2

Bob Downes: Deep Down Heavy

Vic Albani By

Sign in to view read count
Bob Downes: Deep Down Heavy Quando AAJ mi ha spedito questo CD, non volevo credere che sarebbe stato possibile arrivare alla ristampa di uno dei CD più particolari, curiosi e per certi versi assurdi pubblicati nell'ormai lontano 1970. Fu un anno davvero particolare per la musica europea che, sin dai primi mesi, dimostrò di credere seriamente a una sorta di "cambio del decennio." I Beatles stavano per annunciare ufficialmente alla stampa il loro scioglimento. I Nucleus di Ian Carr chiesero alla particolarmente creativa Vertigo (label che stava pubblicando in sostanza "tutto ciò che sembrava al di fuori dei binari," non importa questo fossero i primi vagiti di hard rock, psichedelia, avanguardia, jazz o rock alternativo) di attendere i primi giorni di gennaio per dare alle stampe il loro storico Elastic Rock.

Era l'inizio di una nuova era musicale e, infatti, più o meno da quelle date, anche le enciclopedie più attente si accorgono del solco da tracciare, dividendo un ipotetico "mondo Sixty" dal diluvio successivo. Non a caso il biennio 1969-1971 fu forse il più creativo di quella particolare temperie storica della musica moderna. Dall'altra parte dell'oceano Miles Davis era alle prese con la seria e tanto discussa "svolta elettrica" ma, a parte poche cose, l'ombelico del mondo appariva proprio essere quello del magmatico stravolgimento nato attorno alle ceneri della swinging London.

In quei trentasei mesi il mondo musicale britannico sembrò essere un gigantesco vulcano capace di eruttare intensi fiumi di creatività, proponendo—praticamente con cadenza settimanale—un'incisione di vera e propria "art music." Tutto sembrava permesso. Anche l'assurdità (probabilmente senza pari e da Guinness dei Primati) che nel giro di soli dodici mesi, un musicista pubblicasse tre lavori sostanzialmente similari per tre etichette musicali differenti. Per questo, forse molto più del suo Open Music Trio attivo già dal 1968 e delle sue importantissime collaborazioni con un nome-monstre come quello di Mike Westbrook, il nome di Bob Downes è entrato nella storia.

Flautista, sassofonista, cantante, pianista ma forse meglio pluri-strumentista assoluto (pare suonasse senza difficoltà più di venticinque strumenti e—a quel tempo—la cosa era rara), il musicista di Plymouth (oggi alle soglie degli ottanta) era una sorta d'iperattivo e scatenato trascinatore di musicisti e folle e propagatore estremo di destabilizzanti situazioni sonore. Verso la fine di un decennio di massima creatività, si spostò a vivere in Germania e forse per questo, da allora, molti ne hanno perse le tracce. Eppure, anche dagli Ottanta in avanti, Downes non ha smesso di condurre una vita musicale underground, continuando a sperimentare suoni e nuove regole timbriche, lavorando sulle metriche e sui contenuti armonici, introducendo idee elettroniche che nessun altro aveva ancora tentato.

Deep Down Heavy è la ristampa (curata dalla Esoteric Recordings, branchia della celebrata Cherry Red Records londinese) del suo secondo lavoro discografico, uscito originariamente su vinile nei primi mesi del 1970 per la Music for Pleasure, autentica chicca nella storia delle sotto-etichette del tempo distribuita dalla EMI britannica. Da sempre riconosciuto quale uno dei più importanti nomi della scena "avantgarde" inglese di quegli anni, Downes ebbe la fortuna di essere accompagnato in molte sue avventure discografiche da importanti nomi dell'epoca, poi divenuti autentici fari della nuova scena musicale in terra d'Albione. Gente del calibro di Ray Russell, Alan Rushton o come Chris Spedding e Harry Miller, entrambi ad esempio presenti in questa incisione insieme all'amatissimo amico-poeta Robert Cockburn che, in questo lavoro, recita brevi poesie all'inizio di alcuni brani.

Cosa c'è in questo disco? Ciò che si respira è il profumo underground e la psichedelia totale e parallela a molti generi del tempo: quella che univa con un filo invisibile Pink Floyd e Soft Machine, la new wave del jazz inglese e i primi esperimenti elettronici dei dee jay alternativi.

I primi vagiti di una peculiare progressive music ancora in fasce. In breve, una sorta di goduria per le orecchie del ricercatore e archeologo musicale che è in voi. Schegge impazzite di flauto mai sentite sino ad allora e che poi fecero la gloria di Ian Anderson e compagni. Energetici pensieri rock che guardavano già oltre e occhieggiavano al jazz per tentare cose che sino ad allora sembravano impensabili. Cross-culture mediate dalla psichedelia e chissà cos'altro perché in quei giorni c'era in giro davvero tutto... la qualità tecnica originale del lavoro discografico è infima ed è forse per questo che si è aspettato tanto a ridare vita ai solchi impolverati dal tempo. Ma è oggi più che corretto fare luce su quell'incoerente magma di suono che—insieme a tanti altri rivoli—ha poi generato il grande fiume della musica da dare in pasto solo pochi anni dopo a un'industria che non è stata in grado di salvaguardare il senso culturale di quei movimenti. Fagocitando tutto e appiattendo la musica come un semplice bisogno commerciale.

In barba a tutto ciò il groove di questo lavoro è sul serio totalizzante: qui dentro c'è davvero tutto e di più; potete trovarci i primi vagiti funky, heavy metal alternativo, rock romantico alternativo, rock 'n' roll alternativo, jazz alternativo... un melting pot totale e anomalo dove non è forse il caso di ricercare stile o forma. L'importante allora era la conclamazione del presente e credere in una sorta di "caos controllato," capace di far germinare una nuova era musicale.

Lunga vita Bob. Grazie.

Track Listing: Too Late; Day Dream; Walking On; The Wrong Bus; Poplar Cheam; Don't Let Tomorrow Get You Down; Jasmine; Got No Home; We All Enter In; Thebes Blues; Hollow Moment; Circus Rising.

Personnel: Bob Downes: voce solista, flauto, sassofono; Robert Cockburn: lettura di poesie; Ray Russell: chitarra; Chris Spedding: chitarra; Peter Billam: chitarra; Harry Miller: basso elettrico; Laurie Allan: batteria; Derek Hogg: batteria; Alan Rushton: batteria.

Title: Deep Down Heavy | Year Released: 2014 | Record Label: Esoteric Recordings


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Developing Story CD/LP/Track Review Developing Story
by Edward Blanco
Published: June 26, 2017
Read Lantern CD/LP/Track Review Lantern
by John Kelman
Published: June 26, 2017
Read Inspirations (featuring Matthew Halsall) CD/LP/Track Review Inspirations (featuring Matthew Halsall)
by Phil Barnes
Published: June 26, 2017
Read Unification CD/LP/Track Review Unification
by Troy Dostert
Published: June 26, 2017
Read Crossing CD/LP/Track Review Crossing
by Geno Thackara
Published: June 25, 2017
Read Unit[e] CD/LP/Track Review Unit[e]
by Karl Ackermann
Published: June 25, 2017
Read "Windows" CD/LP/Track Review Windows
by Dan McClenaghan
Published: September 12, 2016
Read "America's National Parks" CD/LP/Track Review America's National Parks
by John Sharpe
Published: November 11, 2016
Read "Live in Sant’Anna Arresi, 2004" CD/LP/Track Review Live in Sant’Anna Arresi, 2004
by Karl Ackermann
Published: December 17, 2016
Read "Escualo" CD/LP/Track Review Escualo
by Duncan Heining
Published: November 24, 2016
Read "Triple Exposure" CD/LP/Track Review Triple Exposure
by Dan Bilawsky
Published: November 30, 2016
Read "In The Corner Of The Eye" CD/LP/Track Review In The Corner Of The Eye
by Glenn Astarita
Published: July 10, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.