All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Benoit Martiny Band: Benoit Martiny Band

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Disco omonimo in cui impavidi musicisti tra Olanda, Belgio, Italia, suonano le composizioni/improvvisazioni di Benoit Martiny.

Si parte subito con la fanfara rock di "Present Dance," con una chitarra che fa tanto hard rock e lascia libera strada ai sassofoni. Una allegra dichiarazione di intenti questo primo brano: nulla sarà concesso ad un eventuale pigro ascoltatore.

Ecco infatti con "Seriously Damaged" ascoltarli attaccando violentemente con un ritmo ska in levare, proseguire senza paura verso strade hard rock, mentre la batteria picchia, e i sassofoni eludono inizialmente, ma poi ci riconducono al tema principale.

Infatti, il metodo utilizzato per le strutture dei brani è sicuramente quello di una improvvisazione "controllata," dove le parti lasciate alla libera interpretazione dei musicisti hanno durate prestabilite.

"Silent Phones" è esempio chiaro di questa "regola/non regola," un lungo brano dove si ascolta una chitarra acustica, poi elettrica, un coro, tutte parti che elaborano una tensione d'attesa per il tema portante, una facile melodia quasi pop e orecchiabile.

Più jazz e swing la batteria di "Katrina's Voodoo," mentre la chitarra dissona dapprima, e lascia di stucco dopo, debordante ai confini del metal.

Così southern blues è invece "Out of the Bubble," con la sua cadenza affannata e la chitarra con tanto di slide e armonica. Non abbiamo tuttavia nemmeno il tempo di completare queste righe che la band ci porta verso un'altra strada, frenetica, ossessiva e minacciosamente metal. Il tutto, come da copione, nello stesso medesimo brano.

"Invasion" è una poetica e sorniona composizione indefinibile, appunto sui generis, malinconica, romantica, attardata, con un preciso solo di contrabbasso, un altro solo motivatamente hendrixiano di chitarra elettrica, con le corde di quella che presupponiamo essere una fender stratocaster, martoriate tra urla pazze di sassofoni.

Non crediamo che con questo album la band di Benoit Martiny abbia completato il suo ciclo, è abbastanza urgente infatti una ricerca forse affinata e lunga sulla materia del suono, soprattutto in fase di registrazione in studio. I sassofoni ad esempio, sono registrati troppo "vicino" all'ascoltatore mentre la chitarra dovrebbe variare maggiormente nella scelta delle equalizzazioni e nella varietà delle distorsioni. E' quello che spesso impone la completa schizofrenia stilistica. Una ricerca approfondita.

Track Listing: 01. Present Dance 02. The Devil On My Trail 03. Seriously Damaged 04. Silent Phones 05. Katrina's Voodoo 06. Out Of The Bubble 07. The Most Relaxed Cows In The World Live In India 08. No Choice 09. Invasion. Tutti i brani sono di Benoit Martiny, tranne 07 (B.Martiny/S.Kem).

Personnel: Benoit Martiny (batteria, armonica, voce); Sandor Kem (contrabbasso, basso acustico, sussurri); Frank Gones (chitarra elettrica, voce); Daniele Martini (sassofono tenore, flauto indiano, bacchette, voce); Jasper van Damme (sassofono alto, voce).

Title: Benoit Martiny Band | Year Released: 2009

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
 

Live in Hamburg: The...

Rialto Center for the Performing Arts
2013

buy
 

Dirty Baby

Cryptogramophone
2011

buy

Related Articles

Read Shafted Album Reviews
Shafted
By Edward Blanco
July 17, 2019
Read Live at the Bird’s Eye Jazz Club Album Reviews
Live at the Bird’s Eye Jazz Club
By Don Phipps
July 17, 2019
Read New Year Album Reviews
New Year
By Dan Bilawsky
July 17, 2019
Read Confluence Album Reviews
Confluence
By Karl Ackermann
July 17, 2019
Read Confluence Album Reviews
Confluence
By Dan McClenaghan
July 16, 2019
Read Movimenti Album Reviews
Movimenti
By Geno Thackara
July 16, 2019
Read A New Home Album Reviews
A New Home
By Mark Corroto
July 16, 2019