All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Michael Jefry Stevens Trio: For Andrew

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
L'ampio scarto temporale tra la data di registrazione di questo disco (28 marzo 1996) e quello della sua pubblicazione (la fine del 2008) è indicativo di quanto il talento di Michael Jefry Stevens abbia ancora difficoltà a farsi conoscere dal vasto pubblico.

Anche se la formazione opera dalla fine degli anni Ottanta, è rimasta confinata nell'area dei club di New York ed i cinque dischi che ha inciso sono tutti pubblicati dalla piccola etichetta Imaginary Jazz.

Eppure il suo ambito espressivo è in linea con la migliore tradizione del moderno piano trio: dai modelli mainstream degli anni cinquanta alle concezioni di Bley ed Hill, passando per le magistrali lezioni di Bill Evans e Keith Jarrett.

Ora che il trio è edito da un'etichetta di maggior respiro auspichiamo adeguati riconoscimenti alla sintesi equilibrata che esprime ed alla sobrietà eleganza dell'incedere che non gli impediscono di affrontare percorsi originali.

L'album è espressamente dedicato ad Andrew Hill, che lo stesso Stevens ricorda nelle note come uno dei suoi ispiratori, ma non troverete nel percorso brani del pianista di Chicago: eccetto due classici, tutti i brani sono originals del leader.

Tra le componenti dello stile di Michael Jefry Stevens, c'è indubbiamente qualche influenza di Hill ma egualmente evidenti è quella di Evans, Tyner e Hancock.

Il disco inizia con una vibrante introduzione free che si stempera nella raffinata definizione melodica di "Nardis" per alterarla quasi subito con la personale scelta ritmica, intensa e risoluta. Il brano si mantiene sino alla fine entro quella coinvolgente tensione tra la ricca dinamica ritmica ed il lirismo luminoso del piano.

Anche i temi seguenti non mostrano sviluppi scontati: l'interazione reciproca è sempre coinvolgente ed il movimento delle parti interne evidenzia scelte ricercate. Lo stile di Stevens affascina per la limpidezza del tocco, il controllo del suono e la sapienza armonica, Peter Herbert è un bassista autorevole sia nella cavata che nel fraseggio, Jeff Siegel un batterista interattivo e sensibile.

Difficile scegliere tra i brani ma l'originalità con cui si sviluppa "Lazy Afternoon" -nel suo dinamismo tra abbandoni lirici e convulsioni free- va segnalata.

Track Listing: 01. Nardis (Davis-Evans) - 8:55; 02. Spirit Song (Stevens) - 5:04; 03. Waltz (Stevens) - 6:18; 04. Specific Gravity (Stevens) - 5:33; 05. Lazy Afternoon (Moross-Latouch) - 9:00; 06. Parallel Lines (Stevens) - 9:35; 07. Lazy Waltz (Stevens) - 7:21; 08. The Lockout (Stevens) - 9:12; 09. The River Po (Stevens) - 8:46.

Personnel: Michael Jefry Stevens (pianoforte); Peter Herbert (contrabbasso); Jeff "Siege" Siegel (batteria).

Title: Michael Jefry Stevens Trio "For Andrew" | Year Released: 2009 | Record Label: Konnex Records

About Michael Jefry Stevens
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related