All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Antonio Sanchez - WDR Big Band conducted by Vince Mendoza: Channels of Energy

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
La relazione tra la Cam Records di Ermanno Basso e il noto batterista messicano si fa sempre più eclettica e appassionante. Nel dicembre 2016, poche settimane dopo l'incisione del disco in solo di Antonio Sanchez Bad Hombre (pubblicato qualche mese fa), s'è concretizzato nel Rundfunk Studio di Colonia un sogno lungamente accarezzato dal produttore e dal batterista. Un progetto che dà una veste orchestrale a sue passate composizioni (già presenti negli album New Life, Three Times Three e TheMeridianSuite).

Con gli arrangiamenti di Vince Mendoza e il coinvolgimento della WDR Big Band il progetto non poteva che trovare la sua migliore espressione nel quadro di un modern mainstream ritmicamente e timbricamente esplosivo, che esalta quei giochi di sezioni e quel gusto per i contrasti che è stata la cifra espressiva della Thad Jones/Mel Lewis Big Band. All'interno di quelle coordinate il risultato è superlativo. Non poteva essere migliore.

I pregi del disco sono molti ma va sottilineata prima di tutto la coerenza e l'organicità del progetto che non vuol essere solo la vetrina per il virtuosismo del batterista (solo in quattro degli otto brani presenta suoi assoli) ma offre di Sanchez un ritratto complessivo: come compositore, come efficace sideman di una big band tra le migliori al mondo e come solista. Nessuna esaltazione narcisistica dunque ma un jazz orchestrale variopinto (ora liricamente evanescente, ora swingante), dove il contributo dei solisti s'integra magistralmente in orchestrazioni tanto complesse quanto coinvolgenti, dove non mancano soluzioni sorprendenti.

Entrando nel dettaglio del doppio album, in aggiunta al fantasioso e sempre interattivo contributo ritmico/percussivo di Mendoza, i brani presentano momenti avvincenti: il serrato connubio tra Mendoza e la tromba di Ruud Breuls in ”Nooks and Crannies”; l'aristocratico arrangiamento di ”Nighttime Story” su cui emerge la chitarra lievemente country di Paul Shigihara; la ricercata orchestrazione di ”New Life”; l'esplosivo ruolo del batterista nell'accesa dinamica che caratterizza alcune sezioni di ”Channels of Energy”.

CD della settimana.

Track Listing:

CD 1: Minotauro; Nooks and Crannies; Nighttime Story; The Real McDaddy.

CD 2: New Life; Grids and Patterns; Imaginary Lines; Channels of Energy.

Personnel: Wim Both, Rob Bruynen, Andy Haderer, Ruud Breuls, John Marshall, Tom Walsh, Rudiger Baldauf, Lorenzo Ludemann, Martin Reuthner, Jan Schneider: trumpet; Ludwig Nuss, Shannon Barnett, Andy Hunter: trombone; Mattis Cederberg: bass trombone; Johan Horlen, Karolina Strassmayer, Pascal Bartoszak: alto saxophone; Olivier Peters, Paul Heller: tenor saxophone; Jens Neufang: baritone saxophone; Omer Klein, piano; Paul Shigihara: guitar; John Goldsby: bass; Antonio Sanchez: drums; Vince Mendoza: arranger, conductor.

Title: Channels of Energy | Year Released: 2017 | Record Label: CAM Jazz

About Antonio Sanchez
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara