All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Mountweazel: Doublethink

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Mountweazel: Doublethink
Ha qualcosa di ornettiano questo album di Mountweazel, quartetto composto dagli italiani Federico Eterno e Davide Lorenzon, rispettivamente ai sax contralto e tenore, dal finlandese Antti Virtaranta al contrabbasso e dal polacco Adrian David Krok alla batteria, accomunati dal lavorare tutti perlopiù a Berlino. E ce l'ha non solo per il titolo del brano d'avvio, che richiama fortemente quelli del quartetto storico del sassofonista di Forth Worth: vi troviamo infatti una marcata libertà espressiva all'interno di strutture che le donano coerenza e direzione drammaturgica, ma anche improvvisazioni radicali, nei due brani in cui la formazione si allarga a quintetto ospitando il piano di Nicola Guazzaloca. E vi troviamo inoltre una costruzione sinergica del suono, con la partecipazione attiva di contrabbasso e batteria in ruoli tutt'altro che ritmici—si ascolti esemplarmente la traccia d'avvio, con Krok che pennella suoni percussivi e Virtaranta che lavora all'archetto—e con i due fiati che si supportano l'un l'altro, così da non lasciare che le espressività più estreme suonino mai astratte o cerebrali.

Ovviamente nel procedere tematico siamo più lontani da Ornette—il tempo non è passato invano—poiché le atmosfere e gli stilemi che vi si incontrano sono quelli propri della tradizione europea. Ma, diversamente da tanta parte di quest'ultima, qui la leggibilità è sempre elevata, così come la coerenza del discorso: i fiati si scambiano la parte di narratore, insistono su prolusioni tese e drammaticamente comunicative, ma il filo drammaturgico è costantemente percepibile. Cosa, questa, che non muta né nei quattro brani composti (due da Eterno, uno a testa da Lorenzon e Virtaranta), né nelle due improvvisazioni. Qui la presenza del pianoforte—e dell'esperta creatività del suo interprete, Guazzaloca—fornisce ancor più varietà timbrica e tematica, senza tuttavia snaturare la cifra. Sempre molto intensi dinamicamente gli scenari, estremamente mutevoli invece i tempi, anche se con una prevalenza del medio-veloce.

Nei suoi tre quarti d'ora di durata Doublethink—titolo ispirato all'orwelliano concetto del bispensiero, compresenza contraddittoria di idee opposte che in effetti corrispondono per tanti aspetti alla musica espressa—palesa una freschezza e un'originalità non comuni, unite a una grande piacevolezza d'ascolto, frutto anche della personalità dei suoi interpreti. Disco pertanto senz'altro da segnalare e formazione da seguire con attenzione.

Album della settimana.

Track Listing

Purity of Essence; Hungry Waves; Apopudobalia; Kaffeemischung; Esrum Hellerup; If, Then.

Personnel

Federico Eterno: alto saxophone; Davide Lorenzon: tenor saxophone; Antti Virtaranta: bass; Adrian David Krok: drums; Nicola Guazzaloca: piano (in “Hungry Waves” e “Esrum Hellerup”).

Album information

Title: Doublethink | Year Released: 2018 | Record Label: Aut Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Celebration
Irene Schweizer / Hamid Drake
Dedications
Zurich Jazz Orchestra & Steffen Schorn
Conversation #1: Condensed
Arbenz, Mehari, Veras
Lifting The Bandstand
Cecil Taylor Quintet
Ein.
Suomi Morishita
The Elements
Madre Vaca
Winter Garden
Flow Trio with Joe McPhee

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.