All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Sao Paulo Underground: Cantos Invisiveis

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Sao Paulo Underground: Cantos Invisiveis
Suoni da galassie lontane, scie cosmiche che trasportano in altri mondi, sfrigolii di elettroni che invadono lo spazio fisico, riti sciamanici e nenie incantatorie, suggestioni tribali e distorsioni industriali. Una giungla intricata di sonorità acustiche ed elettroniche nella quale scrittura e improvvisazione sfumano i contorni per trasformarsi in visione. È il nuovo mondo creato da Rob Mazurek e Sao Paulo Underground, un mondo nel quale perdersi è un'esperienza che travalica la semplice fruizione musicale e diventa viaggio ai confini del corpo e dell'anima.

Cantos Invisiveis è pervaso da una spiritualità antropologica che lascia senza fiato, i linguaggi più disparati e improbabili confluiscono in un esperanto cosmico affascinante e contagioso, ogni singolo momento è memorabile, unico e irripetibile, mentre la visione d'insieme supera le tradizionali categorie interpretative. Sao Paulo Underground, qui in versione quartetto per la presenza, oltre ai fedeli Mauricio Takara e Guilherme Granado, del multistrumentista Thomas Rohrer -già nel sestetto di Return the Tides: Ascension Suite and Holy Ghost -, esprime al meglio le potenzialità di una formazione che possiede la ricchezza di una grande orchestra, la duttilità del piccolo combo e respira all'unisono, come un solo organismo.

Intutile soffermarci sui singoli titoli -anche se "Olhauai" possiede la forza ipnotica dei brani che si fissano nell'immaginario collettivo -perchè Cantos Invisiveis è opera organica e collettiva come poche altre. Rob Mazurek sorprende ancora per la capacità di rinnovarsi nella continuità, di veicolare verso nuove forme una creatività che pare inesauribile. E quest'ultimo lavoro lo conferma, caso mai ci fosse ancora qualche dubbio, tra le figure più importanti e splendidamente atipiche dell'attuale scena musicale.

Space is the place, Mr. Mazurek.

Track Listing

Estrada Para o Oeste; Violent Orchid Parade; Cambodian Street Carnival; Lost Corners Boogie; Desisto II; Fire and Chime; Olhaluai; Of Golden Summer, Falling Down from the Sky Like Some Damned Ghost.

Personnel

Rob Mazurek: cornetta, Mellotron, sintetizzatore, Moog, OP-1, percussioni, voce; Mauricio Takara: batteria, cavaquinho, elettronica, Moog, Werkstatt, percussioni, voce; Guilherme Granado: tastiere, sintetizzatore, sampler, percussioni, voce; Thomas Rohrer: rabeca, flauti, sax soprano, elettronica, percussioni, voce.

Album information

Title: Cantos Invisiveis | Year Released: 2016 | Record Label: Cuneiform Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Blessings and Blues
Neil Gonsalves Trio
Socially Distanced Duos
Jeff Pearring/Pearring Sound
Reels
Matthew Shipp / Whit Dickey
Dreamsing
Rachel Musson
Invisible Words
Falkner Evans
Soundscapes
Bob Mintzer & WDR Big Band Cologne
Another Land
Dave Holland

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.