Learn How

Help improve All About Jazz

Support All About Jazz All About Jazz needs your help and we have a deal. For $20, we'll hide those pesky Google ads and present exclusive content for a full year!

1

Matt Mitchell: Fiction

Enrico Bettinello By

Sign in to view read count
Matt Mitchell: Fiction Chi abbia avuto modo di verificare, anche dal vivo oltre che su disco, le doti di Matt Mitchell (nel quintetto di Dave Douglas o soprattutto negli Snakeoil di Tim Berne) sa bene con quale intelligenza e originalità il pianista collabori nella costruzione delle architetture musicali in cui è coinvolto.
Per questo suo lavoro d'esordio ha scelto la non scontata formula del duo con le percussioni, trovando in Ches Smith—proprio all'interno del gruppo di Berne—un partner estremamente stimolante.

Quindici composizioni originali di Mitchell, che nascono come quindici studi per le dinamiche dell'improvvisazione e che il percussionismo duro di Smith lega con maglie metalliche di forme sempre differenti.
Metri anomali, grumi accordali e zampate nevrotiche a ricordare la natura percussiva dello strumento, la musica di Fiction è una vera e propria macchina matematica e spiazzante e anche, fondamentalmente—è giusto dirlo—assai poco accomodante all'ascolto.

Come entrare quindi nel mood di questo lavoro senza lasciarsi sconfortare dalle asperità e, d'altro canto, senza cedere a un entusiasmo radicale pregiudiziale? Un approccio fisico non può che passare per un'adesione alle geometrie scomposte disegnate dal duo, seguendole con un gusto quasi adolescenziale per il gioco delle linee e della densità di colore, dal quale si accendono bagliori allucinatori (come in "Specialty Hug" solo per fare un esempio.
La testa non farà fatica a apprezzare il controllo del tocco, la capacità di generare dal meccanismo dello studio delle strutture che si scompongono progressivamente, di far risuonare un ampio spettro armonico armonie dietro il clangore dei martelletti.

Dalla complessa geometria emergerà semplice poesia, in un disco che forse non è imperdibile, ma che si rivela prova coraggiosa e sfaccettata, nonché conferma del talento di Mitchell.


Track Listing: Veins; Brain Color; Upright; Singe; Wanton Eon; Dadaist Flu; Commas; Id Balm; Ohm Nuggets; Diction; Tether; Action Field; Specialty Hug; Nightmare Tesseract; Narcotic Bases.

Personnel: Matt Mitchell: piano; Ches Smith: batteria, percussioni, vibrafono.

Year Released: 2014 | Record Label: Pi Recordings


Shop

More Articles

Read #knowingishalfthebattle CD/LP/Track Review #knowingishalfthebattle
by Mark F. Turner
Published: January 23, 2017
Read Live In Brooklyn CD/LP/Track Review Live In Brooklyn
by Roger Farbey
Published: January 23, 2017
Read King Of Xhosa CD/LP/Track Review King Of Xhosa
by James Nadal
Published: January 23, 2017
Read Blooming Tall Phlox CD/LP/Track Review Blooming Tall Phlox
by Mark Sullivan
Published: January 23, 2017
Read Hear & Now CD/LP/Track Review Hear & Now
by Dan McClenaghan
Published: January 22, 2017
Read Known-Unknown CD/LP/Track Review Known-Unknown
by Bruce Lindsay
Published: January 22, 2017
Read "Lockout Station" CD/LP/Track Review Lockout Station
by Dan Bilawsky
Published: January 1, 2017
Read "Godspeed" CD/LP/Track Review Godspeed
by Jakob Baekgaard
Published: December 9, 2016
Read "All The Dreams" CD/LP/Track Review All The Dreams
by Dan Bilawsky
Published: September 12, 2016
Read "Alameda Gardens" CD/LP/Track Review Alameda Gardens
by Glenn Astarita
Published: December 22, 2016
Read "Juggling Kukla" CD/LP/Track Review Juggling Kukla
by John Sharpe
Published: June 19, 2016
Read "Hera" CD/LP/Track Review Hera
by Glenn Astarita
Published: September 25, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Get Jazz Near You via email!

Enjoy the convenience of receiving a comprehensive listing of jazz events in your area every Thursday. It's free!