All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Chick Corea Akoustic Band a Firenze

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Chick Corea Akoustic Band
MusArt Festival
Piazza SS. Annunziata
Firenze
23.7.2018

Era il 1989 quando uscì Akoustic Band, primo album del trio di Chick Corea, con gli allora piuttosto giovani John Patitucci al contrabbasso e Dave Weckl alla batteria. Una formazione che interpretava il piano trio in modo tutto sommato tradizionale, donandogli però un brio e una ricchezza di dettagli possibili solo ad artisti di livello superiore quale i tre già allora erano.

Dopo quasi trent'anni quella formazione è ancora in vita e, con i suoi protagonisti (incluso il settantasettenne leader) in forma smagliante, si è presentata nel meraviglioso scenario di Piazza SS. Annunziata di Firenze per un concerto inserito nel composito programma del MusArt Festival.

La cifra della formazione è cambiata tanto poco da avere in programma due dei brani presenti nel disco di allora, una lettura lieve e articolata dell'ellingtoniana "Sophisticated Lady" e la conclusiva "Spain," introdotta da una citazione del Concerto d'Aranjuez di Rodrigo —nel corso della quale, purtroppo, Corea non si è sottratto al duetto con il pubblico, stucchevole pratica un po' gigiona che farebbe piacere veder evitare da artisti di tale livello. Ma, più in generale, non è cambiato il modo in cui i tre affrontano i brani: tempi medio-veloci, interazione paritetica, fraseggi estremamente articolati da parte del pianoforte, ma anche del contrabbasso, beat a cavallo tra ritmicità jazzistica e leggerezza pop. Il tutto all'insegna di un divertito entusiasmo e di una grande maestria, peraltro mai ostentata.

Quel che forse i trent'anni hanno lasciato in più è —oltre una ancor maggiore padronanza individuale degli strumenti —un'intesa impressionante: i tre si scambiavano le parti con immediatezza e naturalezza disarmanti, persino nel corso di frasi e ritornelli. Cosa evidente in particolar modo nel rapporto tra Corea e Patitucci, che spesso si inseriva nelle frasi del pianista, ora completandole, ora raddoppiandole, con effetti gustosissimi.

Patitucci, peraltro, è apparso sublime in ogni intervento: nei suoi assoli ha infatti mostrato un suono eccellente, una notevole liricità e un dettaglio di fraseggio davvero difficile da riscontrare in altri strumentisti. Un contrabbassista ai vertici della categoria a livello mondiale, forse trascurato, nonostante la sua notorietà.

I momenti più alti di un concerto tutto di notevole livello sono forse stati "Life Line," brano di Corea anch'esso risalente a molti anni orsono e che, per la sua struttura composita e la raffinatezza del tema, ha permesso ai tre di esprimere al meglio le loro qualità, e la suite composta da una introduzione tratta da Scarlatti, da un'improvvisazione e dallo standard "You and the Night and the Music," la quale —per la sua varietà e per le invenzioni di cui era costellata —ha permesso di esplorare un largo spettro di possibilità espressive, sporgendosi anche fuori dall'identità tutto sommato tradizionale della musica del trio.

Ottimo concerto, dunque, che non ha deluso un pubblico amplissimo (chissà se grazie al richiamo del "nome" o al contesto globalmente non jazzistico del festival?) che ha applaudito, ha inneggiato, ha richiesto bis. Buone notizie per il jazz, non importa che si trattasse di musica non particolarmente innovativa.

Foto: Luca Brunetti.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn Live Reviews
Alan Broadbent Trio at the Deer Head Inn
by Victor L. Schermer
Published: August 15, 2018
Read Flow Festival 2018 Live Reviews
Flow Festival 2018
by Anthony Shaw
Published: August 14, 2018
Read Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge Live Reviews
Shipp / Lowe / Baker / Ray at Le Poisson Rouge
by Karl Ackermann
Published: August 13, 2018
Read 3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition Live Reviews
3rd Zbigniew Seifert International Jazz Violin Competition
by Ian Patterson
Published: August 9, 2018
Read Live From Brussels: Turkish Psychedelic Nite, Charlemagne Palestine & Anna Von Hausswolff Live Reviews
Live From Brussels: Turkish Psychedelic Nite, Charlemagne...
by Martin Longley
Published: August 9, 2018
Read Papanosh in a Finnish Forest Live Reviews
Papanosh in a Finnish Forest
by Anthony Shaw
Published: August 8, 2018
Read "Ted Chubb Band at Trumpets Jazz Club" Live Reviews Ted Chubb Band at Trumpets Jazz Club
by David A. Orthmann
Published: June 26, 2018
Read "Jazzahead! 2018" Live Reviews Jazzahead! 2018
by Henning Bolte
Published: May 3, 2018
Read "Boston Roundup: Larry Carlton, Brit Floyd, and Doyle Bramhall" Live Reviews Boston Roundup: Larry Carlton, Brit Floyd, and Doyle...
by Dave Dorkin
Published: December 20, 2017
Read "Trish Clowes at Mermaid Arts Centre" Live Reviews Trish Clowes at Mermaid Arts Centre
by Ian Patterson
Published: February 17, 2018
Read "Sue Rynhart at The Cresent Arts Centre" Live Reviews Sue Rynhart at The Cresent Arts Centre
by Ian Patterson
Published: September 15, 2017