0

Bill Frisell Trio alla Casa del Jazz di Roma

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Bill Frisell Trio
Summertime 2017
Casa del Jazz
Roma
21.07.2017

Il chitarrista Bill Frisell ha aperto e chiuso in Italia il tour europeo del suo trio. Dopo l'esordio a Bologna, il concerto di Roma è il penultimo, seguito solo da un'ulteriore tappa in Sardegna prima del rientro negli Stati Uniti. Era da alcuni anni che Frisell mancava dalle scene della capitale, ed è la prima volta che suona alla Casa del Jazz. Accompagnato dal bassista Tony Scherr e dal batterista Kenny Wollesen, il chitarrista si presenta sul palco e senza troppi convenevoli comincia a suonare, liberando il timbro inconfondibile della sua chitarra.

Il set è una summa della musica di Frisell, mescolando jazz, rock blues e country in un amalgama continuo, senza interruzione tra i brani; l'unica pausa in tutto il concerto sarà per permettere al bassista di passare dallo strumento elettrico al contrabbasso. Nessuna concessione al pubblico, che potrebbe anche non essere presente; il chitarrista suona rivolto sempre verso Scherr, lasciando che sia la sua musica, e in particolare la sua chitarra, a comunicare con la platea.

I brani (tra cui si riconosce "Throughout," tema presente nel suo disco d'esordio) sono legati come una lunga suite, e permettono a Frisell di esibire il suo personalissimo stile, tutto giocato su timbri e dinamiche anziché sui lick e le frasi a effetto, nel quale gli spazi tra le note sono tanto importanti quanto le note stesse, aiutandosi occasionalmente con un uso oculato dei loops. Dopo poco più di un'ora di concerto, al termine del brano di Bacharach "What the World Needs Now Is Love," il trio accenna a lasciare il palco, ma viene richiamato a gran voce per un doveroso bis. C'è spazio per un altro paio di brani, prima di terminare definitivamente con "You Only Live Twice," presente nel suo recente album When You Wish Upon a Star.

A ogni appuntamento Frisell si conferma come uno dei chitarristi più interessanti della sua generazione (la stessa di Pat Metheny, John Scofield e Mike Stern per citarne solo alcuni), padrone di uno stile e una tecnica molto personali che riesce a sfruttare sempre con originalità in tutti gli ambiti in cui si trova a operare, siano essi progetti propri o collaborazioni con altri artisti, e capace di sorprenderci ogni volta con qualche novità.

Foto: Claudio De Pretis

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Herbie Hancock at the Gaillard Center Music Hall Live Reviews Herbie Hancock at the Gaillard Center Music Hall
by Rob Rosenblum
Published: October 23, 2017
Read Redwood City Salsa Festival 2017 Live Reviews Redwood City Salsa Festival 2017
by Walter Atkins
Published: October 17, 2017
Read AJAZZGO Festival in Cali, Colombia Live Reviews AJAZZGO Festival in Cali, Colombia
by Mark Holston
Published: October 13, 2017
Read "Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy Concert 2016" Live Reviews Mary Ellen Desmond: Comfort and Joy Concert 2016
by Victor L. Schermer
Published: December 17, 2016
Read "Lewis Nash and Steve Wilson at JazzNights" Live Reviews Lewis Nash and Steve Wilson at JazzNights
by David A. Orthmann
Published: April 18, 2017
Read "Freihofer's Saratoga Jazz Festival 2017" Live Reviews Freihofer's Saratoga Jazz Festival 2017
by R.J. DeLuke
Published: July 5, 2017
Read "SFJAZZ Collective at the Music Box Supper Club" Live Reviews SFJAZZ Collective at the Music Box Supper Club
by C. Andrew Hovan
Published: April 28, 2017
Read "38th Annual Detroit Jazz Festival" Live Reviews 38th Annual Detroit Jazz Festival
by C. Andrew Hovan
Published: September 15, 2017

Sponsor: ECM Records | BUY IT!  

Support our sponsor

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.