All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Colosseum: Colosseum Live

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
Colosseum: Colosseum Live
I Colosseum guidati dal batterista Jon Hiseman furono una delle più belle sorprese spuntate dal blues e dal jazz inglese nella magica stagione di fine anni sessanta. Hiseman era stato protagonista alla corte di John Mayall, in particolare per l'ottimo album Blues Wires del 1968 e aveva poi deciso di mettersi in proprio portandosi dietro due musicisti formidabili come il bassista Tony Reeves e il saxofonista Dick Heckstall-Smith, vera gloria del jazz inglese sin dai primissimi anni sessanta, quando si fece notare alla corte di Graham Bond, dove aveva suonato anche con lo stesso Jon Hiseman, quando quest'ultimo aveva sostituito lo spumeggiante Ginger Baker. Vennero reclutati anche l'amico di infanzia e ottimo tastierista Dave Greenslade e il chitarrista Jim Roche che fu presto sostituito da James Litherland.

A fine 1968 questi musicisti registrarono il primo album dei Colosseum, intitolato Those Who Are About to Die Salute You—Morituri Te Salutant e ottennero subito un buon successo, che fu ribadito dall'album successivo Valentyne Suite, uscito alla fine del 1969. A questo punto nel 1970, Reeves fu sostituito dal più giovane Mark Clarke, Litherland fu sostituito dal bravo Dave "Clem" Clempson e si aggiunse la voce potente di Chris Farlowe. Nella primavera del 1971 il gruppo registrò dal vivo a Manchester e a Brighton e pubblicò velocemente questo doppio album intitolato semplicemente Colosseum Live che ebbe grande e meritato successo. Purtroppo il gruppo si sciolse nell'autunno successivo per poi riformarsi molti anni dopo, in altre circostanze.

Adesso l'etichetta Esoteric ripropone quell'album aggiungendo 74 minuti di musica dal vivo che viene racchiusa nel secondo CD, mentre nel primo CD ritroviamo tutto il materiale che era stato proposto nell' originario doppio album in vinile. La registrazione è molto buona e grazie all'eccellente lavoro di rimasterizzazione gli impasti strumentali sono ancora più nitidi ed interessanti, a testimonianza di una abilità tecnica di questi musicisti che nessuno può negare. Per fortuna la tecnica si sposa con una grande determinazione e con una generosa passione e i sei musicisti suonano alla grande tirando fuori ogni energia e ogni idea creativa, raggiungendo eccellenti livelli per il rock venato di jazz dell'epoca. Non mancano spruzzatine di sano umorismo british, presente nei commenti e nelle variazioni dei testi cantati da Chris Farlowe. Sin dalle iniziali "Rope Ladder to the Moon" (scritta da Jack Bruce e Pete Brown) e "Walking in the Park" (proveniente dal repertorio di Graham Bond) tutto scorre via con grande fluidità e si raggiungono punte di eccellenza nel brano "Tanglewood 63" scritto da Mike Gibbs, nell'ottimo "Stormy Monday Blues" dove Clempson e Farlowe dominano la scena con interventi dilatati e viscerali, per poi sfociare nell'eccellente "Lost Angeles" che chiude elegantemente ed intensamente le danze con particolare menzione per il lavoro di Dave Greenslade, di Dick Heckstall-Smith e di John Hiseman.

Il CD di inediti, tutti rigorosamente dal vivo e registrati nelle stesse località sopra indicate, aggiungendo Bristol, ripropone in parte versioni diverse degli stessi brani contenuti nell'album originale e soprattutto aggiunge una preziosa e stimolante rilettura dal vivo della intera "Valentyne Suite," preceduta da una debordante "Time Machine" dove la batteria di John Hiseman fa sfracelli. In definitiva Colosseum Live, rimasterizzato a dovere e allungato con oltre settanta minuti di inediti, si conferma come uno dei migliori album dal vivo di quel periodo. Cosa chiedere di più?

Track Listing


CD 1:
Rope Ladder to the Moon; Walking in the Park; Skellington; I Can’t Live without You; Tanglewood ’63; Encore...Stormy Monday Blues; Lost Angeles.
CD 2 (Bonus Tracks):
Rope Ladder to the Moon; Skellington; I Can’t Live without You; Time Machine; The Machine Demands a Sacrifice; Stormy Monday Blues; The Valentyne Suite: January’s Search, Theme Two - February’s Valentyne, Theme Three – The Grass Is Greener.

Personnel

Dick Heckstall-Smith: tenor and soprano saxophone; Dave Greenslade: organ, vibes; Dave “Clem” Clempson: guitar, voice; Chris Farlowe: voice; Mark Clarke: bass; Jon Hiseman: drums.

Album information

Title: Colosseum Live | Year Released: 2016 | Record Label: Esoteric Recordings

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Brazil
Brazil
Mike Barone Big Band
Read Liga Latina
Liga Latina
Liga Latina
Read The Call Within
The Call Within
Tigran Hamasyan
Read Light In The World
Light In The World
Nocturnal Four
Read A Time And A Place
A Time And A Place
Dustin Laurenzi's Natural Language

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.