All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Benoît Delbecq: Circles and Calligrams

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Benoît Delbecq: Circles and Calligrams
Il pianoforte come laboratorio timbrico. L'idea in sé non è nuova, ma in campo jazzistico non è stata molto investigata e consente di tenere a distanza l'opzione soltanto muscolare verso lo strumento. Benoît Delbecq è artista intelligente, da anni alle prese con lo studio delle possibilità di estendere la funzione dialogica del piano preparato. Una funzione più strutturata rispetto alla dimensione aleatoria proposta da Cage a suo tempo, ma sicuramente collegata a quella.

Le strutture indipendenti che si ascoltano in diverse tracce, prodotte dalle corde modificate con oggetti e metalli, fanno pensare a sovraincisioni. Ma Delbecq afferma di no in diverse interviste, dunque il ruolo del tecnico del Bösendorfer, Philippe Bailleul, è decisivo per ottenere l'equilibrio generale.

All'interno di atmosfere che rimandano al Gamelan (era già successo in un'altra opera pubblicata dalla Songlines, Nu Turn e ancora prima nei lavori con i Recyclers, di cui Delbecq era co-leader con Noël Akchoté e Steve Arguelles), Delbecq fraseggia con moduli semplici, racchiusi spesso in uno spazio stretto della tastiera; evita temi espliciti o evoluzioni armoniche, predilige invece la ripetizione, le leggera ossessione, con effetti stranianti. Il tocco è rarefatto, ma non manca di una certa forza. Se la divagazione come cifra stilistica fa pensare a Paul Bley, la filosofia generale di questo pianismo mobile, inafferrabile e nervoso è legato alla lezione di Lennie Tristano, magari interpolato a certe idee di Ligeti.

La sintesi di Delbecq è comunque altamente originale e riesce a stemperare con delicatezza impressionista i labirinti un po' stordenti dei brani circolari e ripetitivi. Il piano preparato fa faville in "Biobeat" e "Fireflies," ma anche un'aforisma come "Alpha" e la ripresa folgorante di "Flakes" di Steve Lacy lasciano il segno.

Benoît Delbecq continua un lavoro prezioso che trascende sia jazz che musica accademica, trovando un'interessante terra di nessuno sonora.

Track Listing

01. Circles and Calligrams - 6:06; 02. Ando - 9:16; 03. Meanwhile - 4:57; 04. A Lack of Dreams - 6:15; 05. Alpha - 1:31; 06. Flakes (Steve Lacy) - 1:22; 07. Biobeat - 9:00; 08. Le Sixième Saut - 3:49; 09. Fireflies - 7 :00; 10. Mille Nandie Remix (Delbecq-Becker) - 5:18. Composizioni di Benoît Delbecq, eccetto dove indicato.

Personnel

Benoît Delbecq (piano).

Album information

Title: Circles and Calligrams | Year Released: 2012 | Record Label: Songlines Recordings

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

A Conversation
Tim Hagans-NDR Big Band
Die Unwucht
Christopher Kunz & Florian Fischer
In Space
The Luvmenauts
Afrika Love
Alchemy Sound Project
Sunday At De Ruimte
Marta Warelis / Frank Rosaly / Aaron Lumley /...
Westward Bound!
Harold Land

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.