Home » Articoli » Live Review » Floors al Lagarina Jazz Festival

Floors al Lagarina Jazz Festival

Floors al Lagarina Jazz Festival
By

Sign in to view read count
Floors
Lagarina Jazz Festival-XIII Edizione
Cortile Palazzo Probizer
Isera
20.6.2019

L'apertura della tredicesima edizione del Lagarina Jazz Festival è stata affidata a Floors, trio formato da alcuni tra i più interessanti musicisti italiani emersi negli ultimi anni: Filippo Vignato al trombone, Francesco Diodati alla chitarra, Francesco Ponticelli al contrabbasso. Una configurazione strumentale atipica, che consente al trio di muovere la musica su molteplici piani (Floors, appunto) espressivi.

Siamo di fronte, del resto, a musicisti che amano prendersi dei rischi, agire al di fuori della propria zona di confort, cercare strade alternative. Che interpretano al meglio il concetto di jazz come musica in divenire. Il tutto realizzato attraverso brani dalla scrittura non statica, flessibile e modificabile, che lascia ampio spazio di manovra ed intervento, interpretati muovendosi su frequenze alternative rispetto a formazioni più tradizionali.

Anche la scaletta dei brani presentati nel corso del concerto ha mostrato una notevole curiosità ed ampiezza di orizzonti. Oltre a brani originali, a firma di ciascuno dei componenti del trio, che spaziavano dalla frammentata melodia intrisa di spunti ornettiani alla più rotonda scansione ternaria, abbiamo infatti ascoltato echi di Paul Motian, Someone Took the Words Away di Elvis Costello [dall'album North, in cui il cantante inglese era accompagnato da una band di jazzisti stellare, N.d.R.], per chiudere con un bis sulle note di Jesus Maria di Carla Bley.

Un ottimo concerto, un trio che mostra una bella intesa musicale, un album di prossima pubblicazione che non ci faremo assolutamente sfuggire.

Il Lagarina Jazz Festival proseguirà ora con i concerti del Double Cut Trio di Tino Tracanna (venerdì 28 giugno a Villa Lagarina), dello Stefano Colpi Atrio (sabato 29 ad Ala) e con un concerto in ricordo di Carlo Alberto Canevali, batterista e didatta recentemente scomparso, molto amato in Trentino per le sue qualità musicali e umane.

Chiusura di festival, infine, venerdì 5 luglio a Mori con i ritmi balcanici dei Radio Zastava.

Foto: Gianluca Carè

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Near

More

Jazz article: Jazz Is Dead at Nectar's
Jazz article: Cedric Burnside at Globe Hall
Jazz article: Roberto Olzer Trio at Studio Annette

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.