All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Steven Bernstein: Diaspora Suite

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Steven Bernstein: Diaspora Suite
Racconta Steven Bernstein, nelle note di copertina di questo Diaspora Suite [nuova tappa di un percorso che ha già prodotto tre splendidi e eterogenei dischi a partire dalla tradizione cantoriale: Diaspora Soul, Diaspora Blues e Diaspora Hollywood], dell'insistenza di John Zorn affinchè il nuovo progetto contenesse tutto materiale originale. Questo desiderio, unito alla reunion - in ricordo di Robert Altman - della band con cui aveva registrato la colonna sonora per il film Kansas City, ha ispirato il trombettista e compositore per nuovi orizzonti alla sua "diaspora".

Seguendo il consiglio del compianto regista di "creare un evento e lanciarlo come se non se ne avesse il controllo", Bernstein ha così pensato di partire da poche indicazioni e di affidarsi, per un intenso pomeriggio di registrazione, ai musicisti con cui ha più esperienza e fiducia, vale a dire un gruppo di musicisti di area californiana che con lui hanno condiviso le prime esperienze sin dagli anni Settanta.

Ecco quindi che Diaspora Suite diventa così il nuovo album "californiano" di Bernstein [dopo quello "hollywoodiano"], con una band che include, oltre al leader, il trombonista Jeff Cressman, il sassofonista Peter Apfelbaum e il clarinettista Ben Goldberg, una pattuglia di chitarristi comprendente Nels Cline, John Schott e Will Bernard, il basso elettrico di Devin Hoff e le percussioni di Scott Amendola e Josh Jones.

La miscela tra i fiati e la massiccia sezione elettrica caratterizza le dodici composizioni, che prendono il nome dalle dodici tribù di Israele, facendole fluttuare in uno continuo magma nel quale la straordinaria capacità di disporre del parti di Bernstein si innesta su una tessitura cangiante e sempre pronta a innescare grooves contagiosi.

Le melodie sono a volte malinconiche ["Judah"], altre volte frammentate e urbane ["Dan"] oppure suadenti e cinematiche come "Simenon", ma è proprio l'ascolto complessivo, l'alternarsi di questi stati d'animo sonori [registrati nell'arco di sei ore] a rendere il disco davvero meritevole, unitamente alla maiuscola prova della ritmica e a un fantastico Nels Cline tra i solisti. Radical jewish psychedelia!

Track Listing

01. Reuben; 02. Simeon (Yis May Chu); 03. Levi; 04. Judah; 05. Dan; 06. Naphtali; 07. Gad; 08. Asher; 09. Issachar; 10. Zebulon; 11. Joseph; 12. Benjamin.

Personnel

Steven Bernstein (tromba); Jeff Cressman (trombone); Peter Apfelbaum (sax tenore, flauto, qarqabas); Ben Goldberg (clarinetti); Nels Cline, John Schott, Will Bernard (chitarre); Devin Hoff (basso); Josh Jones, Scott Amendola (batteria).

Album information

Title: Diaspora Suite | Year Released: 2009

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Warmer Than Blood
Warmer Than Blood
Chris Montague
Read Off Brand
Off Brand
Collage Project
Read Iron Starlet
Iron Starlet
Connie Han
Read Expanding Light
Expanding Light
Whit Dickey Trio

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.