All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

2

Dave Douglas New Sanctuary Trio al Blue Note Milano

Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Dave Douglas New Sanctuary Trio
Milano
Blue Note
01.02.2017

Nel 1996 Dave Douglas pubblicò per l'etichetta Avant un album in ottetto, Sanctuary, ispirato alla cattedrale di Firenze e che concedeva ampio spazio all'improvvisazione estemporanea.

Passati vent'anni, il trombettista di Montclair riprende il percorso affrontato allora, con un organico più stringato (un essenziale trio tromba-chitarra-batteria, peraltro già sperimentato con successo da Douglas in quegli stessi anni con il Tiny Bell) ma altrettanto aperto agli scenari più avventurosi. Nasce così il New Sanctuary Trio (con Marc Ribot alla chitarra e Susie Ibarra alla batteria), band che nel settembre 2016 ha pubblicato un omonimo album per la Greenleaf Records.

Rispetto al passato, la configurazione strumentale ed il calibro dei musicisti in gioco portano il trio a muoversi lungo coordinate improvvisative più equilibrate, paritarie e cangianti, in cui ciascun componente della formazione diventa, a tutti gli effetti, compositore istantaneo.

In questa serata milanese, il trio ha ripercorso i brani dell'album, intitolati (in italiano) come i dodici mesi dell'anno, alternando momenti torridi ed espressionistici (in verità non sempre, soprattutto nelle prime fasi, perfettamente a fuoco) a ballate delicatissime, scansioni binarie tanto dirette da sembrare rock (perfetto il contributo della Ibarra) a danzanti andamenti ternari.

Autentico mattatore della serata è stato Marc Ribot. Alternando sonorità calde ed acustiche a lampi carichi di tensione ed elettricità, il chitarrista ha letteralmente preso la musica per mano e l'ha condotta lungo molteplici e mutevoli territori (folk, avant, free, rock, blues). Suoi i guizzi più sorprendenti e spiazzanti (meravigliosi e inattesi i colori vagamente hendrixiani che ha sfoderato nell'ultimo brano del concerto), a lui gli applausi più calorosi di un pubblico non numeroso ma decisamente entusiasta.

Foto: Roberto Cifarelli

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Date Detail Price
May25Sat
Dave Douglas
Turtle Bay Music School
New York, NY
Jul9Tue
Dave Douglas
Gent Jazz Festival
Gent, Belgium
Jul26Fri
Dave Douglas
Festival Marseille Jazz Des Cinq Continents
Marseille, France
Jul27Sat
Dave Douglas
San Sebastian Jazz Festival
San Sebastian, Spain

Related Articles

Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019
Live Reviews
Nubya Garcia at Cathedral Quarter Arts Festival 2019
By Ian Patterson
May 16, 2019
Live Reviews
Electronic Explorations in Afro-Cuban and UK Jazz
By Chris May
May 15, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Perry Tannenbaum
May 13, 2019
Live Reviews
Savannah Music Festival 2019
By Martin Longley
May 12, 2019