All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Agustí Fernández: El laberint de la memòria

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Agustí Fernández: El laberint de la memòria
Che Agustí Fernández, sotto quella scorza di improvvisatore duro e puro, nascondesse un lato "romantico," lo si era già intuito ai tempi di A Silent Dance, disco registrato in duo con Derek Bailey che racconta l'ultima esibizione del chitarrista di Sheffield prima della scomparsa (il giorno di Natale del 2005). Intuito soltanto perché il dubbio, più che legittimo, era che il pianista catalano, sul palco allestito all'interno de La Pedrera di Gaudì, avesse messo le briglie alla propria esuberanza in segno di rispetto per il compagno di viaggio, fiaccato da una malattia che, giorno dopo giorno, gli stava bloccando muscoli e articolazioni.

A trasformare il dubbio in certezza, sette anni dopo, ci pensa El laberint de la memòria, che esce per la portoghese Mbari Música (etichetta da tenere d'occhio). Qui di perplessità e riserve non ce ne possono essere. Fernández ci mette il cuore, scavando tra suggestioni e ricordi in quella "memòria" evocata dal titolo; un passato che sa di infanzia e corse a perdifiato, zie affettuose, pranzi della domenica, case sugli alberi e amici mai più rivisti.

Non a caso il disco si apre con una dedica ai genitori: "Joan i Joana," nove minuti di struggente abbandono e di lirismo commosso che rimandano al Paul Bley di Open to Love; il momento più alto e intenso del programma.

Programma che prosegue con un paio di improvvisazioni più spigolose e sfuggenti, "Aparició i desaparicions" e la title track, "El laberint de la memòria," per poi approdare, con "Tonada" e "La processó," al porto sicuro del folclore catalano e iberico. Ed è qui che il disco mette le carte in tavola, rivelando la propria genesi di riflessione obliqua sulla musica di compositori come Albéniz, Falla, Guridi e Mompou.

Nelle note di copertina Fernández racconta degli anni in cui, studente a Palma di Maiorca, si esercitava sui classici del repertorio pianistico spagnolo e di come quelle note, volente e nolente, gli siano rimaste nel sangue. Certo, ci sono anche Feldman e Cage, il Novecento, le mani dentro il pianoforte ("Pluja sorda" e "L'esmolador"), l'improvvisazione nella sua accezione più intransigente ("Evanescent"); ma alla fine a prevalere è sempre quel senso di ritorno al grembo materno, alle melodie ancestrali che sono sepolte nelle dita del pianista.

«Perché suoniamo quel che ricordiamo e ricordiamo unicamente quel che abbiamo vissuto». Parola di Agustí Fernández.

Track Listing

1. Joan i Joana - 9:33; 2. Aparició i desaparicions - 3:46; 3. El laberint de la memòria - 3:50; 4. El pincell del Perico - 3:18; 5. Tonada - 5:39; 6. Pluja sorda - 5:38; 7. Porta de Mar - 2:00; 8. Flamarades - 3:52; 9. Catedral - 4:17; 10. La processó - 4:40; 11. L'esmolador - 2:41; 12. Evanescent - 2:12; 13. Preludi - 3:59; 14. El final és el començament - 2:14. Tutte le composizioni sono di Agustí Fernández.

Personnel

Agustí Fernández (pianoforte).

Album information

Title: El laberint de la memòria | Year Released: 2012

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Secret Suite
Nick Lombardelli
The One And The Other
Lara Solnicki
Flatbosc & Cautery
Frank Gratkowski, Achim Kaufmann, Wilbert de...
Shuffling Ivories
Roberto Magris
Kinetic
Steven Feifke Big Band
Sogni D’oro
Berlin Mallet Group
Light as a Word
Remy Le Boeuf
Love is the Key
Sue Maskaleris

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.