2

Pete Rodriguez: Caminando con papi

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Pete Rodriguez: Caminando con papi Una questione antica e irrisolta della psicologia riguarda il peso che l'ambiente o la dimensione biologia hanno nel determinare ciò che siamo. Nella storia della disciplina si è dato preminenza all'uno o all'altro fattore, con posizioni talvolta radicali con innatisti e comportamentisti in aperto conflitto. Se poi andiamo nel campo artistico il discorso si complica ancor più: i figli dei grandi innovatori sono spesso figure mediocri magari schiacciate dal peso del confronto col padre (Freud insegna) ma talvolta arrivano a splendidi risultati.

Il trombettista Pete Rodriguez sembra incarnare quest'ultimo esempio. Suo padre era il grande "salsero" "El Conde" Rodriguez ma anche l'ambiente in cui è cresciuto ha fatto la sua parte: suo padrino è stato Johnny Pacheco ed il piccolo Pete è cresciuto in un mondo di musicisti accanto a Celia Cruz, Rubén Blades, Eddie Palmieri, ed Hector Lavoe.
In questo disco il titolo va letto a due livelli. In copertina c'è il leader che passeggia con la figlioletta Nayeli ma idealmente si riferisce alla sua filiazione verso il "papi" defunto, pur mostrando di muoversi con personale autonomia stilistica. Affiancato da un pregevole ensemble, in cui spicca Luis Perdomo al pianoforte, Pete Rodriguez evidenzia le sue doti di trombettista tecnicamente ferrato, dal fraseggio cantabile e dal suono brillante e pastoso. Il suo è uno stile in perfetto equilibrio tra la tradizione musicale portoricana e quella del jazz statunitense: dopo un primo brano vocale/strumentale dedicato al padre dai tratti prettamente melodici, la musica si snoda lungo i binari del modern mainstream venato di colori latini, alternando tinte radiose ("Tick- Tock," "No lo queria hecer") ad altre boppistiche ("Arlene," "Shut Up and Play Your Horn") senza indulgere in dimensioni ballabili ed evitando gli stereotipi caratteristici del latin jazz.

Quest'ultima etichetta appare addirittura fuorviante per questo lavoro smagliante e ricco di tensione, dove il virtuosismo di tutti i componenti non maschera feeling e fantasia.

Track Listing: Tambo; Still Searching; Tic-Tock; Arlene; No Lo Queria Hacer; Cabildo; Caminando con Papi; Shut Up & Play Your Horn; It's Not Over Yet; El Camaleon.

Personnel: Pete Rodriguez: tromba, voce; Luis Perdomo: pianoforte; Sam Pankey: contrabbasso; Daniel Dufour: batteria; Robert Quintero: congas, percussioni. Nayeli Rodriguez: voce.

Year Released: 2013 | Record Label: Destiny Records


Related Video

Shop

More Articles

Read Malnoia CD/LP/Track Review Malnoia
by Dan Bilawsky
Published: April 24, 2017
Read Get 'Em CD/LP/Track Review Get 'Em
by Dan McClenaghan
Published: April 24, 2017
Read Radioactive Landscapes EP CD/LP/Track Review Radioactive Landscapes EP
by Troy Dostert
Published: April 24, 2017
Read Wake Up Call CD/LP/Track Review Wake Up Call
by Glenn Astarita
Published: April 24, 2017
Read The Many Minds of Richie Cole CD/LP/Track Review The Many Minds of Richie Cole
by Rob Rosenblum
Published: April 24, 2017
Read LifeCycle CD/LP/Track Review LifeCycle
by Dan Bilawsky
Published: April 23, 2017
Read "Jungle: Live At Okuden" CD/LP/Track Review Jungle: Live At Okuden
by John Sharpe
Published: November 17, 2016
Read "Sooner And Later" CD/LP/Track Review Sooner And Later
by Karl Ackermann
Published: March 4, 2017
Read "Alchemist" CD/LP/Track Review Alchemist
by Roger Farbey
Published: February 1, 2017
Read "The Chicago Plan" CD/LP/Track Review The Chicago Plan
by Glenn Astarita
Published: January 16, 2017
Read "Clean Spring" CD/LP/Track Review Clean Spring
by Budd Kopman
Published: June 21, 2016
Read "Centreline Theory" CD/LP/Track Review Centreline Theory
by Glenn Astarita
Published: September 26, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: ECM RECORDS | BUY NOW  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!