All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Dolomiti Ski Jazz - XXI Edizione

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Dolomiti Ski Jazz
10-17.03.2018
Val di Fiemme

Musiche che hanno coperto un'ampia gamma di linguaggi ed orizzonti espressivi, pubblico numeroso e plaudente ... Il bilancio musicale di questa XXI Edizione del Dolomiti Ski Jazz non può che essere molto positivo. Meno felice il bilancio meteorologico. Il maltempo ha infatti cercato di guastare la festa, ma su questo gli organizzatori non hanno ovviamente nessun controllo. Diamo anzi loro atto di aver saputo interpretare al meglio l'evoluzione del meteo e di aver portato all'interno dei rifugi solo quei concerti che, se collocati come previsto sulle terrazze a bordo delle piste da sci, si sarebbero svolti in condizioni proibitive.

Come di consueto, la programmazione del festival si è articolata lungo due direttrici. L'intrattenimento di qualità nei concerti dell'ora di pranzo, dove hanno trovato ampio spazio voci femminili (Shanna Waterstown, Francesca Bertazzo Hart, Eva Emingerova), rivisitazioni di standards (il quartetto di Alberto Marsico, il trio di Marco Castelli) e proposte più "danzanti" come la Tiger Dixie Band e l'Africa dei Kora Beat.

Tra le proposte serali, il festival si è aperto con il concerto del quintetto di Gegé Telesforo, musicista che grazie alla sua attività di presentatore radiofonico e televisivo (e ovviamente grazie ad una musica orecchiabile ed accattivante) riesce a raggiungere anche un pubblico generico, non frequentatore abituale del jazz. Palacongressi di Cavalese pieno, dunque, e grande entusiasmo per una musica ricca di contaminazioni (da James Brown a Bob Marley), molto ben studiata a tavolino, che tra obbligati e stop di grande efficacia cattura con intelligenza e mestiere l'attenzione del pubblico.

Meno riuscito il concerto "Respirart" del pianista francese Christian Sauvage, molto attento al flusso melodico ma poco lucido nella sintesi dei mille riferimenti cui ha attinto (da Keith Jarrett alle tradizioni libanesi, da Gabriel Fauré al blues).

Gli intrecci baritonali dei Barionda (Javier Girotto, Florian BRAMBÖCK , Helga Plankensteiner, Giorgio Beberi, Mauro Beggio) ci hanno condotto verso Charles Mingus (il concerto si è aperto con "Moanin'" e si è chiuso con "Hora Decubitus") e più in generale verso un jazz allegro ed energico ma dalla scrittura fitta e meditata. Avevamo già ascoltato questo gruppo lo scorso anno al festival Lana Meets Jazz, e rispetto ad allora il già ottimo livello di coesione ed intensità ci sembra notevolmente migliorato. Grazie anche all'inserimento alla batteria di Mauro Beggio e, almeno per quanto riguarda questa serata, grazie ad un Florian Bramböck particolarmente ispirato.

È tradizione che il Dolomiti Ski Jazz coinvolga gli istituti scolastici della valle. Nel corso di questa edizione abbiamo potuto ascoltare la Big Band della Scuola di Musica "Il Pentagramma" di Tesero, che ci ha mostrato come anche in questa valle ci siano giovani che studiano e si divertono con il jazz (cosa non così scontata).

A seguire, il saxofonista Scott Hamilton (con Paolo Birro al pianoforte, Aldo Zunino al contrabbasso e Alfred Kramer alla batteria) ci ha portato in quelle atmosfere squisitamente mainstream di cui è uno degli indiscussi maestri. Un concerto che ha divagato tra colonne sonore di film con Doris Day e frammenti di storia del jazz, tra ritmiche serrate, assoli splendidamente citazionisti e qualche occasionale apertura alla contemporaneità, soprattutto da parte di Birro.

Altra buona tradizione del festival, di cui rendiamo merito alla vivace curiosità del direttore artistico Enrico Tommasini, è la presenza di musicisti pressoché sconosciuti anche agli addetti ai lavori, ma meritevoli di attenzione. È il caso degli Hardrada Quartet, giovane gruppo internazionale formato dal tedesco Daniel Buch al sax baritono, dal francese Antoine Spranger al pianoforte, dal danese Adrian Christensen al contrabbasso e dal trentino Daniele Patton alla batteria. Età media 25 anni, denominatore comune la frequenza del Nordic Master in Jazz a Århus, i quattro musicisti hanno presentato un programma fatto di composizioni originali di vaga ispirazione scandinava e ravvivate da un certo calore mediterraneo, molto articolate ritmicamente ed armonicamente. L'ambiente in cui si è tenuto il concerto (il wine bar di un hotel) non ci ha permesso di apprezzare pienamente le sfumature di questa musica, che avrebbe sicuramente meritato una situazione più raccolta. Siamo comunque certi che questi ragazzi faranno molta strada e che avremo altre occasioni di ascoltare questa valida band.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Shop Music & Tickets

Click any of the store links below and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Live Reviews
Interviews
Live Reviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Beautiful Round

Beautiful Round

Self Produced
2015

buy
Live in France

Live in France

Edizioni Parco Della Musica
2015

buy
 

Regreso al Sur

Luminescence Records
2012

buy
 

Cromosoma Alfa

Caligola Records
2011

buy
 

X (Suite for Malcolm)

Terrace In The Sky
2010

buy

Related Articles

Read Bessie Smith Empress of the Blues Tribute at The Cabot Live Reviews
Bessie Smith Empress of the Blues Tribute at The Cabot
by Doug Hall
Published: December 11, 2018
Read Joe Gransden's Big Band At Cafe 290 Live Reviews
Joe Gransden's Big Band At Cafe 290
by Martin McFie
Published: December 9, 2018
Read U2 at Mercedes-Benz Arena in Berlin Live Reviews
U2 at Mercedes-Benz Arena in Berlin
by Nenad Georgievski
Published: December 9, 2018
Read David Johansen at The Space at Westbury Live Reviews
David Johansen at The Space at Westbury
by Mike Perciaccante
Published: December 9, 2018
Read Joshua Bowlus Trio at The Jazz Corner Live Reviews
Joshua Bowlus Trio at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: December 8, 2018
Read Arturo Sandoval At Yoshi's Live Reviews
Arturo Sandoval At Yoshi's
by Walter Atkins
Published: December 8, 2018
Read "12 Points 2018" Live Reviews 12 Points 2018
by Ian Patterson
Published: September 14, 2018
Read "Enjoy Jazz 2018" Live Reviews Enjoy Jazz 2018
by Henning Bolte
Published: November 14, 2018
Read "Boston Celebration: The Legacy of Bob Brookmeyer" Live Reviews Boston Celebration: The Legacy of Bob Brookmeyer
by Doug Hall
Published: March 13, 2018
Read "David Byrne at Red Rocks" Live Reviews David Byrne at Red Rocks
by Geoff Anderson
Published: September 8, 2018