All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

2

Dylan Ryan Sand: Circa

Maurizio Comandini By

Sign in to view read count
Dopo l'eccellente Bleached Sky del 2012, il trio del batterista Dylan Ryan torna sul luogo del delitto con una bella tanica di benzina e accende un fuoco capace di brillare per la notte intera. L'incendiario principale è, come al solito, il bravissimo chitarrista Timothy Young, cresciuto all'ombra di Wayne Horvitz e dei suoi Zony Mash, con la supervisione benigna di zio Bill Frisell.

Young scatena una miscela di jazz e rock che non ci capitava di sentire da tempo. Grumosa, bollente, micidiale. La vera cura per il raffreddore. Il suo suono è solido e incontenibile. Bene fanno i due compagni di strada a lasciarlo sfogare senza alcuna remora, seguendolo per i sentieri improbabili che scova ad ogni angolo. Scorciatoie misteriose che però trovano sempre un senso logico. E lo trovano spesso più nei piaceri forniti dal percorso stesso, che negli appagamenti delle mete finali.

Devin Hoff è un bassista perfetto per queste scorribande, la sua lunga militanza al fianco di Nels Cline gli consente di saper sempre incassare le esplosioni laviche del chitarrista e il suo affiatamento con il batterista Dylan Ryan è un esempio da indicare ai giovani.

Dylan Ryan è un leader silenzioso e coscienzioso che si preoccupa soprattutto di creare le giuste condizioni di partenza che pongano le basi per un viaggio interessante. Una volta in viaggio sceglie di lasciare che succeda tutto quello che la verve creativa del trio sa sbattere sul tavolo. Non pone limiti, non immagina neppure cesure o censure di sorta. Tutto scorre, tutto torna, tutto esplode nell'aria circostante, come nel finale di Zabriski Point.

Questo gruppo ha un potenziale enorme dal vivo, situazione ideale per immaginare una dilatazione esagerata di questi brani piuttosto brevi (solo in un caso si va di qualche secondo oltre ai 5 minuti), ma comunque perfetti. I promoter in giro per il mondo sono pregati di ascoltare attentamente e di prendere nota. Non se ne pentiranno.

Track Listing: Trees, Voices, Saturn; Possession; Sledge Tread; Visionary Fantasy; Pink Noir; Mortgage On My Soul; Slow Sculpture; Low Fell; Night Sea Journey; Raw Rattle.

Personnel: Dylan Ryan: drums; Timothy Young: guitar; Devin Hoff: bass

Title: Circa | Year Released: 2014 | Record Label: Cuneiform Records

About Dylan Ryan / Sand
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Tonewheel
Tonewheel
By Dan Bilawsky
Read Santa Baby
Santa Baby
By C. Michael Bailey
Read Mythos
Mythos
By Mike Jurkovic