All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

Big Satan al Pinocchio di Firenze

Big Satan al Pinocchio di Firenze
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Big Satan
Pinocchio Live Jazz
Firenze
24.2.2018

Momento di punta dell'eccellente rassegna di quest'anno, il prestigioso trio Big Satan è arrivato al Pinocchio Live Jazz di Firenze l'ultimo sabato di febbraio. Capitanata dall'altosassofonista Tim Berne, affiancato dalla chitarra di Marc Ducret e dalla batteria di Tom Rainey, Big Satan è una formazione che esiste da venticinque anni, anche se -per esplicita loro ammissione -negli ultimi quindici ha suonato pochissimo. L'occasione era quindi ghiotta e l'attesa non è stata tradita.

L'intesa tra i tre e le loro eccezionali capacità espressive, infatti, sono sembrate tutt'altro che arrugginite dal tempo e hanno nutrito l'ora e mezzo di un concerto sviluppatosi attraverso una serie di brani sorretti da composizioni scritte, molto serrate e articolate, attorno alle quali i tre hanno liberato la loro creatività.

Brani di una certa lunghezza, con atmosfere scure condotte dalle linee sinuose di un Berne che in questo contesto da il meglio di sé, sciorinando l'intero suo repertorio espressivo allo strumento: fraseggio frammentato e ricco di scarti e variazioni, andamento ipnoticamente circolare favorito dalle composizioni come detto densissime (Berne è sembrato restare più degli altri aderente alla pagina scritta), ma anche catartici slanci dal marcato dinamismo, nel corso dei quali la voce del contralto è risuonata tesa ed espressiva come da tempo non gli ascoltavamo.

A sostegno del sax, ma allo stesso tempo sempre pronti a farsi protagonisti -sia in duo, sia in assolo -i due compagni di viaggio, capaci se possibile di essere ancor più emozionanti di Berne: Ducret, unico alla chitarra elettrica tanto per il suono, estremamente personale e ricercato, quanto per le invenzioni, realizzate anche attraverso l'uso degli artifici elettronici, ma senza né eccessi, né esibizionismo; Rainey, che ha interpretato il proprio ruolo in modo sorprendente, con costante variazione di ritmi e di stilemi, ma soprattutto con una mobilità e una creatività entusiasmanti anche a vedersi.

Concerto intenso, dunque, nonostante la stanchezza dei tre e la loro partenza prevista nella nottata, solo tre ore più tardi. E assai apprezzato da un pubblico che, vista la rara occasione, era finalmente folto.

Foto: Marco Benvenuti

Tags

comments powered by Disqus

Live Reviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Souls Saved Hear

Souls Saved Hear

Thirsty Ear Recordings
2004

buy

Related Articles

Read Burlington Discover Jazz Festival 2018 Live Reviews
Burlington Discover Jazz Festival 2018
by Doug Collette
Published: June 13, 2018
Read Le French May’s Live Jazz Series in Hong Kong Live Reviews
Le French May’s Live Jazz Series in Hong Kong
by Rob Garratt
Published: June 11, 2018
Read Michelle Lordi at Philadelphia Museum of Art Live Reviews
Michelle Lordi at Philadelphia Museum of Art
by Victor L. Schermer
Published: June 10, 2018
Read Andy Hague Quintet at The Bronx Bar Live Reviews
Andy Hague Quintet at The Bronx Bar
by Barry Witherden
Published: June 10, 2018
Read Atlanta Jazz Festival 2018 Live Reviews
Atlanta Jazz Festival 2018
by Mark Sullivan
Published: June 9, 2018
Read Vision Festival 2018 Live Reviews
Vision Festival 2018
by John Sharpe
Published: June 5, 2018
Read "Vilnius Mama Jazz  Festival 2017" Live Reviews Vilnius Mama Jazz Festival 2017
by John Sharpe
Published: November 28, 2017
Read "Sur Ecoute at The Bronx Bar & 'Cue" Live Reviews Sur Ecoute at The Bronx Bar & 'Cue
by Barry Witherden
Published: March 1, 2018
Read "Kerava Jazz 2018" Live Reviews Kerava Jazz 2018
by Anthony Shaw
Published: June 1, 2018
Read "Pat Metheny at Belfast Waterfront" Live Reviews Pat Metheny at Belfast Waterfront
by Ian Patterson
Published: November 19, 2017
Read "Meg Morley Trio at 606 Club" Live Reviews Meg Morley Trio at 606 Club
by Gareth Thomas
Published: April 13, 2018