All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Camille Bertault allo Spazio Alfieri di Firenze

Neri Pollastri By

Sign in to view read count

Spazio Alfieri
Firenze
28.4.2018

Brillantissima cantante francese poco più che trentenne, Camille Bertault è stata celebrata un po' in tutto il mondo dopo l'uscita, due anni fa, del suo album d'esordio En vie, ma era diventata famosa ancor prima per i suoi video online nei quali reinterpretava vocalmente brani di John Coltrane, tra i quali quel «Giant Steps» che, opportunamente tradotto, dà il titolo all'ultimo lavoro —Pas de géant —che la cantante presentava nel tour che ha toccato anche alcune città italiane, tra le quali Firenze.

Bertault si è presentata con una formazione rischiosa, accompagnata solo dal piano (elettrico) di Fady Farah e dal contrabbasso di Christophe Mink, quindi senza una rete molto robusta cui poggiarsi per la presentazione di un repertorio, il suo, estremamente variegato e composito: classici del jazz (tra i quali «Là où tu vas», interpretazione proprio di «Giant Steps» sulla quale è costruita una propria rielaborazione originale, e «Very early» di Bill Evans), tradizionali della canzone francese («Comment te dire adieu» di Serge Gainsbourg, cantata alla fine degli anni Sessanta da Françoise Hardy) e molte composizioni originali, alcune delle quali ispirate alla musica brasiliana («Casa de Jade») e perfino alla musica classica («Arbre ravéologique» e, soprattutto, «Goldberg», costruita a partire da un'interpretazione vocale del tema dell'opera bachiana).

Tutte scelte piuttosto pericolose, dunque, ma che fin dall'inizio la giovane francese ha chiaramente mostrato di non temere, anzi, di affrontare a fronte alta e piglio divertito, mettendo in campo, accanto alle doti vocali —vocalizzi, spesso accompagnati da percussioni al petto, e un'abilità interpretativa dei testi tanto autorevole, quanto personale —anche una grande capacità di muoversi sul palcoscenico, cercando soluzioni estrose e mantenendo un forte contatto diretto con il pubblico.

In tutto questo, va detto, eccellente il supporto dei suoi compagni, con Farah che ha cancellato le perplessità riguardo alla scelta di un piano elettrico riuscendo a inserire assoli di eccellente fattura e con l'estroso Mink che ha assecondato la cantante anche dal punto di vista della gestione funambolica del palcoscenico, sia esibendosi in assoli eccellenti ed elaborati —con uso d'archetto e percussioni sul corpo del contrabbasso —sia eseguendo piccoli balletti o presentandosi sul palco a un certo punto con un bicchiere di vino in mano...

Uno spettacolo, quindi, che teneva insieme jazz —musica che tutti e tre i protagonisti hanno mostrato chiaramente di avere nelle loro corde —pop e intrattenimento musicale di alto livello, e che per questo è stato apprezzato dal numeroso pubblico tra le fila del quale non erano troppo numerosi gli habitué del jazz.

Un'unica piccola pecca da segnalare: l'impianto audio non è sembrato perfettamente all'altezza del tipo di spettacolo, lasciando che i toni bassi degli strumenti coprissero troppo spesso la voce della Bertault, della quale si perdeva quantomeno il testo. Comunque un peccato, vista il modo raffinato in cui la cantante francese costruisce le proprie performance.

Foto (di repertorio) di Serge Brunou.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre Live Reviews
Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre
by Ian Patterson
Published: April 22, 2018
Read Tallinn Music Week 2018 Live Reviews
Tallinn Music Week 2018
by Henning Bolte
Published: April 19, 2018
Read James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum Live Reviews
James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum
by Phillip Woolever
Published: April 17, 2018
Read Jocelyn Medina at Jazz at Kitano Live Reviews
Jocelyn Medina at Jazz at Kitano
by Tyran Grillo
Published: April 16, 2018
Read Marbin at The Firmament Live Reviews
Marbin at The Firmament
by Mark Sullivan
Published: April 15, 2018
Read Big Ears Festival 2018 Live Reviews
Big Ears Festival 2018
by Mark Sullivan
Published: April 13, 2018
Read "2018 Hope College Jazz Organ Summit" Live Reviews 2018 Hope College Jazz Organ Summit
by C. Andrew Hovan
Published: March 23, 2018
Read "Sue Rynhart at The Cresent Arts Centre" Live Reviews Sue Rynhart at The Cresent Arts Centre
by Ian Patterson
Published: September 15, 2017
Read "Berlin Jazzfest 2017" Live Reviews Berlin Jazzfest 2017
by Henning Bolte
Published: November 13, 2017