All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Wes Montgomery: Echoes of Indiana

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
La ricerca di registrazioni inedite, perdute, connesse a fasi iniziali della carriera di un artista o a un passaggio fondamentale della storia del jazz, è una costante da sempre del collezionismo specializzato. Ha portato numerose gioie: si pensi in anni recenti alla scoperta di registrazioni live del quintetto di Parker e Gillespie Town Hall, New York City, June 22, 1945 / The Quintet of the Year) o analoghi documenti del quartetto di Monk e Coltrane (Thelonious Monk Quartet with John Coltrane at Carnegie Hall . Resta aperta, forse per sempre, la questione di un cilindro registrato da Buddy Bolden. Intanto Echoes of Indiana Avenue ci regala nove incisioni private e dal vivo dove Wes Montgomery è catturato nella sua città natale poco prima dell'ascesa, purtroppo breve, alla fama.

Si tratta di brani registrati nel biennio 1958 / 1959, alcuni in studio, altri in un club di Indianapolis. Anticipano di poco l'esordio per Riverside che avrebbe imposto il chitarrista all'attenzione di tutti i colleghi, rivelandolo come il principale erede di Charlie Christian, i cui assolo Montgomery aveva imparato a memoria negli anni di formazione. Una crescita da autodidatta, guidato solo dall'orecchio, secondo una ricchissima tradizione di artisti afroamericani degli strumenti a corde, le cui origini sono contemporanee all'arrivo dei primi schiavi nelle colonie britanniche. L'incapacità a leggere la musica, che in termini europei appare deteriore, era sostituita da una sorta di accademia quotidiana, dove lo scambio delle informazioni era costante, l'esempio facile da rinvenire e quanto mancava sul posto era reperibile nei dischi.

L'ambiente che ospita la formazione di Montgomery e nel quale presero vita i brani qui offerti, è la capitale dell'Indiana, terza città del Midwest, dopo le più famose Chicago e Detroit. Un luogo assai fertile negli anni Quaranta e Cinquanta: dal suo territorio provennero infatti, Freddie Hubbard, J.J. Johnson, David Baker e altri nomi di spicco. La famiglia Montgomery era poi assai musicale, a Wes si devono affiancare i nomi dei due fratelli: Monk (pioniere del basso elettrico) e il pianista Buddy, con i quali formò i Montgomery Brothers. Un contesto sociale e familiare che raccoglieva le istanze blues della tradizione, aprendosi all'insegnamento dei maestri bop e ai nuovi stimoli di matrice soul.

Qui operò il genio di Wes, in termini di tecnica e stile. Le sei corde ricevettero da lui un impulso innovativo poi raccolto da chitarristi come Metheny e Martino, ma al dato meccanico si deve sempre affiancare la straordinaria cantabilità delle linee melodiche e la fluidità in assolo. Il lavoro sul timbro aveva una forte valenza espressiva, puntando al calore dei bassi nelle ballad, qui ben evidente nella resa di "'Round Midnight," o a un'asprezza tagliente e downhome, per la quale rinviamo alla jam "After Hours Blues," posta in chiusura dell'album. Sempre "'Round Midnight" illustra la compatibilità con l'organo Hammond: il tandem chitarra / organo non è invenzione di Montgomery, ma certo con lui raggiunse vette notevoli.

I brani dal vivo includono prove di agilità bebop ben riassunte da "Straight No Chaser" e dovrebbero provenire dallo Hub-Bub, un bar che offriva musica dal vivo ingaggiando nuovi talenti locali. In generale questi inediti offrono una visione di Montgomery priva di quei filtri o elaborazioni, così evidenti nei troppo bistrattati lavori pop precedenti la scomparsa. Grazie a Echoes of Indiana, per 53 minuti possiamo immergerci nel quotidiano jazzistico di Indianapolis, cogliendo la preziosa testimonianza dell'opera di un genio a un passo dalla sua affermazione mondiale. Al valore musicale si affianca un libretto assai ricco di informazioni, testimonianze dirette e analitiche, ottimo complemento per chi apprezza un ascolto sostenuto da conoscenza e cultura.

Track Listing: Diablo's Dance; 'Round Midnight; Straight No Chaser; Nica's Dream; Darn That Dream; Take The 'A' Train; Misty; Body and Soul; After Hours Blues.

Personnel: Wes Montgomery: guitar; Monk Montgomery: bass (3); Buddy Montgomery: piano (3); Mingo Jones: bass (6-9); Earl Van Riper: piano (6-9); Sonny Johnson: drums (6--8); Melvin Rhyne: piano (1, 4), organ (2, 5); Paul Parker: drums (1, 2, 4, 5); Unknown bassist (1, 4).

Title: Echoes Of Indiana Avenue | Year Released: 2012 | Record Label: Resonance Records

About Wes Montgomery
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related