All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Veryan Weston: Discoveries on Tracker Action Organs

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Nativo della Cornovaglia (1950) ma trasferitosi a Londra poco più che ventenne (1972), Veryan Weston, generalmente dedito al pianoforte, si rivolge in questo tutto sommato singolare album all'organo a canne, riunendovi sette improvvisazioni di durate anche molto dissimili (dai 2'48" della prima ai 24 dell'ultima) effettuate in sette chiese e sette città diverse nel marzo 2014.

Il clima che si respira in questa ora abbondante di musica è scuro, cogitabondo, abbastanza dispersivo nel suo sdipanarsi, praticamente privo di centri nevralgici o comunque segmenti in grado di rivelare una struttura di base, uno sviluppo dinamico, o anche, più semplicemente, meri (e sia pur scheletrici, magari isolati) intenti comunicativi.

Weston (cognome impegnativo, per un tastierista, ne conveniamo) sembra proprio suonare per sé e per sé soltanto, procedendo con fare dimesso, decisamente monocorde, come si dice oggi spiccatamente "autoreferenziale." Un disco di cui si apprezza il rigore e la coerenza intestina (peraltro quasi crudeli), ma in cui accade veramente troppo poco per giustificarne un ascolto ripetuto: la parte centro-finale del conclusivo "Numerous Discoveries," sostanziale quintessenza dell'intero lavoro, basterebbe e avanzerebbe.

Track Listing: Quiet Fanfare; Proceeding with Caution; Air in a G Pipe; Poco a poco; Fair with Ground; Tripartite; Numerous Discoveries.

Personnel: Veryan Weston: tracker action organs.

Title: Discoveries on Tracker Action Organs | Year Released: 2017 | Record Label: Emanem

About Veryan Weston
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Road Warrior
Road Warrior
By Chris May
Read Catania
Catania
By Ian Patterson
Read Magma
Magma
By Mark Corroto
Read The Outsider
The Outsider
By Mark Sullivan