All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Sokratis Sinopoulos: Eight Winds

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Sokratis Sinopoulos: Eight Winds
Ecco un lavoro davvero molto particolare, che prende ispirazione dalla musica tradizionale per realizzare impasti di impianto jazzistico, traendoli per giunta da una regione—la Grecia—la cui tradizione, splendida, è stata piuttosto sottovalutata in questo contesto.

Ne è autore Sokratis Sinopoulos, poco più che quarantenne specialista della lyra, strumento tradizionale dell'area egea, che ha coltivato prima nella musica folk, poi in quella bizantina, fino al momento in cui ha incrociato Eleni Karaindrou (ha preso parte ad alcuni suoi lavori per ECM) e la coppia Charles Lloyd/Maria Farantouri, con i quali ha registrato Athens Concert (sempre per ECM). L'esperienza con Lloyd e il suo gruppo, di cui ha fatto parte per alcuni concerti, gli apre nuovi scenari, così che Sinopoulos forma questo suo quartetto, che adesso approda al suo primo disco, supportato dalla supervisione artistica di Manfred Eicher.

Le musiche sono tutte originali di Sinopoulos e il clima, pur cangiante, è sempre di netta impronta etnica. La particolarità sta nel fatto che l'impianto della formazione, invece, è chiaramente di matrice jazzistica: un trio piano-basso-batteria dalle cadenze forse un po' cameristiche ma pur sempre radicate nella tradizione jazz, del quale la lyra è la voce solista. Lo si percepisce benissimo fin dalla title track che apre (e chiude, in una sua variazione) l'album e che inizia con uno straziante e spiazzante pianto della lyra, che inizia su scenari folk e arcaici, ma poi prosegue con assoli originalissimi di Sinopoulos, ben lontani da qualsiasi scimmiottamento di stilemi di altri strumenti in ambito jazz ma comunque condotti assieme al trio, viceversa ben radicato in quella musica.

Si ha così una musica che non è né una fusione di etnica e jazz, né tantomeno una "jazzizzazione" di temi tradizionali, ma qualcosa di molto, molto originale. Se ne faccia esperienza ascoltando "In Circles," caratterizzata dalla pulsazione del basso e dal lavoro del piano, sui quali però la lyra si inserisce in un modo tanto coerente, quanto non riconducibile a stilemi jazz.

Si aggiunga a questo che i temi e le melodie che innervano i diversi brani sono quasi sempre bellissimi e commoventi—vi spicca l'incantevole "Aegean Sea," titolo programmatico per un brano che più di tutti rende tangibili le radici della musica del gruppo —, e che i tre accompagnatori, tutti greci, pur senza particolari invenzioni mostrano grande sensibilità e qualità strumentali: il pianista Yann Keerim anche rimanendo in primo piano per tutta la durata del lavoro, duettando sottovoce con la lyra; il contrabbassista Dimitris Tsekouras facendolo solo a tratti (per esempio in "Yerma," ove dialoga con il piano), ma supportando sempre autorevolmente il lavoro della ritmica; il batterista Dimitris Emmanouil, chiamato a un lavoro rischiosissimo, più defilato ma sempre essenziale, anche se in punta di piedi.

Non stupirà, così, che Eight Winds sia un lavoro sontuoso e da annoverare—forse con il disaccordo di tanti "puristi"—tra i migliori dischi di jazz usciti nel 2015.

Track Listing

Eight Winds; Yerma; 21st March; Thrace; Aegean Sea; In Circles; Lyric; Street Dance; Forever; 21st March, var.; Stillness; Eight Winds, var.

Personnel

Sokratis Sinopoulos: lyra; Yann Keerim: pianoforte; Dimitris Tsekouras: contrabbasso; Dimitris Emmanouil: batteria.

Album information

Title: Eight Winds | Year Released: 2015 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

View events near Athens
Jazz Near Athens
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Long Tall Sunshine
Barry Altschul's 3Dom Factor
Wonderful World
Chris Standring
Hope
Tomas Liska & Invisible World
Zero Grasses: Ritual for The Losses
Jen Shyu and Jade Tongue
Aufbruch
J. Peter Schwalm & Markus Reuter
Purvs
Liudas Mockūnas / Arvydas Kazlauskas

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.