All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

Children of the Light al Teatro Golden di Palermo

Maurizio Zerbo By

Sign in to view read count
Children of the Light: Danilo Perez, John Patitucci, Terri Lyne Carrington.
Nomos Jazz 2019
Teatro Golden
Palermo
15.3.2019

ConTerry Lyne Carrington al posto di Brian Blade, il trio di Danilo Pérez ha raggiunto risultati oggi difficilmente eguagliabili sul piano della logica jazzistica improvvisativa e dello spazio sonoro. Lo testimonia mirabilmente il concerto palermitano, all'insegna della lettura radicalmente nuova di ogni brano proposto, al di là della sua storia interpretativa.

Emblematica è in tal senso la sublime rivisitazione di un classico del soul (”Overjoyed” di Stevie Wonder), per comprendere l'elevato tasso di creatività messa in campo. La risignificazione jazzistica di questa canzone passa attraverso un mobile processo di ricomposizione istantanea del tessuto ritmico-armonico, rivestito per l'occasione di forme asimmetriche ed una mirabile fusione di modalità shorteriane con echi cadenzali tonali. Questa performance valeva da sola il prezzo del biglietto, dimostrando a che eccelsi risultati possa pervenire il modern mainstream, quando l'esecuzione si libera dalle pastoie di strutture prefissate.

Dopo la dolce esposizione caratterizzante il tema wonderiano, l'improvvisazione corale si è svolta senza un preciso inquadramento fraseologico o risaputo sostegno armonico.

Lo stesso dicasi per le composizioni (”Children of the Light” o ”Moonlight on Congo Square”) originali del leader, dove i due compagni di viaggio non si limitano ad accompagnare. Ergendosi come voci paritarie, contrabbasso e batteria impongono con classe la forma ed il carattere mutevole del flusso sonoro. Perez è il magnifico perno del gruppo intorno al quale si sviluppa un sontuoso intreccio poliritmico, imbevuto di influenze musicali panamensi e cubane.

Le composite linee pianistiche del leader sono moltiplicate da due vulcani del ritmo, nel cambiare direzione alla musica o introdurre metri contrastanti. Magnifico solista, Perez dà il meglio nei concerti grazie anche alla rara capacità di disegnare sapienti macchie accordali di colore ad intervalli regolari, nell'accompagnare gli assoli magniloquenti di John Patitucci. Partito da una matrice latinoamericana o africana, l'identità musicale del pianista panamense ha ormai raggiunto una degli esiti più avanzati e personali del pianismo jazzistico contemporaneo.

Post a comment

Tags

Shop Amazon

More

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.