All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Scott Colley: Empire

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Scott Colley: Empire
Si respira un'aria "old style " all'ascolto di Empire, secondo album di Scott Colley per la Cam Jazz dopo lo splendido Architect of the Silent Moment.

Sarà per la bellezza delle composizioni e per il senso di saggezza e serenità che trasmettono, una sorta di arrivo in baia dopo un viaggio lungo ed estenuante. Sarà per la presenza di Bill Frisell, uno che la natura americana, lo spirito sano della tradizione l'ha scandagliato e restituito, musicalmente parlando, come pochi. Sta di fatto che in Empire tutto sembra funzionare al meglio, ogni tassello è al posto giusto e mai come in questo album la qualità dei singoli è messa al servizio del gruppo.

Prendete Frisell, per l'appunto, pochi colpi di penna, qualche arpeggio, minime accelerazioni e il paesaggio ha già i suoi contorni, i suoi colori. Seguite Taborn, pianista e musicista immenso, una delle poche, reali prospettive per la musica futura. Sembra defilato ma il suo lavoro oscuro conferisce compattezza alle esecuzioni e quando libera frammenti di solismo la musica acquista una nuova dimensione. E la tromba di Alessi si muove felpata, lirica ma anche spiritata, negli spazi che sapientemente si vengono ad aprire nelle trame delle composizioni.

Colley quindi non più e non solo grande contrabbassista tra i più richiesti in circolazione, ma anche grande leader, ispirato interprete della cultura americana, fine cesellatore di sonorità, inaspettato e discreto sperimentatore. Perché se è vero che Empire affonda pienamente le radici nella tradizione - significativa la foto di copertina color seppia che ritrae Joseph J. Colby intorno al 1875 davanti alla propria casa ad Empire, Kansas - è altrettanto vero che il salto di qualità del disco avviene grazie alle invenzioni dei musicisti, alle piccole "scordature," alle minime irregolarità che fanno vibrare la musica come le corde di uno Stradivari d'annata.

Track Listing

January; The Gettin Place; For Sophia; 5:30 am; Speculation; Tomorrowland; Now what?; Gut; Five-two; Five-two.2.

Personnel

Scott Colley: bass; Ralph Alessi: trumpet; Brian Blade: drums; Bill Frisell: guitar; Craig Taborn: piano.

Album information

Title: Empire | Year Released: 2010 | Record Label: CAM Jazz

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Strollin'
Monaco, Meurkens, Hoyson, Lucas
Aufbruch
J. Peter Schwalm / Markus Reuter
Cool With That
East Axis

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.