All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Bill Dixon - Rob Mazurek: Bill Dixon with Exploding Star Orchestra

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Bill Dixon è una di quelle rare icone del free jazz ancora viventi le cui registrazioni (una rarità!) si fanno ogni volta, grandemente, apprezzare. L’ultimo lavoro del trombettista americano, uscito per la Thrill Jockey, è una sorta di grande sinfonia orchestrale in tre atti, frutto della collaborazione con il cornettista Rob Mazurek e la sua Exploding Star Orchestra.

Le traiettorie musicali di Dixon e Mazurek, incontratisi al Guelph International Jazz Festival in Ontario (Canada) nel 2006 per un workshop e decisi ad approfondire l’amicizia con ulteriori collaborazioni, partono da esperienze diverse, nello spazio e nel tempo, per convergere e amalgamarsi in questo lavoro con grande naturalezza e freschezza.

Dopo i fiorenti anni Sessanta, in cui è stato al fianco di Paul Bley, Sun Ra e Archie Sheep, Dixon si è dedicato all’insegnamento presso il Bennington College (1968-1996), con qualche isolata partecipazione a festival e workshop. Musicista emergente degli anni Novanta, Mazurek si è distinto negli ultimi anni per i suoi molteplici progetti che l’hanno visto occupato su diversi fronti. L’idea di unire le due traiettorie non era dunque facile da realizzare ma a fondere con grande maestria lo stile compositivo di Dixon (“Entrances” one e two) a quello di Mazurek (“Constellations for Innerlight Projections”) ci ha pensato una straordinaria Explodig Star Orchestra, composta da giovani, esplosivi, talenti emergenti chicagoani.

La sinfonia a due mani e tre atti è composta da due “Entrances” composte da Dixon dentro le quali si incunea “Constellations for Innerlight Projections” di Mazurek. Dixon affonda sulla linea principale, scortato a giusta distanza dai fiati più giovani. I suoi colpi sono lunghi, secchi, sicuri, decisamente incisivi. La coltre sonora che si crea nei primi minuti della prima “Entrance”, dove predominano senz’altro i fiati, con le batterie di sfondo a dar dinamismo, è davvero densa. Segue un lungo momento d’arresto, in cui si dipana il discorso dei bassi, di un leggerissimo vibrafono, e di un piano capace di tessere una fitta maglia di arabeschi. Il tono di questo primo atto è grave e greve.

“Constellations for Innerlight Projections” non può non far pensare a Sun Ra, evocato non solo nel titolo, ma anche nell’atmosfera, nel mood, nelle trame pulviscolari che via via si vanno tessendo. La voce quasi celestiale di Damon Locks dopo due minuti abbondanti viene sommersa da un’esplosione di suoni orchestrali disorganici e massacranti. È questo il punto di partenza per un viaggio senza ritorno, un fitto ed etereo dialogo tra Dixon e Mazurek, accompagnato da inserimenti orchestrali che spezzano, con pesantezza voluta e forzata, la sottile linea dialogica che i due creano.

Il ritorno alla seconda “Entrances” è piacevolmente melodico, non senza sorprese! Si cavalca a lungo un’onda ritmica orchestrale su cui si inseriscono tromba e cornetta, amplificate e/o ristrette ad uopo. La chitarra gioca a fare l’eco ai riff della tromba, in un continuo e sempre intrigante sovrapporsi e confondersi di dialogo tra strumenti. L’aspetto interessante di questo lavoro consiste per l’appunto nella capacità dei suoi compositori ed esecutori, pur ancorati ad un progetto di jazz esplicitamente d’avanguardia, di non perdere mai piacere nel gioco orchestrale, nei suoi chiaro, scuri, riservando così grande attenzione alle esplosioni di dinamismo e personalità dei singoli.

Lavoro di grande bellezza. Da ascoltare a più riprese, e lo sarà ancora a lungo, tanto ricco di sfumature com’è!

Track Listing: Entrances/One; Constellations For Innerlight Projections (For Bill Dixon); Entrances/Two.

Personnel: Bill Dixon: trumpet, composer; Rob Mazurek: cornet, composer; Nicole Mitchell: flute; Matt Bauder: bass clarinet, tenor saxophone; Jeb Bishop: trombone; Josh Berman: cornet; Jeff Parker: guitar; Jim Baker: piano; Jason Adesewicz: vibraphone, tubular bells; Matthew Lux: bass guitar; Jason Ajemian: double-bass; Mike Reed: drums, timpani; John Herndon: drums; Damon Locks: voice (2).

Title: Bill Dixon With Exploding Star Orchestra | Year Released: 2008 | Record Label: Thrill Jockey

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019