All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

John Surman: Flashpoint: NDR Jazz Workshop - April '69

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
La mai abbastanza lodata Cuneiform recupera dagli archivi un altro inedito storico di lusso proveniente dal periodo d'oro del jazz inglese, come aveva già fatto nel 2005 con Way Back Then di John Surman e Workpoints di Graham Collier, e l'anno scorso con NDR Jazz Workshop: Hamburg 1973 dei Soft Machine. Anche in questo caso a riemergere è una session guidata da John Surman e registrata negli studi dell'emittente tedesca NDR nell'ambito dei Jazz Workshop che in numerose occasioni mettevano in contatto musicisti tedeschi con i loro colleghi americani e inglesi. Le sessioni, affidate a un musicista che agiva da leader, venivano registrate per trasmissioni radiofoniche e/o televisive, e alcune vennero anche pubblicate su diversi LP, oggi ricercati articoli da collezione.

La sessione del 17 Aprile 1969 dalla quale provengono queste incisioni aveva come protagonista e leader l'allora venticinquenne sassofonista John Surman, che aveva appena registrato il suo secondo album, How Many Clouds Can You See?, e partecipato come membro della Mike Westbrook Concert Band alla realizzazione di una pietra miliare del jazz inglese come Marching Song. Lo troviamo qui alla guida di un piccolo gruppo costituito da alcuni dei migliori esponenti del british jazz, all'epoca in pieno sviluppo, già abituati a suonare insieme in diverse occasioni: Harry Miller e Alan Jackson erano la sezione ritmica della Concert Band di Mike Westbrook, di cui facevano parte anche il trombettista Kenny Wheeler, l'altosassofonista Mike Osborne e il trombonista Malcolm Griffiths, e tutti, compreso il sassofonista Alan Skidmore, avevano appena collaborato all'incisione dell'opera seconda di Surman ad eccezione di Ronnie Scott, sassofonista appartenente alla generazione precedente di musicisti, ma che nel 1968 aveva Surman e Wheeler nella propria band. Infine, a rappresentare i musicisti locali, sono presenti il trombonista Erich Kleinschuster e il pianista Fritz Pauer, entrambi austriaci.

Surman oltre a fare da leader fornisce anche tre dei cinque brani che costituiscono il materiale eseguito nel corso della seduta di registrazione (gli altri due sono firmati da Pauer e da Kleinschuster). Si comincia con "Mayflower," brano che già permette di apprezzare le doti di scrittura e orchestrazione del sassofonista, capace di integrare alla perfezione parti d'insieme e solistiche, queste ultime aperte da un suo intervento al sax soprano, seguito da assoli di Osborne e Pauer. Si prosegue un'altra composizione di Surman, "Once Upon a Time," l'unica composizione già nota (era stata incisa da Alan Skidmore, alla cui figlia il brano è dedicato); all'assolo iniziale di Wheeler fanno seguito quelli di Skidmore e Pauer. Il brano successivo è firmato dal trombonista austriaco, il cui strumento è il protagonista assoluto con gli assoli suoi e di Griffiths, cui si aggiunge nel finale anche un breve assolo di batteria di Alan Jackson. Il pianista è l'autore di "Gratuliere," un delicato tema in 3/4 che rappresenta un momento di pausa dopo i tempi frenetici dei brani precedenti. Surman è protagonista di un lirico assolo al soprano, seguito da Kleinschuster, Scott e Miller. L'unica concessione al free è presente all'inizio del conclusivo "Flashpoint," con una breve e furiosa improvvisazione collettiva che dopo aver regolarizzato il ritmo sfocia in una travolgente sequenza di concitati assoli che vede impegnati Osborne, Skidmore, Surman (al baritono) e Pauer, sul cui intervento si chiude il pezzo.

L'album pubblicato dalla Cuneiform comprende un CD e un DVD contenenti lo stesso materiale audio (nel CD depurato degli scambi verbali tra un brano e l'altro tra Surman e gli altri musicisti, presenti invece nel DVD). Vista l'estrema scarsità di documenti visivi relativi al jazz inglese dell'epoca, è proprio la parte video a costituire il piatto forte di questa ghiotta offerta discografica, anche se basterebbe la parte prettamente audio a rendere il disco assolutamente imprescindibile per qualunque serio appassionato, presentando una musica ancora fresca e attuale a più di quarant'anni di distanza.

Track Listing: Mayflower; Once Upon a Time; Puzzle; Gratuliere; Flashpoint.

Personnel: John Surman: soprano and baritone saxophones; Alan Skidmore: tenor saxophone, flute; Ronnie Scott: tenor saxophone; Mike Osborne: alto saxophone; Malcolm Griffiths: trombone; Erich Kleinschuster: trombone; Kenny Wheeler: trumpet, flugelhorn; Fritz Pauer: piano; Harry Miller: bass; Alan Jackson: drums.

Title: Flashpoint: NDR Jazz Workshop - April '69 | Year Released: 2011 | Record Label: Cuneiform Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Ain't Nothing But a Cyber Coup & You Album Reviews
Ain't Nothing But a Cyber Coup & You
By Dan McClenaghan
May 24, 2019
Read Theia Album Reviews
Theia
By Jim Worsley
May 24, 2019
Read Day to Day Album Reviews
Day to Day
By Paul Naser
May 24, 2019
Read Nexus Album Reviews
Nexus
By Jakob Baekgaard
May 23, 2019
Read The Second Coming Album Reviews
The Second Coming
By Daniel Barbiero
May 23, 2019
Read Luminária Album Reviews
Luminária
By John Sharpe
May 23, 2019