All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Jaimie Branch: Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise

Paolo Marra By

Sign in to view read count
Jaimie Branch: Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise
Andare oltre i confini musicali e geografici, sfidandoli prima e abbattendoli dopo, questa è l'essenza della musica di Jaimie Branch, giovane trombettista della scena jazz di Chicago e New York. Il suo stile unico rapppresenta la perfetta incarnazione del corso jazzistico del nuovo millennio in cui confluiscono sperimentazione avanguardistica, punk, free-jazz, elettronica, indie-rock e soprattutto presa di coscienza della propria identità culturale, nera o ispanica che sia, con una forte implicazione politico sociale.

A fine 2019 è uscito il suo secondo album Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise che segue l'acclamato album di debutto dell'artista uscito nel 2017 dal titolo Fly or Die. Prodotto dalla sempre più convincente International Anthem, il lavoro è composto da nove brani registrati al Total Refreshment Centre e live al Cafè OTO di Londra e successivamente mixati a Chicago. Atmosfere apocalittiche e momenti di pura energia festosa sono i due poli opposti di un corpus compositivo e musicale che confermano la solida padronanza dello strumento da parte di Jaimie Branch, ma sopratutto il suo saper stratificare suoni e generi, apparentemente lontani tra loro, mantenendo comunque un approccio stilistico tradizionale riconducibile alla musica bandistica e folkloristica di New Orleans.

Il disco si apre con il brano "Birds of Paradise": un incedere di suoni percussivi su cui la trombettista, sulle orme di Miles Davis, intervella con l'uso della sordina lunghe pause a brevi fraseggi sfumati, nella parte finale, in suoni di synth che riproducono versi di uccelli in volo. Ma è solo una calma apparente, presagio di qualcosa di ben diversa natura, il brano "Prayer for Amerikkka Pt. 1 & 2," esplicito atto d'accusa contro la politica del presidente americano. La prima parte è un lento blues oscuro e primitivo, a tratti lugubre, caratterizzato, a differenza del primo album, dal bisogno della Branch di esprimere anche con la sua voce tagliente e ruvida, intervellata dal suono distorto della tromba, la sua profonda delusione e rabbia. La seconda parte, di impronta spagnoleggiante, è un crescendo orgiatico, potente e ossessivo, nel quale la voce della Branch si dimena in un racconto di sfruttamento e allontanamento forzato di una giovane emigrata centroamericana dalla propria famiglia da parte delle autorità al confine con gli Stati Uniti.

Jamie Branch sembra aver detto tutto; ma inaspettamente non è cosi: "Twenty-Three n me, Jupiter Redux" è un Free jazz dai suoni elettronici sub-urbani e caotici, "Simple Silver Surfer" è jazz in salsa mariachi, un riferimento senza fronzoli a quel Messico al di là del Muro. In "Bird Dogs of Paradise" sale in cattedra il batterista Chad Taylor (collaboratore di nomi del calibro del trombettista e compositore della scena underground di Chicago Rob Mazurek e del sassofonista James Brandon Lewis) in un assolo strabordante, preludio all'esplosione festosa, dai forti richiami tropicali, di "Nuovo Roquero Estèreo," con tanto di voci di sottofondo inneggianti una speranza dura a morire. Ma quando sembra iniziata la festa ecco nuovamente arrivare un pugno diretto allo stomaco: Il brano "Love Song," caratterizzato da uno shuffle indolente e una melodia, enunciata alla tromba, sardonica e a tratti irriverente. Il cantanto di Jaime Branch si fa più marcato, sporco e sarcastico del precedente, in pieno stile Punk, che fa il verso a una classe politica apatica e ridicola. Degno finale di un disco che non lascia spazio ad inutili repliche.

Album della settimana.

Track Listing

Birds of Paradise; Prayer for Amerikkka Pt. 1 & 2; Lesterlude; Twenty-three N Me, Jupiter Redux; Whales; Simple Silver Surfer; Bird Dogs of Paradise; Nuevo Roquero Estéreo; Love Song.

Personnel

Jaimie Branch: trumpet, voice, synths, sneaker squeaks, bells & whistles; Lester St. Louis: cello; percussion; Jason Ajemian: double bass, percussion, vocals; Chad Taylor: drums, mbira, xylophone; Ben LaMar Gay: voice (2); Marvin Tate: voice (2); Matt Schneider: 12-string guitar (2); Dan Bitney: percussion, synthesizer (8); Scott McNiece: egg (8).

Album information

Title: Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise | Year Released: 2019 | Record Label: International Anthem Recording Company

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Hi-Fly
Hi-Fly
Howard University Jazz Ensemble
Read And Then It Rained
And Then It Rained
The Michael O'Neill Quartet
Read You're It!
You're It!
The Mike Melito / Dino Losito Quartet
Read URBAN(E)
URBAN(E)
Mike Fahie Jazz Orchestra
Read All Figured Out
All Figured Out
Derek Brown and The Holland Concert Jazz Orchestra

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.