All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

3

Raymond MacDonald - Günter "Baby" Sommer: Delphinius & Lyra

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Bello, ma certo non innovativo o d’importanza ineludibile, questo CD, inciso dal vivo a Glasgow nel settembre 2005, che rientra nell'ambito della libera improvvisazione a due voci (tanto è vero che tutti i brani sono a firma congiunta). Bello per l'onesta, collaborativa impostazione del dialogo, per la fluida schiettezza comunicativa, per la varietà degli accenti e la naturalezza con cui si concatenano le idee...

Rimarchevoli soprattutto la qualità del sound, i colori delle pronunce strumentali dei due improvvisatori: pronunce che racchiudono in sé una lunga esperienza, personale ed anche collettiva, nel senso che si riaggancia al patrimonio comune della musica improvvisata di esplicita matrice jazzistica. Il drumming di Sommer si basa su metriche variate, su precisi, affascinanti disegni costruttivi, che ricordano sia molte delle basilari esperienze afroamericane (da Roach a Rashied Ali, a Thurman Barker) sia moduli più semplici, tipici di certe tradizioni popolari. MacDonald, forse preferibile al contralto che al soprano, possiede una sonorità aperta, di aggressiva comunicativa, che viene modulata in una grande varietà di increspature, strozzature, filanti progressioni o sfaldate discontinuità.

Eppure non si può fare a meno di notare che nell'arco degli otto brani non manca qualche soluzione risaputa, soprattutto nel fraseggio del sassofonista, che sembra talvolta rifugiarsi in cliché tipici di questo genere musicale. Come non manca qualche momento di prudente attesa, che se da un lato serve a stemperare la foga dell'interpretazione, variando le dinamiche della parabola narrativa del duo, dall'altro appare frutto di una momentanea indecisione nel tentativo di riorganizzare le idee.


Title: Delphinius & Lyra | Year Released: 2007 | Record Label: Stash Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read The Martian's Playground Album Reviews
The Martian's Playground
By Geno Thackara
January 24, 2019
Read Ex Nihilo Album Reviews
Ex Nihilo
By Chris May
January 24, 2019
Read Path Of Totality Album Reviews
Path Of Totality
By Roger Farbey
January 24, 2019
Read Time Like This Album Reviews
Time Like This
By John Sharpe
January 24, 2019
Read Bulería Brooklyniana Album Reviews
Bulería Brooklyniana
By Dan Bilawsky
January 23, 2019
Read At The Hill Of James Magee Album Reviews
At The Hill Of James Magee
By Mark Corroto
January 23, 2019
Read Stomping Off From Greenwood Album Reviews
Stomping Off From Greenwood
By Mike Jurkovic
January 23, 2019