Make a difference: Support jazz online

Support All About Jazz Your friends at All About Jazz are looking for readers to help back our website upgrade project. Of critical importance, this project will result in a vastly improved design across all devices and will make future All About Jazz projects much easier to implement. Click here to learn more about this project including donation rewards.

1

Avishai Cohen: Cross My Palm With Silver

Niccolò Lucarelli By

Sign in to view read count
Avishai Cohen, trombettista israeliano da anni stabilitosi a New York, è jazzista dalla profonda coscienza civile, sensibile alle problematiche politiche di Israele, la sua terra natale, così come degli Stati Uniti, suo Paese d'adozione. Cross My Palm with Silver, è un album dal fascino mistico, con quel titolo che sa d'invocazione alla divinità, di preparazione a un rito propiziatorio. Da sempre la musica è strumento di pace e di dialogo, e l'ultima fatica jazzistica di Cohen contiene riflessioni sull'assurdità dei conflitti, delle barriere, dell'odio razziale che ancora divide i popoli.

L'album si sviluppa su soli cinque brani, tutti composti da Cohen, fra considerazioni socio-politiche, e l'omaggio al collega sassofonista Jimmy Greene, "Theme for Jimmy Greene." L'anima dell'album si riflette nei brani "Will I Die, Miss? Will I Die?," "Shoot Me in the Leg," "50 Years and Counting," che raccontano la difficile convivenza fra palestinesi e israeliani, ma anche fra statunitensi e messicani.

L'assolo d'apertura in "Will I Die, Miss? Will I Die?," rappresenta tutta l'intensa, pensosa atmosfera del lavoro di Cohen; la sua tromba incede con lentezza sulle note acute, come si trattasse di un pellegrinaggio nel deserto. E pellegrinaggio alla ricerca di se stessi è di fatto questo affascinante brano, probabilmente uno dei più evocativi nel jazz degli ultimi cinque anni. L'interplay -con il "liquido" pianoforte di Yonathan Avishai che costruisce atmosfere cupe come una pittura preraffaellita -, ricorda quello delle suite dei Pink Floyd, ma con un maggior spazio lasciato ai silenzi fra un capitolo e l'altro. "Will I Die, Miss..." che si riscalda a metà con un tempo moderato, tocca corde ancestrali -la caducità dell'uomo -, ma anche strettamente attuali: la tromba spagnoleggiante di Cohen non può non richiamare il Messico, e la quotidiana tragedia dei migrantes che affrontano il deserto pur di raggiungere gli Stati Uniti.

"50 Years and Counting" ha un titolo dal chiaro riferimento politico: cinquanta anni fa, nel 1967, veniva votata dall'Assemblea delle Nazioni Unite la controversa Risoluzione 242, che prescriveva il ritiro di Israele dai territori occupati; una frase del testo che lascia spazio a un'ambigua interpretazione, ha di fatto bloccato l'applicazione della Risoluzione. Per cui, dopo cinquanta anni, continuano le medesime difficoltà di allora.

Con Cross My Palm with Silver, Avishai Cohen dà corpo a un jazz atipico, sospeso fra la cultura ebraica askenazita e sefardita, e le suggestioni per la musica classica; fra cupo pessimismo e l'utopia della pace. La sua tromba rispecchia questo sentire, ma seppur elegante, ha forse il torto di non sviluppare i suoi fraseggi, che restano inchiodati a poche note cute. Pur evocative, le sonorità sembrano mancare di fantasia. Yonathan Avishai al pianoforte regala eleganti atmosfere sospese fra la delicatezza della psichedelia e i caldi colori dell'andante di un moderato honky tonk; grazie a questo dualismo sonoro, le cinque suite dell'album possiedono una coinvolgente, a tratti persino disturbante, conflittualità, specchio delle tematiche affrontate. Sobria e in disparte la base ritmica, limitata alla scansione del tempo.

l'album ha una profonda impostazione meditativa, concepito probabilmente perché l'ascoltatore si spinga oltre la musica e rifletta su questa conflittuale contemporaneità. E in sottofondo, l'impressione che il jazz sia un sottile corridoio tracciato dal "Grande Architetto dell'Universo" (volendo citare Voltaire), per ricordare agli uomini che quando ne avessero avuto abbastanza di guerre e di violenze, lì avrebbero potuto trovare un istante di tranquillità.

Track Listing: Will I Die, Miss? Will I Die?; Theme For Jimmy Greene; 340 Down; Shoot Me In The Leg; 50 Years And Counting.

Personnel: Avishai Cohen: trumpet; Yonathan Avishai: piano; Barak Mori: double bass; Nasheet Waits: drums.

Title: Cross My Palm With Silver | Year Released: 2017 | Record Label: ECM Records

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Lucas CD/LP/Track Review Lucas
by Mike Jurkovic
Published: January 22, 2018
Read In Paris: The Definitive ORTF Recording CD/LP/Track Review In Paris: The Definitive ORTF Recording
by C. Michael Bailey
Published: January 22, 2018
Read D'Agala CD/LP/Track Review D'Agala
by Mark Corroto
Published: January 22, 2018
Read Not Bound CD/LP/Track Review Not Bound
by Don Phipps
Published: January 22, 2018
Read Not Nearly Enough To Buy A House CD/LP/Track Review Not Nearly Enough To Buy A House
by Mark Sullivan
Published: January 21, 2018
Read Journey to a New World CD/LP/Track Review Journey to a New World
by Troy Dostert
Published: January 21, 2018
Read "Whispers on the Wind" CD/LP/Track Review Whispers on the Wind
by Jack Bowers
Published: October 23, 2017
Read "EE-YA-GI (Stories)" CD/LP/Track Review EE-YA-GI (Stories)
by Jack Bowers
Published: May 19, 2017
Read "The Harry Warren Song Book" CD/LP/Track Review The Harry Warren Song Book
by Roger Farbey
Published: January 31, 2017
Read "Paimon: Book of Angels Volume 32" CD/LP/Track Review Paimon: Book of Angels Volume 32
by Don Phipps
Published: December 13, 2017
Read "Trinity One" CD/LP/Track Review Trinity One
by Geannine Reid
Published: May 31, 2017
Read "Beauty & Truth" CD/LP/Track Review Beauty & Truth
by Karl Ackermann
Published: March 13, 2017