All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Steve Lacy: Cycles

Enrico Bettinello By

Sign in to view read count
Cycles è il risultato della meritoria azione filologica di Martin Davidson, che, recuperando quindici inediti, ricostruisce tre "cicli" di composizioni soliste di Steve Lacy della seconda metà degli anni Settanta.

Il primo, composto da otto temi è "Shots," già registrato in LP per la Musica Records nel 1977 a Parigi, in duo con il percussionista giapponese Masa Kwate. La fonte principale della ricostruzione che apre questo doppio CD è un concerto al Teatro Alberico di Roma, pochi giorni dopo la registrazione parigina, ma "The Wire" viene dalla prima esibizione, sempre a Parigi, dell'anno precedente e "Tots" viene dal concerto a Colonia due giorni dopo quello romano.
Ispirato dalle figure genitoriali e da artisti come Claude Debussy, Charles Ives, Joan Mirò, Edgar Varése e Maurice Ravel, il ciclo è un intensissimo viaggio condotto su linee acidule e dal taglio melodico inconfondibile. Come sempre accade con Lacy, ogni frammento possiede una fortissima autonomia poetica, ma l'unità architettonica della "suite" fornisce all'ascoltatore continui nuovi spunti di articolazione della complessità narrativa del sassofonista.

Le altre registrazioni presenti su questo disco provengono dalla Svizzera, dalla Ancienne église des Jésuites di Porrentruy. Siamo nel dicembre del 1980 e nel pomeriggio Lacy cattura, senza pubblico, quattro composizioni e il breve ciclo "Sands," ispirato a alcune poesie di Samuel Beckett. La sera, con il pubblico, il sassofonista riprende "Sands" e il ciclo "Hedges," con il danzatore e coreografo belga Pierre Droulers.
Pubblicate nel 1982 dalla HatHut e mai ristampate, le cinque parti di quest'ultima "suite" vengono qui riproposte insieme al "Sands" pomeridiano e ai quattro altri brani, due dei quali -"Thoughts" e "Swoops" -non saranno più ripresi da Lacy negli anni successivi.
"Sands" invece troverà una nuova versione discografica nel 1998, per la zorniana Tzadik.
Anche in questo caso si tratta di momenti di intensa bellezza: l'essenzialità del gesto sonoro del sax soprano di Lacy spinge a un rapporto con il suono che potremmo definire di geometria emozionale, capace di disegnare i tempi e gli spazi con una linea al tempo stesso bruciante e meditativa.

Inutile dire che si tratta di un disco imperdibile per chi ama Steve Lacy, ma anche per chi voglia accostarsi a un periodo della sua carriera solista straordinariamente intenso. Nel decennio successivo la musica di Thelonious Monk entrerà in modo preponderante nella sua esplorazione, fornendo alle intuizioni di Lacy un'ulteriore, immortale, profondità.

Track Listing: SHOTS: Moms; Pops; The Kiss; Tots; The Ladder; Fruits; Coots; The Wire; Follies; Thought; Wickets; Swoops; SANDS: Stand; Jump; Fall; HEDGES: Hedges; Squirrel; Fox; Rabbit; Shambles.

Personnel: Steve Lacy: soprano saxophone solos; Pierre Droulers: dance (16-20).

Title: Cycles | Year Released: 2015 | Record Label: Emanem

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Read more articles

Related Articles

Read LP1 Album Reviews
LP1
By Dan Bilawsky
June 17, 2019
Read The Garden Of Earthly Delights Album Reviews
The Garden Of Earthly Delights
By Friedrich Kunzmann
June 17, 2019
Read Groove Machine Album Reviews
Groove Machine
By Don Phipps
June 17, 2019
Read Life in the Modern World Album Reviews
Life in the Modern World
By Nicholas F. Mondello
June 17, 2019
Read Live at I.C.U.U. Album Reviews
Live at I.C.U.U.
By Karl Ackermann
June 16, 2019
Read 789 Miles Album Reviews
789 Miles
By David A. Orthmann
June 16, 2019
Read Follow Me Album Reviews
Follow Me
By Roger Farbey
June 16, 2019