017
What I'm Listening to Now
Krystle Warren
By Vincenzo Roggero
June 8, 2017