All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Mary Halvorson Quintet: Bending Bridges

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Ex allieva di Anthony Braxton, Mary Halvorson ha l'aspetto da prima della classe, di quelle compagne con la mano sempre alzata. Ma, come si sa, le apparenze ingannano, e la bionda chitarrista di Boston non solo i suoi talenti li ha coltivati per bene ma li ha condivisi con una serie infinita di musicisti noti e meno noti. Per poi allestire una serie di formazioni che vanno dal duo con Jessica Pavone, al trio, al settetto fino al quintetto in questione, attraverso le quali dare piena, compiuta e sfaccettata realizzazione alle proprie visioni musicali.

Il quintetto che licenzia Bending Bridges, seconda testimonianza discografica dopo l'eccellente Saturn Sings, è formidabile. Formidabile la sezione ritmica (sfrontato e imprevedibile Chess Smith alla batteria, dalla pulsazione creativa il contrabbasso di John Hebert), formidabile la front-line ( difficile da imbrigliare in un etichetta stilistica il contralto di Jon Irabagon, la classicità in versione metafisica la tromba di Johnatan Finlyson), formidabile il leader (il suono di chitarra più identificabile nell'attuale panorama della sei corde elettrica).

Ma niente a che vedere con l'idea di super-gruppo creato ad hoc per quell'evento, quel festival o quella celebrazione. Bensì un manipolo di eccellenti musicisti dalla mente aperta e dalla curiosità innata che mettono il loro talento al servizio di un progetto comune. Le composizioni di Halvorson evolvono, si modificano, prendono indirizzi imprevisti proprio grazie alle intuizioni ed ai pensieri dei suoi compagni di viaggio.

Così "Sinks When She Rounds the Bend" si apre come un'adagio di Albinoni in versione nuovo millennio, fiati pastosi e misurati, chitarra minimalista, contrabbasso tra avanguardia e orchestra classica. Poi gli elementi sembrano frullare impazziti nell'aria scatenando una tempesta di dissonanze e turbolenze sonore che stravolgono e minano profondamente le sicurezze acquisite fin lì dell'ascoltatore.

Il seguente "Hemorrhaging Smiles," chorus da fischiettare sotto la doccia, difficile da allontanare dai propri pensieri, fornisce ampia dimostrazione dell'abilità compositiva di Halvorson. Trame apparentemente semplici che si aggrovigliano in intrecci mozzafiato sono rese coerenti ed organiche da arrangiamenti che rendono fluidi i passaggi più intricati senza lasciare per strada un'oncia della forza originaria, con momenti di precaria tranquillità che fanno intravedere all'orizzonte nubi gonfie di pioggia. Ogni composizione è così un mondo tutto da scoprire, finestra che ascolto dopo ascolto si apre su nuovi paesaggi, lente di ingrandimento che coglie frammenti e particolari nascosti.

Tra i candidati a disco dell'anno.

Track Listing: 01. Sinks When She Rounds the Bend (No.22); 02. Hemorrhaging Smiles (No.25); 03. Forgotten Men in Silver (No.24); 04. Love in Eight Colors (No.21); 05. The Periphery of Scandal(No.23); 06. That Old Sound (No.27); 07. Sea Cut Like Snow (No.26); 08. Deformed Weight of Hands (No.28); 09. All the Clocks (No.29). Tutte le composizioni sono di Mary Halvorson.

Personnel: Johnathan Finlayson (tromba); Jon Irabagon (sax alto); Mary Halvorson (chitarra); John Hebert (contrabbasso); Ches Smith (batteria).

Title: Bending Bridges | Year Released: 2012 | Record Label: Jazz Messengers

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

What Have We Here

What Have We Here

Jon Irabagon
Inaction is An Action

The Cost of Modern Living

The Cost of Modern Living

Jon Irabagon
Behind The Sky

Radio
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Dr. Quixotic's Traveling Exotics

Dr. Quixotic's...

Irabbagast
2018

buy
Behind The Sky

Behind The Sky

Self Produced
2016

buy
Inaction is An Action

Inaction is An Action

Self Produced
2016

buy
Inaction is An Action

Inaction is An Action

Self Produced
2015

buy
Behind The Sky

Behind The Sky

Self Produced
2015

buy
It Takes All Kinds

It Takes All Kinds

Jazzwerkstatt Berlin-brandenburg E.v.
2014

buy

Related Articles

Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Nicholas F. Mondello
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019
Read All I Do Is Bleed Album Reviews
All I Do Is Bleed
By Paul Naser
May 21, 2019
Read LE10 18-05 Album Reviews
LE10 18-05
By Karl Ackermann
May 20, 2019
Read Remembering Miles Album Reviews
Remembering Miles
By Dan McClenaghan
May 20, 2019
Read Merry Peers Album Reviews
Merry Peers
By Bruce Lindsay
May 20, 2019