All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

2

Jason Ajemian: Folklords

Enrico Bettinello By

Sign in to view read count
I detrattori delle tassonomie musicali (sono in tanti, non hanno poi mica torto eh...) possono finalmente esultare. Non ci proveremo nemmeno a "definire" o incasellare in un genere questo nuovo lavoro del contrabbassista Jason Ajemian, Folklords.

A leggere quanto ci dicono le note di copertina (ma lo stesso Ajemian lo aveva già annunciato in qualche intervista), si tratta delle prime registrazioni del progetto "Mythadors," nel quale l'omaggio a alcune figure culturali di riferimento funge da cornice/contenitore per una serie di scenari sonori interattivi. Ma nemmeno questa spiegazione rende al meglio la seducente alterità di questa musica, che vibra di una costante dimensione allucinatoria, irriducibile a qualsivoglia inquadramento stilistico.

Con Ajemian -voce e elettronica oltre al consueto contrabbasso-ci sono l'abrasivo Owen Stewart-Robinson alla chitarra, Kid Bliss/That Young Astronaut al sax alto e Jason Nazary alla batteria. Cinque lunghi brani, dilatati, lacerati come flussi di coscienza tra veglia e sonno. Nei primi due si inanellano il Monk di "Ask Me Now" e il Sun Ra di "Satellites Are Spinning," nel secondo sono alcune composizioni di Mingus a comparire fantasmatiche. Le altre tre composizioni sono di Ajemian, dense, politiche, poetiche, innervate da una febbrile tribalismo post-urbano.

Colpisce l'uso della voce, con i testi declamati, urlati, slabbrati con tono vagamente alterato, a metà tra la no wave e l'ipnosi dell'Alessandro Bosetti più recente, fatti slittare su scivolosi tappeti di feedback o astratti lacerti chitarristici, mentre avanza magari un beat minaccioso (eccellenti in questo senso le ultime due tracce, "Punk the Blues" e "Freedom Is a Trail of Tears," che potrebbero piacere molto ai fans di Mark Stewart).

Avventura da prendere o lasciare, ma se vi fidate di noi, è "prendere" senza indugi, perché è un lavoro che innesca un meccanismo emozionale quasi stordente, tra scrittura automatica e blues, improvvisazione radicale e straniante spiritualità global.
Non a caso da Chicago. Non a caso nel centenario della nascita di Sun Ra.
Volevate qualcosa di nuovo? Eccolo.

Track Listing: Ask Mr. Blount Now suite (Ask Me Now/Ask Mr. Blount Now/Satellites Are Spinning); Orange Is The Color Of The Sun, Then Blue Sky suite (Prelude To The Sun/Orange Was The Color Of Her Dress, Then Blue Silk/Fables Of Faubus/Portrait); Material Girls; Punk The Blues; Freedom Is A Trail Of Tears.

Personnel: Jason Ajemian: bass, voice, electronics; Kid Bliss aka That Young Astronaut: alto saxophone, vibrolux; Owen Stewart-Robertson: guitar, electronics, voice; Jason Nazary: drums; Frank Corpus: congas (3).

Title: Folklords | Year Released: 2014 | Record Label: Delmark Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

General Articles
Album Reviews
Read more articles
A Way a Land of Life

A Way a Land of Life

NoBusiness Records
2014

buy
Folklords

Folklords

Delmark Records
2014

buy
 

Protest Heaven

Sound Aspects Records
2010

buy
The Art of Dying

The Art of Dying

Delmark Records
2008

buy
 

Who Cares How Long...

Sound Aspects Records
2004

buy
 

A Way A Land Of Life

Sound Aspects Records
0

buy

Related Articles

Read Phoenix Rising Album Reviews
Phoenix Rising
By Jack Bowers
June 24, 2019
Read Last Works Album Reviews
Last Works
By Doug Hall
June 24, 2019
Read The Change Album Reviews
The Change
By Roger Farbey
June 24, 2019
Read City Night Album Reviews
City Night
By Doug Collette
June 24, 2019
Read Waves Album Reviews
Waves
By John Eyles
June 23, 2019
Read Elevate Album Reviews
Elevate
By Doug Collette
June 23, 2019
Read Connor Sings — Kenton Swings Album Reviews
Connor Sings — Kenton Swings
By Jack Bowers
June 23, 2019