All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Wes Montgomery: Echoes of Indiana

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Wes Montgomery: Echoes of Indiana
La ricerca di registrazioni inedite, perdute, connesse a fasi iniziali della carriera di un artista o a un passaggio fondamentale della storia del jazz, è una costante da sempre del collezionismo specializzato. Ha portato numerose gioie: si pensi in anni recenti alla scoperta di registrazioni live del quintetto di Parker e Gillespie Town Hall, New York City, June 22, 1945 / The Quintet of the Year) o analoghi documenti del quartetto di Monk e Coltrane (Thelonious Monk Quartet with John Coltrane at Carnegie Hall . Resta aperta, forse per sempre, la questione di un cilindro registrato da Buddy Bolden. Intanto Echoes of Indiana Avenue ci regala nove incisioni private e dal vivo dove Wes Montgomery è catturato nella sua città natale poco prima dell'ascesa, purtroppo breve, alla fama.

Si tratta di brani registrati nel biennio 1958 / 1959, alcuni in studio, altri in un club di Indianapolis. Anticipano di poco l'esordio per Riverside che avrebbe imposto il chitarrista all'attenzione di tutti i colleghi, rivelandolo come il principale erede di Charlie Christian, i cui assolo Montgomery aveva imparato a memoria negli anni di formazione. Una crescita da autodidatta, guidato solo dall'orecchio, secondo una ricchissima tradizione di artisti afroamericani degli strumenti a corde, le cui origini sono contemporanee all'arrivo dei primi schiavi nelle colonie britanniche. L'incapacità a leggere la musica, che in termini europei appare deteriore, era sostituita da una sorta di accademia quotidiana, dove lo scambio delle informazioni era costante, l'esempio facile da rinvenire e quanto mancava sul posto era reperibile nei dischi.

L'ambiente che ospita la formazione di Montgomery e nel quale presero vita i brani qui offerti, è la capitale dell'Indiana, terza città del Midwest, dopo le più famose Chicago e Detroit. Un luogo assai fertile negli anni Quaranta e Cinquanta: dal suo territorio provennero infatti, Freddie Hubbard, J.J. Johnson, David Baker e altri nomi di spicco. La famiglia Montgomery era poi assai musicale, a Wes si devono affiancare i nomi dei due fratelli: Monk (pioniere del basso elettrico) e il pianista Buddy, con i quali formò i Montgomery Brothers. Un contesto sociale e familiare che raccoglieva le istanze blues della tradizione, aprendosi all'insegnamento dei maestri bop e ai nuovi stimoli di matrice soul.

Qui operò il genio di Wes, in termini di tecnica e stile. Le sei corde ricevettero da lui un impulso innovativo poi raccolto da chitarristi come Metheny e Martino, ma al dato meccanico si deve sempre affiancare la straordinaria cantabilità delle linee melodiche e la fluidità in assolo. Il lavoro sul timbro aveva una forte valenza espressiva, puntando al calore dei bassi nelle ballad, qui ben evidente nella resa di "'Round Midnight," o a un'asprezza tagliente e downhome, per la quale rinviamo alla jam "After Hours Blues," posta in chiusura dell'album. Sempre "'Round Midnight" illustra la compatibilità con l'organo Hammond: il tandem chitarra / organo non è invenzione di Montgomery, ma certo con lui raggiunse vette notevoli.

I brani dal vivo includono prove di agilità bebop ben riassunte da "Straight No Chaser" e dovrebbero provenire dallo Hub-Bub, un bar che offriva musica dal vivo ingaggiando nuovi talenti locali. In generale questi inediti offrono una visione di Montgomery priva di quei filtri o elaborazioni, così evidenti nei troppo bistrattati lavori pop precedenti la scomparsa. Grazie a Echoes of Indiana, per 53 minuti possiamo immergerci nel quotidiano jazzistico di Indianapolis, cogliendo la preziosa testimonianza dell'opera di un genio a un passo dalla sua affermazione mondiale. Al valore musicale si affianca un libretto assai ricco di informazioni, testimonianze dirette e analitiche, ottimo complemento per chi apprezza un ascolto sostenuto da conoscenza e cultura.

Track Listing

Diablo's Dance; 'Round Midnight; Straight No Chaser; Nica's Dream; Darn That Dream; Take The 'A' Train; Misty; Body and Soul; After Hours Blues.

Personnel

Wes Montgomery: guitar; Monk Montgomery: bass (3); Buddy Montgomery: piano (3); Mingo Jones: bass (6-9); Earl Van Riper: piano (6-9); Sonny Johnson: drums (6--8); Melvin Rhyne: piano (1, 4), organ (2, 5); Paul Parker: drums (1, 2, 4, 5); Unknown bassist (1, 4).

Album information

Title: Echoes Of Indiana Avenue | Year Released: 2012 | Record Label: Resonance Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.