Support All About Jazz All About Jazz needs your help and we have a deal. For $20, we'll hide those pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year!


I want to help
2

Jeremy Pelt: Face Forward, Jeremy

By

Sign in to view read count
Jeremy Pelt: Face Forward, Jeremy Trombettista, produttore, didatta (occupazione quest'ultima che l'ha visto attivo anche in Italia con diverse partecipazioni ai seminari estivi di Siena Jazz), Jeremy Pelt ha alle spalle decenni di militanza in formazioni di bop e post-bop: esordì con la Charles Mingus Big Band, e si esibisce tutt'ora con la Village Vanguard Orchestra e con la Duke Ellington Big Band.
Dall'inizio degli anni 2000, a questo suo percorso nella tradizione jazzistica se n'è affiancato un secondo, improntato all'esplorazione del funk e della musica elettronica. Se la sua penultima uscita discografica, l'album Water and Earth spaziava soprattutto in questi ultimi generi, il lavoro più recente, Face Forward, Jeremy (pubblicato quest'anno sempre da High Note), dovrebbe rappresentare una sintesi tra i due filoni della sua carriera, con qualche ulteriore suggestione proveniente dal pop più recente e dal patrimonio della canzone americana.

Le ambizioni—ma anche i limiti—del disco risiedono proprio nel confluire di una messe così vasta di materiali. Nel volgere di nemmeno tre quarti d'ora si susseguono un frammento astratto ("Higby part. 1"), ritmi programmati di drum machine sotto a un tema shorteriano ("Stars Are Free"), un brano in stile fusion anni '80 ("The Calm Before the Storm"), una song completamente acustica che nelle orchestrazioni ha qualcosa di Alec Wilder ("Rastros"), episodi swinganti e altro ancora. Ineccepibili l'affiatamento e la perizia tecnica dei musicisti: la band suona insieme da anni, e si sente. I soli del pianista e tastierista David Bryant sono concentrati di virtuosismo che non scadono nell'accademismo trito; lo stesso vale per i complessi tappeti ritmici di Dana Hawkins, per il quale rimanere ancorato alla pulsazione è poco meno che un sacrificio.

Ciò di cui s'avverte la mancanza è qualcosa come una trama, una progettualità che tenga insieme in un risultato coeso le incursioni nei plurimi stili. Non è da escludere che l'idea di Pelt fosse proprio questa: disorientare, dare il senso della disunità, della multidirezionalità. Non di meno, una certa dose di disorientamento sembra cogliere anche gli esecutori, e pare trasparire nei bruschi e a volte scollegati cambi d'atmosfera del disco.


Track Listing: Higby part. 1; Stars Are Free; Princess Charlie; The Calm Before the Storm; Glimpse; Rastros; In My Grandfather’s Words; The Secret Code; Verse.

Personnel: Jeremy Pelt: tromba; Roxy Cross: sax tenore e soprano, clarinetto basso; David Bryant: piano, organo, Fender Rhodes, Wurlitzer; Frank Locrasto: Fender Rhodes; Chris Smith: basso acustico ed elettrico; Dana Hawkins: batteria, programmazione.

Year Released: 2014 | Record Label: HighNote Records | Style: Straight-ahead/Mainstream


Shop

More Articles

Post a comment

comments powered by Disqus

All About Vince Guaraldi!

An exclusive opportunity for All About Jazz readers to participate in the celebration of a jazz legend.