0

Rez Abbasi: Continuous Beat

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il titolo del nuovo disco di Rez Abbasi, Continuous Beat, sembra fare riferimento a un work in progress, ad una serie di pulsazioni che traggono origine da palpiti antecedenti al disco stesso. Abbasi ha voluto completare e ampliare un progetto iniziato più di un anno fa con Paul Motian e non concretizzatosi a causa della morte del grande batterista. A "sostituirlo" troviamo Satoshi Takeishi, percussionista e batterista dalle eccezionali e dirompenti doti musicali, che intercetta e condivide alla perfezione le idee musicali del leader, tanto da diventare determinante nella formulazione stessa del suono del gruppo. Come Motian usava i piatti con profonda maestria e chiara eleganza espressiva, Takeishi - da abile scenografo percussivo - incornicia, dipinge e sostiene con ritmiche definitive e dettagli percussivi i brani, ma sa anche far cantare i tamburi con evidente gusto melodico. D'altro canto, il musicista giapponese - più di Motian - è un vulcano dietro la sua batteria. Il suo è un battere continuo, un incedere vitalistico, che non delega mai alle pause il compito di arredare la musica. Takeishi si trova bene in tutti i brani, da quelli con ritmi dispari e complessi come "Dividend Attention" a quelli più lineari come "The Cure" o "Back Skin".

Al contrabbasso di John Hebert è affidato il compito di sostenere le pindariche acrobazie sonore di Abbasi e Takeishi. Solido e fluido insieme, muscolare e versatile, Hebert è il punto fermo attorno a cui tutto ruota e si sviluppa.

Grazie ad un fraseggio originale ed un approccio melodico, Rez Abbasi è riuscito nel corso degli anni a trasporre suoni e visioni estetizzanti del sub continente indiano in un contesto jazzistico (si ascoltino le visionarie note introduttive e l'assolo nel celebre brano di K. Jarrett "The Cure"). In questo nuovo disco Abbasi sperimenta la formula del trio con esito lusinghiero, muovendosi con stile senza sovrastare mai gli altri strumenti, guidando e lasciandosi guidare.

L'uso dell'elettronica è ben dosato e mai invasivo e contribuisce ad espandere lo spettro cromatico dell'intero progetto. Si rintracciano ascendenze friselliane e in parte anche del Metheny anni Ottanta (si ascolti "Major Major"), tuttavia l'estrema chiarezza dei suoni e l'originalità del fraseggio salvaguardano l'identità del progetto.

Il disco si apre e si chiude con due brani di chitarra solo. Il primo sembra un'invocazione elettrica e alterata per moto retrogrado di un canto in stile Qawwali, un richiamo alla lingua musicale d'origine (il Pakistan). L'ultimo è invece "The Star Splangled Banner," l'inno nazionale statunitense, riarmonizzato e suonato in accordatura aperta con chitarra acustica e come fosse una ballad. La scelta di suonare l'inno americano ricorda sia Frisell che esegue "Washington Post March" sia Hendrix a Woodstock nel '69, ma soprattutto rimanda alla natura intrinseca del jazz, musica onnivora e sincretica per definizione. La sintesi tra questi due poli (sintassi jazzistica da una parte e idiomi musicali orientali dall'altra) diviene in Abbasi fondamento estetico e poetico dell'intero disco e del suo approccio alla musica tout court. In mezzo altre sette tracce che si muovono nella stessa ottica.

Continuous Beat è un disco vivo e intenso. All'eleganza dei suoni e dell'esposizione unisce una profonda, e poetica, leggerezza che emerge sia nei momenti in cui si tentano spinte più linguisticamente eversive sia nei passaggi più dinamici e nervosi.

Track Listing: 1. Introduction (Rez Abbasi); 2. Divided Attention (Rez Abbasi); 3. Major Major (Gary Peacock); 4. Rivalry (Rez Abbasi); 5 . ITexture (Rez Abbasi); 6. The Cure (Keith Jarrett); 7. Off Minor (Telonious Monk); 8. Back Skin (Rez Abbasi); 9. Star Spangled Banner (JS Smith).

Personnel: Rez Abbasi - chitarre; John Hébert – contrabbasso; Satoshi Takeishi – batteria, percussioni.

Year Released: 2012 | Record Label: Enja Records | Style: Modern Jazz


comments powered by Disqus

Shop

More Articles

Read Numbers CD/LP/Track Review Numbers
by Mark Sullivan
Published: May 30, 2017
Read Copenhagen Live 1964 CD/LP/Track Review Copenhagen Live 1964
by Mark Corroto
Published: May 30, 2017
Read The Busker CD/LP/Track Review The Busker
by Glenn Astarita
Published: May 30, 2017
Read Pathways CD/LP/Track Review Pathways
by Jerome Wilson
Published: May 30, 2017
Read This Is Beautiful Because We Are Beautiful People CD/LP/Track Review This Is Beautiful Because We Are Beautiful People
by Matthew Aquiline
Published: May 29, 2017
Read Nigerian Spirit CD/LP/Track Review Nigerian Spirit
by James Nadal
Published: May 29, 2017
Read "Stranger Days" CD/LP/Track Review Stranger Days
by Budd Kopman
Published: August 21, 2016
Read "Mingus, Mingus, Mingus" CD/LP/Track Review Mingus, Mingus, Mingus
by Troy Dostert
Published: September 21, 2016
Read "Three Octaves Above The Sun" CD/LP/Track Review Three Octaves Above The Sun
by James Nadal
Published: August 1, 2016
Read "Chicago II" CD/LP/Track Review Chicago II
by Doug Collette
Published: February 25, 2017
Read "Blind Curves and Box Canyons" CD/LP/Track Review Blind Curves and Box Canyons
by Karl Ackermann
Published: May 4, 2017
Read "Left" CD/LP/Track Review Left
by John Sharpe
Published: November 22, 2016

Why wait?

Support All About Jazz and we'll deliver exclusive content, hide ads, hide slide-outs, and provide read access to our future articles.

Buy it!