Home » Articoli » Tom Rainey Trio: Combobulated

1
Album Review

Tom Rainey Trio: Combobulated

By

Sign in to view read count
Tom Rainey Trio: Combobulated
Tom Rainey è da anni batterista tra i più versatili. A suo agio nella lingua della tradizione (Fred Hersch, Joe Lovano, Carmen McRae, il suo gruppo Obbligato..) ma anche nelle forme aperte della postmodernità (Tim Berne, David Torn, Nels Cline...), raggiunge con il suo trio risultati anomali, di volta in volta più sorprendenti. Sempre affiancato da Ingrid Laubrock ai sassofoni e Mary Halvorson alla chitarra, Rainey sceglie ancora una musica totalmente improvvisata. In questo ambito è interessante distinguere una scuola "europea," in cui si coglie l'aleatorietà assoluta nel metodo e nel processo del divenire sonoro; e questa invece "americana" (benchè Laubrock sia tedesca di nascita), in cui il procedimento dell'improvvisazione senza trame tematiche non esclude un palpabile richiamo alla memoria e alla storia. Pur senza spartiti e senza riff che possano fungere da trampolino, il trio di Rainey usa però frammenti narrativi ben distesi, che accarezzano a piacimento jazz, rock elettrico e altri generi, che si smaterializzano non appena evocati.

Rispetto all'ultima prova, il formidabile Hotel Grief, i tre musicisti sembrano volersi allontanare dai loro stili più usuali. Rainey si esprime con figurazioni frantumate e con un suono quasi metallico, Laubrock con timbri spessi e abrasivi che rimandano ad Archie Shepp e a Peter Brötzmann, Halvorson con più attenzione all'arpeggio ripetitivo e a toni declamati. Credo sia importante il lavoro di post-produzione realizzato da David Torn, attorno a esecuzioni immediate, dal vivo in studio. Il lungo pezzo iniziale sembra una prova per trovare canovacci comuni ma si sviluppa invece in un muro di suono avvolgente, alla fine autoritario.

La musica che esce e rientra in qualche forma, con strappi e riprese, vive di ossessioni epidermiche, tra sogno e realtà.

Impressionano molto "Fact" e "Splay Itself," dialettiche ibride ma potenti a cavallo tra metal-rock e improvvisazioni jazzistiche.

La conclusiva "Torn Road" è una nuvola di suono in un tempo sospeso.

Album della settimana.

Track Listing

Combobulated; Point Reyes; Fact; Isn’t Mine; Splays Itself; Torn Road.

Personnel

Mary Halvorson: guitar; Ingrid Laubrock: saxophones; Tom Rainey: drums.

Album information

Title: Combobulated | Year Released: 2019 | Record Label: Intakt Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.