0

Brda Contemporary Music Festival 2017

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Brda Contemporary Music Festival 2017
Smartno, Slovenia
14-16.09.2017

Nel suo appuntamento annuale a Šmartno, sulle colline del Collio sloveno poco oltre Gorizia, il "Brda Contemporary Music Festival" continua a presentare il meglio della musica improvvisata europea.
Un piccolo ma significativo evento giunto alla settima edizione, che raccoglie un affezionato pubblico dalla Slovenia e dall'Italia, con qualche presenza centro-europea. Dal 14 al 16 settembre si sono alternati sul palco dell'Hisa Kulture artisti d'alto spessore ed ha concluso il saggio degli iscritti al workshop di Saadet Turkoz e Trevor Watts. La cantante turco-kazakha e il magistrale sassofonista britannico erano le massime presenze internazionali ma non gli unici motivi d'interesse. Il direttore artistico del festival Zlatko Kaućić suggerisce ogni anno inattese o inedite collaborazioni tra i musicisti ospitati: è accaduto col trio "Disorder at the Border" (Daniele D'Agaro -Giovanni Maier -Zlatko Kaucic) che ospitava il sassofonista inglese Tobias Delius; con l'inedito duo tra il flautista Massimo De Mattia e il pianista Milko Lazar; con il duo tra il chitarrista Igor Bezget e il pianista Dejan Berden; col trio dei sassofonisti Trevor Watts, Bostjan Simon e Cene Resnik. Ma andiamo per ordine.

Il primo appuntamento s'è svolto nei locali che ospitavano la bella mostra fotografica di Luca D'Agostino, con l'esibizione del compositore e multistrumentista Lado Jakša: un suggestivo progetto multimediale che connetteva le sue libere improvvisazioni al fluire di fotografie manipolate. Poco dopo, nella chiesa di Šmartno, Saadet Turköz ha offerto un'esibizione solitaria di palpitante bellezza, nel suo evocare canzoni tradizionali turche e kazakhe. La sua performance ha alternato momenti melodicamente struggenti ad altri sperimentali, con esempi di canto armonico, inflessioni microtonali, inconsuete emissioni timbriche che si spingevano a evocavare il verso di animali. Un'esibizione ricca di pathos, dove la mimica facciale e la gestualità costituivano un universo integrato all'emissione vocale.
Ha concluso la prima serata il concerto del citato trio "Disorder at the Border" con Tobias Delius ospite. I due sassofonisti sono maturati assieme frequentando la scena della musica improvvisata olandese negli anni ottanta e questo concerto è stata l'occasione per una reunion (in quegli anni in Olanda c'era pure Kaucic). È appropriato definire il loro set composizione istantanea piuttosto che libera improvvisazione, vista lo spiccata empatia e la chiarezza evidenziata nell'elaborazione collettiva. Il quartetto ha sviluppato quattro lunghe performance con D'Agaro e Delius che s'alternavLano al tenore e al clarinetto. Una musica senza cali di tensione, che ha privilegiato un dialogo appassionato e vibrante. La variopinta trama percussiva e il ricco dinamismo del contrabbasso hanno condiviso invenzioni musicali di particolare ricchezza, con il tenore di D'Agaro propenso a esplorare la timbrica medio alta e Delius quella grave.

Ancora tre concerti la sera successiva. Ha iniziato il trio flauto/synth/percussioni di Paolo Pascol, Alberto Novello e Vid Drašler. Il primo opera da 15 anni nel campo della musica improvvisata ed elettroacustica in progetti discografici e in concerto assieme a Giorgio Pacorig, Piero Bittolo Bon, Giancarlo Schiaffini e molti altri; Novello è artista audio-visivo e compositore con una laurea in fisica nucleare, numerosi master e riconoscimenti internazionali nonchè un lunghissimo elenco di installazioni e performance di musica contemporanea, alcune delle quali con Evan Parker e Butch Morris; Drašler è un percussionista già allievo di Kaucic, leader di proprie formazioni e molto attivo in Slovenia nell'ambito della musica improvvisata. Il set è stato caratterizzato dal fantasioso ruolo della strumentazione elettronica che lungi dal creare fondali suggestivi, ha dialogato da protagonista con i flauti, sax tenore e batteria fino a raggiungere climax di grande forza espressiva.

Ancora sorprendente il successivo duo sloveno tra il chitarrista Igor Bezget e il pianista Dejan Berden. Dotati entrambi di un ricco retroterra classico il loro incontro ha sciorinato un lirismo raro in performance di libera improvvisazione, facendo venire in mente addirittura il celebre incontro tra Bill Evans e Jim Hall. Sequenze caratterizzate da lunghi e incisivi fraseggi hanno lasciato il posto a momenti più rarefatti, affascinanti per la delicatezza degli intrecci.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Herbie Hancock at the Gaillard Center Music Hall Live Reviews Herbie Hancock at the Gaillard Center Music Hall
by Rob Rosenblum
Published: October 23, 2017
Read Redwood City Salsa Festival 2017 Live Reviews Redwood City Salsa Festival 2017
by Walter Atkins
Published: October 17, 2017
Read AJAZZGO Festival in Cali, Colombia Live Reviews AJAZZGO Festival in Cali, Colombia
by Mark Holston
Published: October 13, 2017
Read "SFJAZZ Collective At SFJAZZ" Live Reviews SFJAZZ Collective At SFJAZZ
by David Becker
Published: October 24, 2016
Read "Pat Martino at Dazzle" Live Reviews Pat Martino at Dazzle
by Douglas Groothuis
Published: September 2, 2017
Read "Bray Jazz Festival 2017" Live Reviews Bray Jazz Festival 2017
by Ian Patterson
Published: May 9, 2017
Read "Jazzkaar 2017" Live Reviews Jazzkaar 2017
by Martin Longley
Published: May 29, 2017
Read "Enjoy Jazz 2016" Live Reviews Enjoy Jazz 2016
by John Kelman
Published: November 7, 2016

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.