All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Nik Bärtsch's Mobile: Continuum

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Nik Bärtsch, pianista svizzero famoso ai più per le sue gesta con i Ronin, torna alla ribalta con un nuovo album che, semmai ce ne fosse ancora bisogno, ne conferma il talento e il genio creativo.

Qui è a capo dell'ensemble acustico Mobile, che per l'occasione si esibisce in una formazione allargata includendo una sezione d'archi composta da due violini, una viola e due violoncelli. L'approccio stilistico è noto e affonda le radici in un patrimonio musicale di matrice cameristica e classica che il quartetto rivisita da ormai quasi 20 anni (il primo album dei Mobile risale al 2004, Aer uscito per l'etichetta Tonus Music) e che vede anche in questa avventura l'ottimo Bärtsch affiancato dal fidato Sha ai clarinetti bassi e dai metronomici Kaspar Rast e Nicolas Stocker alle percussioni.

Il risultato è una musica "continua," scarna, senza tempo, minima e infinita allo stesso tempo che si fonda su patterns, grooves e accordi ripetitivi quasi sempre "ambientati" in scenari ad alta tensione. Bisogna dire che Bärtsch non è l'unico a indagare il dettato minimalista in chiave contemporanea: esistono brillanti esempi provenienti da diversi generi, jazz e avant progressive soprattutto. Tuttavia il compositore elvetico ha una marcia in più: riesce a modulare note, pause, silenzi, intervalli e accordi in modo magistrale, senza mai annoiare l'ascoltatore, e giocando sulla ricchezza timbrica di una sezione ritmica "spaziale," osando passaggi arditi e quasi funky come, ad esempio, nell'introduttiva "Modul 29_14." L'intervento della sezione archi, come nella romantica ed evocativa "Modul 60," non è mai invasivo ma sempre dosato con equilibrio, quasi sussurrato. Un saggio, infine, della sua maestria lo si può ritrovare nella composita e cerebrale "Modul 44," brano di oltre 10 minuti dove la suspence è dietro a ogni nota.

Continuum si candida già da ora a entrare di diritto nella classifica dei migliori album del 2016 e Bärtsch si conferma uno dei compositori contemporanei più innovativi.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Date Detail Price
Aug15Thu
Nik Bärtsch’s Ronin
Smida Park
Smida, Romania

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019