1

Fight the Big Bull: Dying Will Be Easy

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Nelle interessanti note di copertina, Steve Bernstein, leader dei Sex Mob, associa ciascuno dei quattro brani di Dying Will Be Easy ad altrettanti capolavori della musica orchestrale, citando Black Saint and the Sinner Lady di Mingus, New Orleans Suite di Ellington, Communications ed Escalator Over the Hill di Mike Mantler oltre che Art Ensemble of Chicago, Archie Shepp ed altri, per il particolare tipo di formazione orchestrale utilizzato.

Verissimo, e l'ascoltatore più attento e preparato riconoscerà pezzi di storia del jazz in ogni anfratto delle quattro tracce presenti sul CD. Ma quello che impressiona veramente in Dying Will Be Easy è l'impatto che il nonetto in questione riesce a creare dalle prime note, coinvolgendo immediatamente l'ascoltatore in un percorso che associa una fruibilità epidermica, tattile, ad un fantastico lavoro di destrutturazione e ricomposizione del materiale sonoro a disposizione.

L'ensemble respira come un unico organismo ma mai come in questa occasione si avverte chiaro e distinto il pulsare di ogni suo singolo componente. Ottoni e ance creano fantastiche trame timbriche che possiedono il nitore delle più frizzanti giornate di montagna nelle quali si percepiscono distintamente profumi e aromi ma dove è l'insieme che solletica i sensi e ottenebra la mente.

Sarebbe un delitto soffermarci su di un brano piuttosto che un altro, ma non possiamo non segnalare l'apertura della title track, con il trombone distorto che fa da apripista ad una sezione jungle dai toni sgangherati che si trasforma a sua volta in un ruspante beat campagnolo per l'incendiario intervento del sax tenore.

Dying Will Be Easy ha la struttura di un EP (poco più di trenta minuti) e la portata di un enciclopedia del jazz. Ma, soprattutto, è la geniale dimostrazione di come si possa attingere alla tradizione per produrre musica fresca, intelligente, curiosa e proiettata nel futuro. In un piccolo-grande disco pressoché perfetto c'è spazio solo per un appunto: per dirla ancora con Bernstein, "a little more guitar, Matt!".


Track Listing: 01. Dying Will Be Easy; 02. November 25th; 03. Grizzly Bear; 04. In Jarama Valley. Composizioni e arrangiamenti ad opera di Matt White.

Personnel: Matt White (chitarra); Pinson Chanselle (trap kit); Cameron Ralston (basso); Brian Jones (percussioni); Bob Miller (tromba); Reggie Pace (trombone); Bryan Hooten (trombone); J.C. Khul (sax tenore); Adrian Sandi (clarinetto).

Title: Dying Will Be Easy | Year Released: 2009 | Record Label: Clean Feed Records


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read For the Love of You CD/LP/Track Review For the Love of You
by Jack Bowers
Published: October 21, 2017
Read Recent Developments CD/LP/Track Review Recent Developments
by John Sharpe
Published: October 21, 2017
Read Triple Double CD/LP/Track Review Triple Double
by Glenn Astarita
Published: October 21, 2017
Read Agrima CD/LP/Track Review Agrima
by Jerome Wilson
Published: October 21, 2017
Read The Study of Touch CD/LP/Track Review The Study of Touch
by Karl Ackermann
Published: October 20, 2017
Read Another North CD/LP/Track Review Another North
by Roger Farbey
Published: October 19, 2017
Read "A Thing Called Joe" CD/LP/Track Review A Thing Called Joe
by Dan McClenaghan
Published: September 7, 2017
Read "Mal Sirine" CD/LP/Track Review Mal Sirine
by Roger Farbey
Published: September 16, 2017
Read "Araminta" CD/LP/Track Review Araminta
by Mark Corroto
Published: February 17, 2017
Read "Tribute to Andrezej Przybielski Vol. 1" CD/LP/Track Review Tribute to Andrezej Przybielski Vol. 1
by Karl Ackermann
Published: December 7, 2016
Read "Horizonte" CD/LP/Track Review Horizonte
by Dan Bilawsky
Published: March 31, 2017
Read "Mercerville" CD/LP/Track Review Mercerville
by Dan Bilawsky
Published: August 31, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.