All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Fano Jazz by the Sea 2018

Fano Jazz by the Sea 2018
Libero Farnè By

Sign in to view read count
Fano Jazz by the Sea
Varie sedi
Fano e dintorni
21-29.07.2018

A partire dall'edizione dello scorso anno la Rocca Malatestiana è diventata il fulcro di Fano Jazz by the Sea. Nel giardino antistante la possente struttura storica viene allestito il Jazz Village, punto di incontro per varie iniziative collaterali: concerti e progetti didattici, senza dimenticare la valorizzazione dell'enogastronomia locale e dell'ecosostenibilità. Ma è l'ampio spazio dentro la Rocca ad accogliere i concerti principali della sera; e, a seguire, in un angolo più raccolto, ormai battezzato "la Rocchetta" dal direttore artistico Adriano Pedini, si svolgono i concerti del Youngstage, dedicato alle proposte dei musicisti giovani, emergenti o già affermati. Nella Sala malatestiana inoltre vengono organizzate presentazioni di libri e autori attinenti il jazz.

Ma un'altra sede nodale è la Pinacoteca San Domenico, dove nel tardo pomeriggio si tengono i concerti della sezione "Exodus: gli echi della migrazione": tutte solo performance che devono fare i conti con l'ampio riverbero dell'ambiente, oltre che col tema assegnato. Il nostro resoconto del festival parte appunto da questi appuntamenti, seguiti dalla concentrazione di un pubblico di fedeli intenditori.

In "Ritus" Daniele di Bonaventura ha sviscerato le peculiari risorse del bandoneon appellandosi a varie culture, colte o popolari, sacre o profane, intrecciandole e rigenerandole. Ne è risultato un approccio immaginifico, che non ha escluso toni malinconici e nostalgici. Con grande mobilità dinamica, con piccoli spostamenti di ritmo, di volume e di timbro, il solista ha condotto una narrazione inventiva, complice e intimista, con un fil di voce a tu per tu con l'ascoltatore.

Tramite un largo uso dei campionamenti dal vivo, la cantante e polistrumentista norvegese Mari Kvien Brunvoll ha via via aggiunto e stratificato melodie, frasi e accenti, creando un tessuto incantatorio o più affermativo. Il metodo non è nuovo, ma l'emergente protagonista lo ha affrontato con logica e buon gusto, protraendo su un piano evanescente ed evocativo una personale tradizione pop-folcloristica.

Anche Amir Gwirtzman ha utilizzato a piene mani le risorse del loop e dei campionamenti, ma a differenza della Brunvoll il polistrumentista israeliano, attingendo a una sterminata gamma di strumenti ad ancia, a canna e a percussione, ha proposto un assemblaggio di culture altrettanto sterminato. D'immediato impatto sonoro e comunicativo, il suo lodevole messaggio interculturale ha tuttavia messo in scena un catalogo di matrici un po' troppo generico, indifferenziato e dimostrativo.

Molto meglio il set di Francesco Bearzatti, che per Exodus ha immaginato viaggi e trasmigrazioni che si concludono per lo più positivamente, anche quando burrascosi e travagliati. Con un evidente senso dialettico ed espressivo, egli ha integrato il tenore e il clarinetto, creando un serrato dialogo di voci, ora animose ora sommesse. I temi e il lirismo del primo lungo brano hanno mostrato opportune influenze ayleriane; altrove sono emerse cantilene infantili, inflessioni magrebine, impennate irose, decantazioni meditative...

Proprio nelle ultime due giornate del festival si sono succeduti gli appuntamenti più interessanti del ciclo Exodus: al solo di Bearzatti ha fatto seguito il giorno successivo quello esemplare e intensissimo di Pasquale Mirra. Come lo stesso vibrafonista ha anticipato nell'introduzione, la sua performance "ha alternato improvvisazione libera e improvvisazione strutturata," vale a dire una navigazione in mare aperto per poi approssimarsi a isole sicure a cui approdare. Il suo viaggio, intrapreso su vibrafono, marimba e un selezionato set di percussioni con incredibile ricchezza armonica, dinamica e timbrica, ha toccato momenti di struggente delicatezza, melodie danzanti, frenetiche concretezze percussive, soste pensose. Partecipato e originalissimo il suo recupero di alcuni temi dell'amato Don Cherry.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn Live Reviews
Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn
by Victor L. Schermer
Published: August 15, 2018
Read Flow Festival 2018 Live Reviews
Flow Festival 2018
by Anthony Shaw
Published: August 14, 2018
Read Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge Live Reviews
Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge
by Karl Ackermann
Published: August 13, 2018
Read 3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition Live Reviews
3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition
by Ian Patterson
Published: August 9, 2018
Read Live From Brussels: Turkish Psychedelic Nite, Charlemagne Palestine & Anna Von Hausswolff Live Reviews
Live From Brussels: Turkish Psychedelic Nite, Charlemagne...
by Martin Longley
Published: August 9, 2018
Read Papanosh in a Finnish Forest Live Reviews
Papanosh in a Finnish Forest
by Anthony Shaw
Published: August 8, 2018
Read "Antonio Sanchez Group at Jazz Standard" Live Reviews Antonio Sanchez Group at Jazz Standard
by Dan Bilawsky
Published: September 24, 2017
Read "Carl Bartlett, Jr. at Jazz At Kitano" Live Reviews Carl Bartlett, Jr. at Jazz At Kitano
by Keith Henry Brown
Published: January 13, 2018
Read "Kerava Jazz 2018" Live Reviews Kerava Jazz 2018
by Anthony Shaw
Published: June 1, 2018
Read "Rossano Sportiello Trio at The Jazz Corner" Live Reviews Rossano Sportiello Trio at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: January 20, 2018
Read "2018 Hope College Jazz Organ Summit" Live Reviews 2018 Hope College Jazz Organ Summit
by C. Andrew Hovan
Published: March 23, 2018