All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

2

Vijay Iyer Trio: Break Stuff

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Dopo l'escursione nel terreno minato del quartetto d'archi e delle ambientazioni cameristiche del precedente lavoro per ECM (Mutations), risolta al solito brillantemente, Vijay Iyer ritorna allo storico trio acustico, con Stephan Crump e Marcus Gilmore, attivo da undici anni, qui al debutto per la prestigiosa etichetta bavarese. E lo fa licenziando il solito grande album, aggiungendo ulteriori tasselli ad una personale interpretazione del piano trio che sembra aver raggiunto in Break Stuff una possibile quadratura del cerchio.

I brani paiono per la maggior parte comparire dal nulla, senza preavviso, senza canoniche introduzioni, e nel nulla scompaiono, assorbiti da un spazio che ne ingigantisce forme, sviluppi e sostanza. La struttura delle composizioni, anche quando apparentemente rigida -Iyer inserisce qua e là le reiterazioni ossessive tipiche della musica carnatica -per un' alchemica combinazione di fattori risulta indefinita, fluttuante, aperta a molteplici soluzioni, svincolata dalla forza di gravità della routine e di scontate evoluzioni.

Ma sono la concezione del silenzio e l'uso delle pause a caratterizzare l'incisione, elementi semantici che fungono da catalizzatori di pensieri e di risorse. Attorno a queste assenze prendono forma delle vere e proprie agorà creative nelle quali i musicisti rispondono a sollecitazioni non previste, rielaborano stimoli e sviluppano strategie improvvisative di impensabile vitalità ritmica. Il tocco di Iyer diventa poi il valore aggiunto di una formazione compatta, dinamica, sofisticata, imprevedibile. Naturalmente camaleontico, riveste secondo necessità le esecuzioni di sonorità concertistiche, di coloriture scintillanti vicine al Fender Rhodes o di secche dissonanze, mantenendo viva e riconoscibile una cifra stilistica del tutto originale.

Così anche i tre standard presenti in Break Stuff risultano funzionali ad una visione musicale perennemente proiettata in avanti e consapevolmente ancorata ai maestri. In "Work," ad esempio, Iyer aggiunge essenzialità ad essenzialità, rispetta le traiettorie oblique care a Thelonious Monk, ne conserva gli elementi oscuri e misteriosi ma fa emergere una vena di delicato swing che crea un riuscito gioco di contrasti con gli umori della composizione. "Blood Count," ultimo brano uscito dalla penna di Billy Strayhorn, è un piano solo di rara intensità, commovente, minimale, spogliato da qualsiasi orpello di retorica, ma tremendamente evocativo. Meraviglioso poi è lo svelamento di "Countdown" -il brano più corto (poco più di due minuti) del seminale Giant Steps di John Coltrane -con il trio che, dopo aggrovigliati percorsi melodici e frammentate scansioni ritmiche, fa emergere maestosa una sequenza di accordi entrata nella storia del jazz.

Track Listing: Starlings; Chorale; Diptych; Hood; Work; Taking Flight; Blood Count; Break Stuff; Mystery Woman; Geese; Countdown; Wrens.

Personnel: Vijay Iyer: piano; Stephan Crump: double bass; Marcus Gilmore: drums.

Title: Break Stuff | Year Released: 2015 | Record Label: ECM Records

About Vijay Iyer
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan
Read Roma
Roma
By Mike Jurkovic
Read e-motion
e-motion
By Nicholas F. Mondello
Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann
Read Sounds of 3 Edition 2
Sounds of 3 Edition 2
By Geno Thackara