All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

1

Il piatto speciale di Cristina Zavalloni

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Merita attenzione il nuovo CD di Cristina Zavalloni, Special Dish (Encore Jazz). I tredici brani, di vari autori, sono stati incisi dal vivo e in studio fra il marzo 2014 e il giugno 2015 da un quartetto che, oltre alla cantante bolognese, comprende Cristiano Arcelli al sax alto, Daniele Mencarelli al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria. Con l'autrice abbiamo approfondito alcuni aspetti relativi al disco e sondato quali siano i suoi attuali impegni concertistici, non solo in ambito jazzistico.

All About Jazz: Il variegato repertorio di Special Dish contiene brani di autori e culture diverse: si va dai tuoi original a canti della tradizione popolare, da "My Favorite Things" a "Vacanze romane," senza trascurare la scuola brasiliana di Antônio Carlos Jobim o un classico senza tempo come "Poinciana." Si ha l'impressione che nell'affrontare ognuno di questi brani ci sia da parte tua un approccio mentale e vocale sempre diverso, un modo interpretativo personale e studiato, a volte dalle inflessioni esasperate, comunque modellato sui testi e sulle linee melodiche.
Cristina Zavalloni: Termini come 'studiato' o 'mentale' sono piuttosto lontani dal mio approccio alla musica. Io sono una persona più istintiva di quanto forse non traspaia. Credo che la pista sia invece quella dei testi, delle linee melodiche, in generale del suono di ogni singolo brano: è da questo che mi faccio guidare. L'orecchio si sintonizza automaticamente sulla materia sonora e porta la voce a modularsi in una direzione piuttosto che in un'altra. Meno entra in gioco la testa (almeno nel mio caso), meglio è, nel senso che più fresca e riuscita sarà l'interpretazione.

AAJ: A differenza di altre volte, sei accompagnata da una formazione piuttosto scarna (sax, basso e batteria): gli arrangiamenti delle parti strumentali risultano di volta in volta mirati, adattati ai singoli brani. Chi ne è il responsabile?
C.Z.: In questo disco quasi nulla è frutto di una programmaticità. Gli arrangiamenti di "Ingorgo," "Doralice" e "My Favorite Things" sono farina del mio sacco, ma la maggior parte dei brani è frutto del lavoro corale del quartetto: più che scrittura parlerei di prassi esecutiva condivisa.

AAJ: In alcuni casi dialoghi, o ti alterni, con l'improvvisazione melodica del contralto di Arcelli. In un paio di canti popolari invece (l'americano "Black Is the Colour" e "Lamerica" tratto dalla tradizione del Salento) preferisci l'interpretazione solitaria con risultati suggestivi.
C.Z.: I due brani in voce sola sono stati registrati in un secondo tempo, quando Roberto Lioli ha proposto di ri-pubblicare Special Dish come seconda uscita della sua neonata etichetta Encore Label. Ci piaceva l'idea di dare una nuova vita al disco, che era già uscito nel novembre 2014 come allegato alla rivista Musica Jazz. Così abbiamo pensato di aggiungere qualcosa di diverso rispetto alla prima edizione: abbiamo inserito "Poinciana" (che era rimasto fuori dalla precedente tracklist), abbiamo rivisto la scaletta e inserito appunto i due pezzi di origine popolare che hai menzionato. Li ho incisi una mattina a Roma, alla Casa del Jazz; l'idea era di registrare "Lamerica" e "Mi votu e mi rivotu" (pezzi che eseguo da una vita in voce sola), ma una volta lì ho preferito optare per "Black Is the Colour," canzone che apre il ciclo delle Folk Songs di Luciano Berio, che sono un mio cavallo di battaglia e che proprio in quei giorni stavo cantando.

AAJ: Più che a The Soul Factor (Jando Music 2014), inciso con Uri Caine ed altri jazzisti americani, nello spirito e negli arrangiamenti quest'ultimo CD sembra ricollegarsi al precedente La donna di cristallo (Egea 2012), in cui però eseguivi solo original con una formazione più ampia.
C.Z.: The Soul Factor è una meteora nella mia produzione discografica! Un CD scritto a quattro mani con un altro musicista -Uri Caine -, suonato con una band tutta americana, realizzato su commissione e ispirato alla Soul Music. Uno spasso assoluto, ma decisamente diverso da tutto ciò che ho inciso prima e dopo, almeno per ora.
Mi pare naturale trovare invece una continuità tra La donna di cristallo e Special Dish, anche perché i musicisti di quest'ultimo (Arcelli, Mencarelli e Paternesi) sono tutti membri della Radar Band. La differenza essenziale è che La donna di cristallo era un album molto scritto, totalmente composto da brani miei arrangiati da Arcelli (conosciuto proprio in quell'occasione), mentre Special Dish, come dicevo, è frutto di un approccio più corale, più libero, più improvvisato, forse, in una parola, più jazz.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Special Moon

Special Moon

Encore Jazz
2017

buy
 

Solidago

Egea Records
2009

buy
 

Tilim-bom

Egea Records
2008

buy
 

Idea

Egea Records
2007

buy
 

AC / CD

Cantaloupe Music
2006

buy

Related Articles

Read Theo Croker: It's Just Black Music Interviews
Theo Croker: It's Just Black Music
By Keith Henry Brown
June 24, 2019
Read A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast Interviews
A Young Person's Guide to the Jazz Bastard Podcast
By Patrick Burnette
June 11, 2019
Read Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon Interviews
Joey DeFrancesco: From Musical Prodigy to Jazz Icon
By Victor L. Schermer
June 2, 2019
Read Moers Festival Interviews: Marshall Allen Interviews
Moers Festival Interviews: Marshall Allen
By Martin Longley
May 30, 2019
Read Sam Tshabalala: Returning Home Interviews
Sam Tshabalala: Returning Home
By Seton Hawkins
May 27, 2019
Read The Baylor Project: A Brand New Day Interviews
The Baylor Project: A Brand New Day
By K. Shackelford
May 24, 2019